SPECIALE SALONE EICMA 2021
Tutte le novità Casa per Casa

Ducati 959 Panigale 2016, la nuova "supersportiva d’accesso"

La Casa di Borgo Panigale presenta ad Eicma la nuova 959 Panigale: nuovo motore bicilindrico da 955 cc, doppio scarico laterale e carenatura ridisegnata. Prezzo, info e foto

LA NUOVA "PICCOLA" PANIGALE

Qualche tempo fa vi avevamo parlato di alcuni documenti americani che ci lasciavano intuire l’arrivo sul mercato di una nuova “piccola” Panigale ed ecco ce quel momento è arrivato. In occasione della Ducati World Première, che anticipa di qualche ora il via di Eicma 2015 (cliccate qui per tutte le novità 2016 Ducati), la Casa di Borgo Panigale la Casa bolognese presenta la nuova 959 Panigale. La prima cosa che si nota della nuova “supersportiva di accesso” della gamma di Borgo Panigale è sicuramente la presenza del doppio silenziatore laterale (prima interamente nascosto nella parte inferiore della carenatura). Ma oltre a questo dettaglio la moto presenta anche interessanti novità: prestazioni superiori, ciclistica rivista, carenatura ridisegnata e migliorie di dettaglio. 
1/93 Ducati 959 Panigale 2016

Più POTENZA GRAZIE AL NUOVO MOTORE (che è anche euro 4)

Il bicilindrico a L Superquadro cresce nella cilindrata fino a 955 cc in virtù di un aumento della corsa (da 57,2 a 60,8 mm, con un alesaggio rimasto a 100 mm). Di conseguenza crescono anche le prestazioni: in questa configurazione il propulsore è in grado di erogare una potenza di 157 CV a 10.500 giri/min e 107 Nm a 9.000 giri/min (contro i precedenti 148 CV e 99 Nm). Ci sono poi un nuovo albero motore, nuove bielle e altre soluzioni inedite (come venature ad hoc), studiate per ridurre la rumorosità. Per quanto riguarda le migliorie per la guida, troviamo una nuova frizione antisaltellamento, che garantisce un minor carico sulla leva. L’alimentazione rimane ovviamente a iniezione, con corpi farfallati da 62 mm comandati tramite ride-by-wire.

SEGUE LE TRADIZIONI DELLA FAMIGLIA PANIGALE

Come da tradizione Ducati, anche sulla nuova 959 Panigale troviamo un ricco “pacchetto” di aiuti di guida, che comprende ABS regolabile, cambio elettronico (solo nel passaggio al rapporto superiore), riding mode (Race, Sport, Wet), controllo di trazione e regolazione del freno motore. A livello di design, la 959 eredita le innovazioni introdotte sulla 1299: cupolino più largo, prese d’aria maggiorate, codino ridisegnato. Su questo nuovo modello però sono presenti inedite prese d’aria laterali sulla carenatura, specchietti retrovisori più efficienti e pedane ricavate dal pieno. La ciclistica sfrutta lo schema conosciuto e collaudato della famiglia Panigale, con alcune rifiniture. Il telaio è un monoscocca in alluminio, il motore ha funzione portante, il forcellone è, come sulla 899, bibraccio in lega leggera. L’inclinazione del cannotto di sterzo resta di 24°, l’avancorsa di 96 mm, mentre varia l’attacco del pivot, 4 mm più basso. Il peso a secco è di 176 kg.
La moto sarà in vendita dal mese prossimo a 16.740 euro chiavi in mano. 

Il video ufficiale

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA