Ducati 1199 Panigale: test

Motore a dir poco soprendente, agilità fuori dal comune e controllo di trazione specifico per l’utilizzo in pista sono le carte vincenti della supersportiva Ducati 1199 Panigale, che il nostro inviato Fabio Meloni ha provato in anteprima sul Yas Marina Circuit di Abu Dhabi, negli Emirati Arabi Uniti. Non mancano due piccoli difetti. Vi diciamo tutto su come è fatta e come va, anche grazie ai tanti video che abbiamo realizzato nella fabbrica della Ducati, a Borgo Panigale

DUCATI 1199 PANIGALE: IL TEST

 

Abu Dhabi (EMIRATI ARABI UNITI) – DUCATI 1199 PANIGALE  Aggiornamento ore 16:10 italiane, lunedì 13 febbraio È appena finita la sessione di prova qui sullo Yas Marina Circuit, e già la Panigale ci manca. Una moto rivoluzionaria, questa, non c'è dubbio.

Torniamo a confermare che è la sua reattività l'aspetto più sorprendente. Si sa che le Case tendono spesso a dichiarare dati tecnici ottimistici, ma questi 10 kgin meno rispetto alla 1198 promessi dagli uomini di Borgo Panigale sembrano proprio veritieri. La versione S protagonista di questo test ha di serie cerchi forgiati in lega leggera, e questo aiuta molto in termini di agilità, ma rimane il fatto che sembra più svelta di una 600 cc. E non per modo di dire...

Ma la sua magia è fatta anche d'altro, ovviamente. Di una grande compostezza in staccata, abbinata ad una efficacissima frizione antisaltellamento. Di una velocità di discesa in piega da vertigine. Di una maestosa capacità di inserirsi e stringere la traiettoria coi freni ancora in mano. Di un controllo di trazione preciso, che col Riding Mode "Track"(indicato per l'uso in pista, setta in modo consono taratura delle sospensioni, controllo di freno motore, mappatura del motore e appunto controllo di trazione) lascia al posteriore una piacevole libertà di pattinare. E certo, anche di un motore con un carattere a dir poco sorprendente, se ripensiamo al vecchio Testastretta. Dove quello era poderoso, il nuovo Superquadro spinge con gentilezza. Ma dove l'altro "finiva", questo nuovo bicilndrico cambia passo e si precipita verso quota 12.000 (qui, secondo il contagiri, interviene il limitatore) con una rapidità che lascia a bocca aperta. Vi ricordate quando si diceva che "sulla Ducati bisogna usare una marcia in più"? Sì? Bene, spostate quest'informazione nel cestino. Ora si usano le marce corte, come su un quattro cilindri. Quanto poi sia veloce rispetto a una BMW S1000RR è difficile dirlo: su questa pista non abbiamo riferimenti, e le sensazioni possono essere falsate dall'erogazione particolare. A "polso" diciamo che la Panigale ha qualcosa in meno. Ma la velocità con cui il contagiri si arrampica verso l'alto, anche in sesta, qualche dubbio ce lo lascia.

Note negative in questo contesto da paradiso del motociclista: due, piccole. L'innescarsi di qualche oscillazione di sterzo su di un lungo curvone che si percorre in completa accelerazione, dovuto probabilmente a un setting perfettibile (diciamo questo perchè giocando con forcella e mono siamo riusciti a milgiorare la situazione, ma forse serviva un po' più di tempo per risolverla del tutto). E poi la tendenza a impennare. Uscendo dalle curve da seconda, quando il motore supera gli 8.000 giri non c'è santo che tenga: l'anteriore decolla, anche abbastanza brutalmente. Per evitare che questo accada o si parzializza, o si cerca di controllare col freno posteriore, o si mette la terza (ma così facendo il motore precipita ad un regime dove non non spinge a dovere). In ogni caso l'accelerazione che risulta non è ottimale.

Ma la lode,questa moto,se la merita ugualmente.

