Ducati Diavel: più facile, sempre velocissima

La muscle bike bolognese diventa più bella e matura, con ritocchi estetici raffinati e aggiornamenti tecnici che la rendono più fruibile in città e con ancora più coppia. La guida? Sorprendente, come sempre. Prezzi, foto (mega gallery), video, dati tecnici e accessori

Ducati diavel: più facile, sempre velocissima

Qualche settimana fa vi abbiamo presentato la Ducati Diavel 2014, descrivendo nel dettaglio le modifiche tecniche ed estetiche rispetto al modello precedente (cliccate qui per ripassare l’argomento). Ma ora abbiamo da dirvi di più, dato che l’abbiamo provata e possiamo raccontarvi come va. Non perdetevi quindi le impressioni di guida del nostro Aldo Ballerini, dopo le quali ci concentriamo sugli accessori. Per i più impazienti: qui trovate la mega gallery, mentre questa è la video anteprima del nostro test, seguita dal filmato ufficiale.

 

BELLE PIEGHE (IN SELLA CON ALDO BALLERINI)

 

NON CHIAMATELA CRUISER

 

La solita Diavel? Sì, è sempre lei, la sorprendente “muscolosa” bolognese, che oggi troviamo ancor più raffinata grazie a numerosi nuovi particolari estetici, e anche più fruibile per via dei ritocchi al motore. Confermata, al 100%, invece la ciclistica, quella dalle caratteristiche che hanno fanno discutere: passo da cruiser, cannotto inclinato e gommone da 240 mm (ma attenzione, è un Diablo Rosso II, fatto su misura dalla Pirelli). 

 

SI GUIDA COME UNA NAKED

Ripetiamo: nessuna modifica alla ciclistica. Concordiamo su questa scelta, perché la Diavel sul misto si guida come una naked sportiva. Non è possibile - senza un confronto diretto con il vecchio modello - valutare il miglioramento sull'erogazione del bicilindrico a L, ma possiamo dire che l'abbiamo trovato tremendamente in forma, il più potente della serie "stradalizzata" (11°): spinge molto forte dai 5.000 giri, fortissimo dai 7.000, regime al quale tira fuori l'anima Testastretta regalando accelerazioni uniche. La fase più gustosa della guida è proprio quella dell'uscita di curva, dove l'abbondante cavalleria si scarica sull'enorme e rassicurante spalla del superDiablo, gommone che vedremmo bene anche su una sportiva. Ma la Diavel regala un grande feeling anche nelle fasi in cui si potrebbe pensare più impacciata, la frenata, la piega, l'ingresso in curva, momenti in cui si guida come una naked sportiva. Da questo punto di vista, quindi, una piacevole conferma.

 

SA ANDARE ANCHE A SPASSO

La mappa Urban regola la potenza a 100 CV e imposta il motore per rispondere al gas in modo morbido. Così in città si guida tranquilli, potendo scendere anche sotto i 2.000 giri senza strattoni, si avverte solo il "pompare" dei generosi due pistoni; da 3.000 giri la spinta diventa più fluida. Ma tanta elasticità in basso non si perde nemmeno passando a Touring o addirittura Sport, mode entrambi a piena potenza; in tal caso cambia la risposta del motore, che diventa sempre più estrema. Si può, ed è confortevole, guidare in città anche con il riding mode Sport, ma in questo caso consigliamo di non eliminare il controllo di trazione.

 

IL TESTASTRETTA

Il Testastretta 11° mantiene la notevole potenza della vecchia versione (162 CV), ma ora si chiama DS perché ha la doppia accensione e poi sono stati riposizionati gli iniettori. Obiettivo? Erogazione più omogenea in basso per una guida più comoda in città e ancora più coppia (+4,5% intorno ai 6.000 giri). L'elettronica resta invariata: gestione ride by wire; tre riding mode (Urban, Touring e Sport); traction control regolabile; ABS (disinseribile).

 

L'ESTETICA

Ora tutte le luci sono a led: il gruppo ottico anteriore, nuovo anche nel disegno, le frecce e il fanale posteriore. Cambiano poi la mascherina (sopra il faro), i riser, le fiancatine a protezione del radiatore, le prese d'aria (più ampie). Sono stati rivisti poi la sella, ora più confortevole, e lo scarico; il secondo display a colori che si affianca al cruscotto guadagna un nuovo indicatore del livello carburante e la spia del cavalletto.

 

La nuova Diavel è disponibile in versione base nero opaco a 17.990 euro e in due varianti Carbon, quella classica rossa e una nuova con bande e finiture bianche, in vendita a 21.490 (prezzi chiavi in mano).

 

ACCESSORI (cliccate qui per la gallery)

  • Gruppo di scarico completo con silenziatori in carbonio by Ducati Performance con silenziatore in carbonio, fondello in alluminio lavorato dal pieno e protezione calore
  • Gruppo di scarico completo con silenziatori in carbonio e collettori neri con “ceramic coating”.  Silenziatore in carbonio, fondello in alluminio, chiave per l’upload della mappatura dedicata
  • Silenziatore omologato in carbonio con catalizzatore
  • Parafango posteriore in carbonio
  • Parafango anteriore in carbonio
  • Set di cover in fibra di carbonio per radiatore
  • Cornice in carbonio per proiettore anteriore
  • Cover dashboard superiore in carbonio
  • Kit parabrezza in plexiglass Gran Turismo: altezza: 55 cm, larghezza: 36 cm
  • Cupolino Sport completo di attacchi
  • Cover carter frizione in alluminio dal pieno
  • Kit pedane regolabili in alluminio dal pieno
  • Cerchi in alluminio forgiato: misure standard: 3.50x17/8.00x17.
  • Kit navigatore satellitare Ducati Zumo 390 (predisposizione per il montaggio ergonomico sulla moto, connettività Bluetooth a doppio canale; impermeabile; rete ufficiale di assistenza Ducati precaricata sulla mappa; abbonamento “nuMaps Lifetime” di serie che garantisce fino a 4 aggiornamenti cartografici l’anno)
  • Antifurto dedicato Ducati Performance con sensori di movimento, anti-manomissione, sollevamento e allarme acustico
  • Sella Gran Turismo: rivestita in tessuto speciale e finiture di pregio; posizione di guida ergonomica
  • Borsa da serbatoio: in tessuto tecnico ad alta resistenza, espandibile sino a 14 litri, dotata di tasca trasparente portamappa e cuffia anti acqua
  • Borsa sella posteriore: applicabile sul cuscino del passeggero, espandibile fino a 18 litri, realizzazione in tessuto tecnico ad alta resistenza anche a solventi, raggi UV e altri agenti corrosivi.
  • Set di valige semi rigide laterali con telaietto di supporto. Realizzazione in tessuto speciale resistente agli agenti atmosferici, capacità di oltre 40 lt
  • Kit poggia schiena posteriore per passeggero
  • Coppia di specchi retrovisori in alluminio dal pieno

 

ABBIGLIAMENTO DEDICATO (cliccate qui per la gallery e le descrizioni)

  • Giubbino in pelle Dark Armour
  • Pantaloni in pelle Ducati
  • Giubbino in tessuto Diavel tex 14
  • Giacca in tessuto City tex 14
  • Casco integrale Thunder 14
  • Casco jet City 14
  • Giubbino in pelle Company 14.
  • Logo 14 full-face helmet
  • Stivaletti tecnici Company 13
  • Giubbino in pelle Urban 14
  • Shield 14 full-face helmet
  • Guanto in pelle Diavel 14:
  • Stivaletti tecnici Urban 14
  • Giubbino in pelle Hi-Tech 13
  • Portachiavi hands-free
  • Casco jet Ducati

 

DIAVEL CARBON - SCHEDA TECNICA (DIAVEL)

Motore

Tipo - Testastretta 11°, bicilindrico a L, distribuzione Desmodromica 4 valvole per cilindro, raffreddamento a liquido

Cilindrata - 1198,4 cc

Alesaggio per Corsa - 106 x 67,9 mm

Compressione – 12,5:1

Potenza - 119 kW (162 CV) @ 9.250 giri/min

Coppia - 130,5 Nm (13,3 kgm) @ 8.000 giri/min

Alimentazione - Iniezione elettronica, corpi farfallati ellittici con sistema ride-by-wire

Scarico - Silenziatore in acciaio inossidabile, fondelli in alluminio; catalizzatore e 2 sonde lambda

Trasmissione

Cambio - 6 marce

Trasmissione primaria - Ingranaggi a denti dritti, Rapporto 1,84:1

Rapporti

1=37/15

2=30/17

3=27/20

4=24/22

5=23/24

6=22/25

Trasmissione secondaria - Catena; pignone 15, corona 43

Frizione - Multidisco in bagno d'olio con comando idraulico, sistema di asservimento ed antisaltellamento

Veicolo

Telaio - Traliccio in tubi di acciaio

Sospensione anteriore - Forcella Marzocchi a steli rovesciati da 50 mm completamente regolabile con riporto DLC sugli steli

Ruota anteriore - marchesini forgiata in lega leggera, 9 razze con lavorazioni a vista, 3,50" x 17" (Lega leggera, 14 razze con lavorazioni a vista, 3,50 x 17)

Pneumatico anteriore - 120/70 ZR 17 Pirelli Diablo Rosso II

Sospensione posteriore - Progressiva con monoammortizzatore completamente regolabile. Regolazione remota del precarico molla. Forcellone monobraccio in alluminio

Ruota posteriore - Marchesini forgiata in lega leggera, 9 razze con lavorazioni a vista, 8,00" x 17" (Lega leggera, 14 razze con lavorazioni a vista, 8,00 x 17)

Pneumatico posteriore - 240/45 ZR17 Pirelli Diablo Rosso II

Escursione ruota anteriore - 120 mm

Escursione ruota posteriore - 120 mm

Freno anteriore - 2 dischi semiflottanti da 320 mm, pinze Brembo monoblocco ad attacco radiale a 4 pistoncini , ABS di serie

Freno posteriore - Disco da 265 mm, pinza flottante a 2 pistoncini ABS di serie

Dimensioni e pesi

Peso a secco (esclusi batteria, lubrificanti e liquidi di raffreddamento) – 205 kg (210 kg)

Peso in ordine di marcia (con tutti i liquidi di esercizio e il serbatoio carburante riempito al 90%) - 234 kg (239 kg)

Altezza sella - 770 mm

Interasse – 1.590 mm

Inclinazione cannotto - 28°

Avancorsa – 130 mm

Capacità serbatoio carburante - 17 l

Equipaggiamento di serie - Riding modes, Power Modes, Ducati Safety Pack (ABS + DTC), RbW, Hands-free, Proiettore full-led, Indicatori di direzione anteriori con guidaluce, Sonda livello carburante, Componenti in fibra di carbonio (solo su Diavel carbon)

Garanzia - 24 mesi chilometraggio illimitato

Intervalli di manutenzione - 15.000 km/12 mesi

Controllo gioco valvole - 30.000 km

Tags

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Ultimi articoli