05 October 2016

Prime foto delle Kawasaki Z650 e Z900 che vedremo a Eicma

Al Salone di Milano 2016  sono attese due nuove Kawasaki 2017, la Z650 e la Z900. Bicilindrica la prima, quadricilindrica la seconda, hanno un design molto personale, caratterizzato anche dalla scelta di non nascondere la meccanica e la ciclistica, compreso il verde traliccio. Le prime foto ufficiali

Ecco le nuove “Z”

Con Intermot 2016 ancora in pieno svolgimento (cliccate qui per tutte le novità e votate le vostre preferite), lo sguardo comincia già a spostarsi sul prossimo salone di Milano. Vi abbiamo già dato qualche anticipazione su cosa porteremmo BMW, Ducati, Honda, KTM, Moto Guzzi, Yamaha… Ma si tratta di voci di corridoio, più o meno attendibili. C’è però una Casa che ha detto chiaramente cosa porterà: Kawasaki. Presentando le varie novità del Salone di Colonia - trovate qui tutte le nuove “verdone” 2017 viste a Intermot -, gli uomini di Akashi hanno dato una gustosissima anteprima di cosa ci aspetta a Milano. Alla fiera di Rho-Pero arriveranno infatti le nuove Z650 e Z900, due naked inedite dal design fortemente caratterizzato e ispirato alle linee della mitica H2/H2R e della Z1000.

Guardate le prime foto, poi parliamo di tecnica.

Z650: nuova cattiveria bicilindrica

A Intermot, Kawasaki ha presentato la nuova Ninja 650, praticamente la nuova versione dell’attuale ER-6f. Perfettamente comprensibile, quindi, che la stessa base abbia dato origine anche alla versione nuda, che però cambia coerentemente anche lei nome. La ER-6n diventa Z650 e accoglie le novità tecniche introdotte sulla carenata, il tutto con un “vestito” super aggressivo, molto di più di quanto sia mai stato il look della naked media bicilindrica di Akashi (che anzi aveva nel design uno dei sui punti meno forti).
Nuova è la ciclistica, con porzione anteriore a traliccio (peso 15 kg) e nuovo forcellone. I tubi sono il più possibile rettilinei e, dove sono necessarie delle curve, le pieghe sono contenute al massimo. Una particolare tecnologia di analisi by Kawasaki è stata usata per determinare il miglior equilibrio tra rigidità e flessibilità, con il motore utilizzato come elemento stressato (lo sono anche i supporti delle pedane, realizzati in alluminio e resina). Il forcellone ad ala di gabbiano è inedito e anch’esso leggero (4,8 kg), mentre il ridotto interasse e l’angolo di sterzo di 24,5° contribuiscono alla maneggevolezza. Il telaietto posteriore è in tubi e completa la struttura.
Come per la Ninja 650, la sospensione posteriore sfrutta un leveraggio Horizontal Back-link. L'ammortizzatore e il leveraggio sono posti sopra il forcellone. Questa disposizione contribuisce all'accentramento della massa, garantendo anche che la sospensione si trovi sufficientemente lontana dal tubo di scarico, in modo che non sia esposta al calore emesso. Il reparto sospensioni è completato dalla forcella tradizionale con steli da 41 mm di diametro, chiusa superiormente da un’inedita piastra di sterzo rinforzata.
I freni consistono in una coppia di dischi anteriori a margherita (300 mm di diametro) morsi da pinze assiali a doppio pistoncino, abbinati ad un disco posteriore da 220 mm. Il tutto assistito dall’ABS Bosch 9.1M.
Il peso dichiarato è di 187,1 kg.
 
Più muscoli in basso
Il motore è il conosciuto bicilindrico parallelo di 649 cc, rivisto e ottimizzato nell’aspirazione, nella distribuzione e nelle tarature per l’erogazione ai bassi e medi regimi morbida e progressiva, ma sempre corposa. Il tutto con benefici effetti sui consumi, la Casa dichiara infatti un consumo medio di 23,4 km/litro. Nuovo è anche l’impianto di scarico: la costruzione interna della marmitta e la disposizione del catalizzatore garantiscono emissioni conformi alla Euro 4. La frizione servoassistita antislittamento è stata sviluppata in collaborazione con il reparto corse. Sfrutta due tipi di camme (servoassistita e antislittamento) per offrire due nuove funzionalità non disponibili su una frizione standard. Il design inedito della marmitta, dei carter e dei coperchi del motore contribuisce a sottolineare che ci troviamo di fronte ad una moto tutta nuova.
 