Aggiornamento ore 9.20 italiane, lunedì 13 febbraio 

Se vi aspettavate un commento sul motore, aspettate un attimo: la cosa più sorprendente di questa nuova Panigale è l'agilità. Mai provata una "mille", anzi "milledue" così reattiva e fulminea. A livello di una seicento? Forse anche di più... Poi c'è un avantreno splendido in inserimento, sincero anche coi freni saldamente in mano, una buona stabilità - ma su questo punto torneremo più tardi, perchè c'è forte vento - e una grande trazione. E con questo arriviamo a lui, il Superquadro. Scordatevi tutto quello che sapete sul Pompone. Qui ora c'è un'erogazione fluida a tutti i regimi e dei "medi" robusti che garantiscono una buona spinta fuori dalle curve. La schiena pazzesca di prima è solo un ricordo; in cambio è arrivato un allungo "cattivo", sconosciuto a qualunque altro bicilindrico.

La Panigale in un parola? Entusiasmante.

Aggiornamento  ore 22.15 italiane domenica 12 febbraio

Il nostro Fabio Meloni ci scrive dall’albergo che si trova direttamente sul circuito. Qui il tester di Motociclismo è pronto a salire in sella al nuovo mostro sportivo della Ducati, che arriva dalle industrie di Borgo Panigale, dove noi siamo stati invitati a visitare l’esclusivo “Reparto sperimentazione veicoli”, una divisione dell’azienda in cui nessuno prima di noi era mai stato a telecamere accese. Ci dice Fabio: “C'è elettricità nell'aria, manco stesse per arrivare un temporale estivo. Siamo ad Abu Dhabi nell'avveniristico hotel all'interno dello Yas Marina Circuit, tappa del Mondiale di Formula1, e mancano poche ore al primo test della Ducati 1199 Panigale.

Per ora la moto si è vista vista solo parcheggiata: era ad attenderci al nostro arrivo, su un terrazzino affacciato sul tracciato di oltre 5 km dove domattina la proveremo. Noi, come tutti gli altri giornalisti provenienti da ogni angolo del mondo invitati qui da Ducati, non siamo riusciti a toglierle gli occhi di dosso. È compatta, snella, aggressiva, innovativa... In una parola, splendida.

Sarà altrettanto bella da guidare? Ce lo stiamo chiedendo tutti. Troy Bayliss, ospite d'onore che domani scenderà con noi in pista, non si è "scucito" a riguardo, e a domanda si è limitato a risponderci con un sorriso grosso così. Vorrà dire qualcosa?

Lo scopriremo - e vi faremo sapere - presto.

L'appuntamento sul sito di Motociclismo è per la mattinata di domani: dato che qui siamo 3 ore avanti rispetto all'Italia dovremmo essere in grado di dirvi qualcosa già entro le prime ore "lavorative".

State collegati: sarà una giornata "caldissima"... alla faccia del gelo!"

Intanto qui sul sito vi spieghiamo dalla A alla Z, attraverso i nostri video e le nostre interviste, come è fatta la Ducati1199 Panigale, di cui vi facciamo sentire anche il rumore del motore.

VIDEO: REPARTO SPERIMENTAZIONE VEICOLI DUCATI

DUCATI 1199 PANIGALE, VIDEO: IL SOUND DEL MOTORE

DUCATI 1199 PANIGALE, VIDEO: COME È PRODOTTO IL MOTORE

DUCATI 1199 PANIGALE, VIDEO: LA CICLISTICA

DUCATI 1199 PANIGALE, VIDEO: DISEGNATA IN DIRETTA PER NOI

1199 PANIGALE, VIDEO: INTERVISTA AL DESIGNER GIANADREA FABBRO

DUCATI 1199 PANIGALE, VIDEO: TUTTI I SEGRETI DEL MOTORE

DUCATI 1199 PANIGALE, VIDEO: CE LA SPIEGA CLAUDIO DOMENICALI

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Ultimi articoli