di Andrea Cavalleri - 12 luglio 2019

DRE Enduro: da zero a professionista

Due giorni di esercizi, tra teoria e tanta pratica, per imparare a governare una maxienduro in fuoristrada. Questo l’obiettivo dei corsi sviluppati da Ducati, a uno dei quali abbiamo partecipato come allievi

1/14

Lungo una sterrata in discesa che collega il Passo della Consuma a Pontassieve sono alla guida di una Multistrada 1260 Enduro e seguo la sagoma bianco-rossa di un pilota che fa da battistrada. Il pilota in questione si chiama Beppe Gualini ed è sempre stato uno dei piloti privati più veloci dei rally-raid africani. Adesso è Direttore Tecnico del DRE Enduro Academy, la scuola nata per permettere ai motociclisti di padroneggiare la moto nella guida in fuoristrada. Abbiamo così partecipato al primo appuntamento del DRE Enduro, nella cornice delle tenute attorno al Castello di Nipozzano (FI).

1/5

Le moto “scuola” sono la Multistrada 1260 Enduro e la Multistrada 950 in allestimento off road. Io parto con quella di cubatura maggiore La truppa si trasferisce al primo campo di esercitazione, dove ci si sofferma a lungo su di un concetto fondamentale: la posizione di guida in curva. Cerchiamo di metterlo in pratica eseguendo un lungo doppio slalom tra i birilli, prima in salita e poi in discesa, focalizzandoci sullo spostamento del corpo dalla parte opposta rispetto al verso della curva per bilanciare il baricentro, tecnica fondamentale per far voltare in off road una moto da 250 kg in ordine di marcia. Una volta recepita la tecnica di base e qualche dritta il gruppo affronta altre prove come le frenate di emergenza con solo freno posteriore o in frenata combinata, stop di emergenza in salita con spegnimento del motore e tecnica di discesa oppure il superamento della tole ondulée: tronchi posizionati a diverse distanze da affrontare a velocità costante e col peso rigorosamente all'indietro per scaricare la ruota anteriore e mantenerla leggera sulle ondulazioni. Quest'ultimo esercizio è fondamentale per preparare il giro in fuoristrada del secondo giorno, dove sterrate bucate e sassose ci daranno filo da torcere. L'attenzione sulla posizione del corpo è maniacale da parte degli istruttori, e mi rendo conto che la partita per domare la Multi si gioca proprio sul terreno della corretta distribuzione dei pesi durante le varie manovre di guida.

1/5

Per il secondo giorno il gruppo si mette in moto già di buon'ora e questa volta la destinazione è il secondo campo di esercitazione, molto più esteso e variegato del primo. Si tratta di un terreno con molteplici variazioni altimetriche, dominato da un voluminoso "panettone" per provare salite e discese, i tronchi, le carregge, l'asse di equilibrio e due percorsi: una serpentina con stretti tornanti in salita e in discesa e un meraviglioso fettucciato naturale lungo più di un km ricavato tagliando a misura un grande campo di erba medica. Dopo un’intera giornata di prove ed esercizi, la ciliegina sulla torta del DRE Enduro: il lungo giro in fuoristrada che ci porterà dal Castello di Nipozzano, ai 1.050 metri del Passo della Consuma e ritorno: finalmente possiamo mettere a frutto tutto il sudore speso in questo week end. Devo dire che i ragazzi del DRE hanno fatto le cose in grande: ci si aspettava un percorso relativamente facile e invece abbiamo affrontato tratti piuttosto impegnativi, specialmente a causa dell'utilizzo del "macinato da costruzione": si tratta di mattoni, sabbia e altri scarti edili utilizzati per pavimentare lunghi tratti di sterrate. L'unico modo per superarlo è di buttarsi indietro e dare gas, qualunque incertezza prevede la chiusura dello sterzo e l'inevitabile capitombolo. Poco dopo, arrivati in prossimità del passo, ci fermiamo e l'entusiasmo tocca le stelle: abbracci e pacche sulle spalle, sorrisi e soddisfazione. Il DRE ha mantenuto quanto promesso: dare la possibilità a tutti di poter sfruttare le potenzialità in fuoristrada di una moto così lontana dall'immagine di una enduro tradizionale.

1/6

I corsi DRE Enduro 2019

DOVE

Castello di Nipozzano (FI)

QUANDO

19 e 20 luglio

20 e 21 luglio

13 e 14 settembre

14 e 15 settembre

Il corso ha una durata complessiva pari a una giornata e mezza che potrà svolgesri – in base alle giornate – dalle 9.00 del venerdì con termine alle 12.30 di sabato, oppure dalle 12.30 di sabato con termine alle 17.00 di domenica.

COSTO

720 euro (comprensivi di noleggio moto, vitto e alloggio presso il castello di Nipozzano)

INFO

dre.ducati.it

1/14
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Ultimi articoli