di Beppe Cucco
- 19 May 2020

“224 CV per 159 kg, nessun’altra stradale è nemmeno vicina a lei”

Claudio Domenicali, AD di Ducati, mostra sui social network una foto della Superleggera V4 preserie. La moto è pronta a partire per Nardò, per il controllo di qualità finale

1/51

Lo scorso febbraio Ducati ha tolto i veli all’esclusiva Superleggera V4, una moto realizzata in serie limitata e numerata di 500 esemplari che per la Casa di Borgo Panigale rappresenta la massima espressione di ingegneria, innovazione, cura per il dettaglio e attenzione al cliente. Molti componenti sono realizzati in fibra di carbonio. Tra questi la carenatura, con una forma aerodinamica che raggiunge livelli di efficienza superiori a quelli delle attuali MotoGP. Sotto al vestito troviamo il V4 di 90° di 998 cc, che raggiunge una potenza di 224 CV in configurazione stradale. Grazie all’uso esteso della fibra di carbonio, di componenti realizzati in titanio e di altri in alluminio ricavati dal pieno, la Superleggera V4 fa segnare sulla bilancia un peso a secco di 159 kg, per un rapporto potenza/peso pari a 1,41 CV/kg. Fanno parte dell’equipaggiamento le sospensioni Öhlins alleggerite con forcella pressurizzata e l’impianto freni Brembo con le pinze Stylema R, un’esclusiva della Superleggera V4; a questi si aggiunge un pacchetto elettronico di ultima generazione. Qui trovate tutti i dettagli, e il prezzo, della moto.

Ora, a tre mesi dalla presentazione, la Superleggera V4 di preserie è scesa dalle linee di montaggio dello stabilimento di Borgo Panigale, ed è pronta per il controllo di qualità finale. A confermarlo è l’AD di Ducati Claudio Domenicali, che su Twitter ha postato una foto della moto commentando: “La terza settimana dopo la ripartenza è quasi terminata. I sogni stanno diventando realtà: questa è la Superleggera di preserie, pronta a trasferirsi a Nardò per il controllo di qualità finale. Nessun'altra moto da strada omologata è nemmeno vicina a lei: 224 CV per un peso a secco di 159 kg. Un vero sogno per ogni motociclista appassionato!

1/16
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Ultimi articoli