Sugomi design
Passando allo stile, è evidente l’accelerazione che i designer Kawasaki hanno impresso al nuovo modello rispetto alla ER-6n: l’ispirazione arriva dal concetto di Sugomi Design introdotto dalla Kasa di Akashi a Eicma 2015 e persegue l’obbiettivo di rendere evidente fin dal primo sguardo il senso di leggerezza, aggressività e sportività. Gli elementi di carrozzerie sono affilati e compatti, inedito il faro anteriore a tre luci, racchiuso da in un aggressivo cupolino che comprende anche la nuova strumentazione (contagiri analogico di grandi dimensioni, affiancato da varie spie da un lato e da un indicatore della marcia inserita e un display LCD multifunzionale dall'altro), posteriore a Led a forma di “Z” amplifica il tutto, ma il top si raggiunge con il copri codone monoposto. La sella dista solo 790 mm da terra e copre un vano che può contenere un antifurto a “U” e altri piccoli oggetti. In tema di ergonomia e funzionalità, si segnalano i nottolini per fissare la rete porta bagagli ai supporti delle pedane posteriori.
La Kawasaki Z650 arriverà nelle colorazioni Pearl Flat Stardust White/ Metallic Spark Black, Candy Lime Green/Metallic Spark Black, Metallic Flat Spark Black/Metallic Spark Black e Metallic Raw Titanium/Metallic Spark Black.
Sono previsti numerosi accessori originali
  • Cover sella monoposto
  • Borse morbide (14 litri l’una)
  • Bauletto da 30 litri
  • Borsa da serbatoio (4 litri)
  • Cover strumentazione maggiorata
  • Nastro per filetti ruote
  • Antifurto a U
  • Cover radiatore
  • Tamponi para telaio
  • Protezione serbatoio

Z900 2017: la supernaked è servita

L’introduzione della nuova normativa Euro 4 ha costretto praticamente tutti i costruttori a rivedere, a volte pesantemente, il propri modelli. Alcuni hanno semplicemente aggiornato i motori e altri elementi, come richiesto dalla legge; altri ne hanno approfittato per un restyling leggero; altri infine hanno fatto il passo completo, presentando modelli del tutto nuovi. Lo ha fatto Kawasaki, ad esempio, che non ha semplicemente aggiornato la Z800, preferendo cogliere l’occasione di lanciare una nuda sportiva tutta nuova, una via di mezzo tra la maxi Z1000 e la Z650 di cui abbiamo appena parlato.
Nasce quindi la Z900, un nome impegnativo (vi dicono nulla le sigle Z1, Ninja/GPz900R, Ninja ZX-9R?) per una supernaked mossa da un 4 cilindri in linea di 948 cc. La Z800 attuale ha un 806 cc, la Z100 un 1.043 cc, quindi si configura una “quasi” sovrapposizione tra Z900 e Z1000, sempre che Akashi non decida di pensionare la “Zetona” in vista dell’arrivo di una nuova naked top di gamma, magari con un motore di cilindrata… umana ma sovralimentato (se ne parla con troppa insistenza per non crederci).
 
125,4 CV che ululano
Dicevamo che il motore della Z900 è un nuovo 4 cilindri in linea da 948 cc, cilindrata scelta per avere tiro ai bassi e anche allungo. Il nuovo propulsore è basato proprio su quello della Z1000, con  misure di alesaggio/corsa di 73,4 x 56,0 mm: 3,6 mm di alesaggio in meno rispetto alla “millona”, con corsa invariata. La cubatura scende di 95 cc, mentre la potenza passa da 142 a 125,4 CV. I corpi farfallati sono perpendicolari e misurano 36 mm di diametro, contro i 38 della Z1000 (ci sono le farfalle doppie). Il diametro delle valvole è di 29 mm per quelle di aspirazione e di 24 mm per quelle di scarico. I pistoni sono realizzati con la stessa tecnica usata per quelli della H2/H2R (simile alla forgiatura), i cilindri sono “open deck”, mentre l’albero motore alleggerito consente al propulsore di prendere i giri velocemente. Le vibrazioni sono contrastate da un contralbero, ma una parte è stata mantenuta, per trasmettere il carattere del motore. L’inedito design dei carter e dei coperchi degli accessori contribuisce a sottolineare la compattezza e la novità del propulsore.
Una cura particolare è stata posta allo studio del suono. L’impianto di scarico 4-in-1 deve rispettare la Euro 4 (fortunatamente il silenziatore è abbastanza compatto, il lavoro… sporco lo fa la precamera), quindi i tecnici Kawasaki hanno studiato un sistema di aspirazione che compensa la silenziosità del terminale “ululando” e cambiando tonalità a seconda del regime di giri.
La trasmissione vanta un cambio con rapporti ravvicinati dalla prima alla quinta, con sesta overdrive: al semaforo la Z900 non avrà complessi di inferiorità! Dalle corse arriva la frizione assistita e antisaltellamento, che non c’era sul modello precedente e sfrutta due tipi di camme, ognuna dedicata a ciascuna funzione.
 
