“Siamo tradizionalisti: niente diavolerie elettroniche (di serie)!”

Un lettore ci scrive per esprimere il suo parere su alcuni optional delle moto moderne che, a detta sua, toglierebbero parte del piacere di guida
Caro direttore, nelle vostre prove a volte trovo questo rilievo: “Peccato che sia solo optional”, riferito a meraviglie come le manopole e la sella riscaldabili, poi il cambio… Elettroassistito? E ogni volta sbotto: meno male che certa roba è opzionale! Non sono l’unico che rifugge queste complicazioni la cui utilità è opinabile e strettamente stagionale (due mesi invernali in cui pochissimi vanno in moto). Togliere e mettere marce con leva al manubrio e pedivella è ancora uno dei piaceri dell’andare in moto: fino a quando potremo scegliere la cambiata “tradizionale”? Un costruttore comincia a “imporre” certe cose e tutti si adeguano! Quasi tutte le nuove moto diventano supersportive con quel “barilotto” sull’asticella del cambio. Non lo voglio l’”elettroassistito”, non mi diverte, anzi mi toglie un piacere! Certe meraviglie dovrebbero restare nella libertà di scelta, cioè opzionali; il rischio è quello di perdere i “tradizionalisti” per strada (e non siamo pochi). La libertà di scelta va preservata “di serie”.
Fabio Baldrati – Ravenna

La risposta di Motociclismo

Caro Fabio, puoi stare tranquillo. Il numero di moto sulle quali si può avere in optional il cambio elettronico sta aumentando, ma a oggi lo trovi di serie solo su una piccolissima percentuale di quelle in produzione, perlopiù sportive e supersportive. Nemmeno devi preoccuparti delle manopole riscaldabili: le moto che le includono nell’equipaggiamento standard sono davvero pochissime. L’idea che siano le Case a imporre qualcosa al mercato, tuttavia, è sbagliata: è vero il contrario. Se un domani tutte le naked dovessero avere di serie il cambio elettronico e le moto da turismo le manopole riscaldabili sarà perché gli acquirenti avranno premiato chi per primo avrà offerto queste dotazioni. Che poi non portano altro che vantaggi. Il quickshifter ti permette di cambiare senza frizione ma non ti impedisce, se vuoi, di usare il cambio in modo “classico”. E le manopole riscaldabili possono servire anche d’estate. Per esempio, dandoti la possibilità di utilizzare guanti leggeri (maggiore sensibilità di quelli invernali) quando organizzi un giro in montagna, dove la temperatura, per via della quota e della frequenza delle perturbazioni, può scendere rapidamente e senza preavviso.

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>

Tags

© RIPRODUZIONE RISERVATA