Addio doppio trave
Completamente nuovo il telaio, che passa da un’unità a doppio trave in alluminio ad una a traliccio: la H2/H2R ha fatto scuola! La struttura pesa solo 13,5 kg, addirittura 1,5 kg meno che il telaio della Z650. La filosofia costruttiva del traliccio è identica a quella del telaio della media bicilindrica: leggerezza, maggior rettilineità possibile dei tubi, motore come elemento stressato. Il forcellone è estruso in alluminio e pesa solo 3,9 kg, quasi un chilo meno che quello della Z650, mentre il telaietto posteriore è anch’esso in tubi.
La forcella è una USD con steli da 41 mm di diametro, regolabile nel precarico (stelo sinistro) e nell’idraulica in estensione (i registri sono posti sui tappi superiori della forcella); il monoammortizzatore, regolabile nel precarico e nell’estensione, è posto quasi orizzontalmente sopra al forcellone, per centralizzare le masse e allontanare l’ammortizzatore dal calore dello scarico. Le tarature standard sono di compromesso tra sportività e comfort.
I dischi dei freni anteriori sono a margherita e hanno diametro di 300 mm (250 il posteriore), morsi da pinze assiali a 4 pistoncini. L’impianto frenante è assistito dall’ABS Nissin
 
essenziale e cattiva, ma anche elegante
Anche lo stile della Z900 si ispira al Sugomi Design che già impronta le linee della Z1000, ma tutto è visivamente più leggero, essenziale, con carrozzeria meno estesa e più attillata, che lascia in vista telaio e motore esaltando l’aspetto meccanico, tecnologico e sportivo della moto. A ciò contribuisono anche il serbatoio, scultoreo ma elegante e più sinuoso che sulla Z1000, e le cover inferiori del 4 cilindri, disegnate per sembrare parte del motore.
Alcune caratteristiche distintive della Z1000 sono state mantenute, come il gruppo ottico anteriore a doppia luce bassissimo e poco sporgente. Lo è anche la strumentazione (contagiri digitale che ne simula uno analogico, con tre tipi di fondo selezionabili dal pilota, indicatore di marcia inserita e flashh di cambiata; il tutto a sormontare un grande schermo LCD a fondo scuro, che offre moltissime informazioni, compresa l’indicazione di guida economica), rifinita in carbon look  e vestita da una cover anch’essa compatta e attillata ma integrata col gruppo faro meglio che in passato. Anche la coda è più sinuosa di quella della Z1000, pur mantenendo una linea sportiva che punta in alto. Confermato anche sulla Z900 il caratteristico faro posteriore a Led a forma di “Z”.
 
Si è pensato anche al comfort
La posizione di guida è leggermente più rialzata rispetto a quanto offerto dalle attuali Z800 e Z1000, con il triangolo sella/pedane/manubrio (montato su silent block e con leve regolabili) studiato per massimizzare feeling e maneggevolezza. L’ampia area di seduta dista 794 mm da terra, è anteriormente rastremata e, insieme ai fianchi stretti della parte centrale della moto, aiuta piloti di tutte le taglie a poggiare facilmente i piedi al suolo. Le pedane hanno tamponi in gomma e, quelle del pilota, contrappesi anti vibrazioni e paratacchi montati su silent block.
La Z900 sarà disponibile nelle colorazioni Pearl Mystic Gray/Metallic Flat Spark Black, Candy Lime Green/Metallic Spark Black, Metallic Flat Spark Black/Metallic Spark Black, Candy Plasma Blue/Metallic Graphite Gray. Quest’ultima è una colorazione riservata alla versione Special Edition, che avrà anche grafiche dedicate e dotazione di serie più ricca.
 
A proposito di accessori, ecco alcuni di quelli disponibili nella lista degli optional:
  • Coprisella monoposto
  • Sella alta (+ 20 mm), con rivestimento bicolore e logo Kawasaki
  • Cover strumentazione maggiorata
  • Borsa da serbatoio
  • Presa di corrente
  • Cover radiatore
  • Tamponi para telaio
  • Tamponi mozzi
  • Para serbatoio
  • Modanature per carter motore

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA