di Giorgio Sala - 08 giugno 2019

Dovizioso: "Se un pilota non vince, è considerato scarso"

Il pilota Ducati della MotoGP ha chiuso in dodicesima posizione la sua prima gara da professionista nel DTM, a Misano Adriatico. Tra gli alti e bassi della sua prestazione al volante dell'Audi RS5, Dovizioso ha anche parlato di MotoGP... senza freni
1/13 Andrea Dovizioso al DTM 2019, durante la tappa di Misano Adriatico, insieme a Danilo Petrucci
Andrea Dovizioso è stato protagonista di una gara del DTM, campionato tedesco di auto, a Misano Adriatico (ha chiuso gara 1 in 12esima posizione, con un distacco di 57 secondi dal vincitore Wittmann su BMW M4 - in fondo all'articolo la classifica comopleta). Al termine della sua prima apparizione in un GP a quattro ruote, il Dovi ha dichiarato: “Sono soddisfatto della gara, il passo era buono e di questo ero molto soddisfatto! Devo ancora vedere i dettagli della gara, perché ci servono per migliorare, ma mi sentivo veloce e questo è una cosa importante. Il mio obbiettivo per domani è essere il migliore in qualifica, è anche la cosa più complicata da fare”.

Parlando invece della partenza, il Dovi non è entusiasta: “è stata un disastro, ho perso due posizioni su due che avevo guadagnato in qualifica! Per fortuna poi è entrata la safety car, ho combattuto con altri piloti e mi sono divertito, oltre che aver guadagnato qualche posizione rispetto a quella di partenza”. La sua prima gara, dunque, è stata piena di alti e bassi. “Ho costantemente fatto errori (ride,ndr), ma ho anche imparato tantissime cose. Ad esempio le linee, che mi serviranno tantissimo domani anche in qualifica (per gara 2) per fare bene sin da subito. In qualifica non ho saputo sfruttare bene le gomme, molto più performanti rispetto a quelle della gara”.
Pragonando la guida dell’Audi RS5 DTM a quella della Ducati Desmosedici a Misano Dovi afferma: “Le linee completamente diverse rispetto alla moto. Per esempio, devo andare cattivo all’interno del cordolo”. E la preparazione ad una gara del DTM rispetto alla MotoGP è abissale: “Ho fatto più meeting per questa gara di quelli che ho fatto in Ducati da gennaio. Gli uomini Audi sono davvero puntigliosi”.

Parlando invece della sua carriera, Dovizioso non fa giri di parole: “Tanti dicono che sia migliorato tantissimo, ma invece sono migliorato di poco rispetto a prima. C’è questa percezione generale - che capisco – che quando un pilota non vince è una schiappa. Quando fai dei terzi o quarti posti sei considerato “uno del gruppo”, mentre se sei già a lottare per la vittoria si pensa che tu faccia dei miglioramenti eccezionali. Ma non è proprio così”.
1/18 Andrea Dovizioso

Classifica DTM Misano, gara 1

Pos. Pilota Naz. Auto Tempo Distacco
1 Marco Wittmann (GER) BMW M4 DTM 1:00:42.631
2 René Rast (GER) Audi RS 5 DTM 1:00:50.869 08.238
3 Loic Duval (FRA) Audi RS 5 DTM 1:01:00.317 17.686
4 Bruno Spengler (CDN) BMW M4 DTM 1:01:05.484 22.853
5 Nico Mueller (SUI) Audi RS 5 DTM 1:01:11.134 28.503
6 Mike Rockenfeller (GER) Audi RS 5 DTM 1:01:15.098 32.467
7 Philipp Eng (AUT) BMW M4 DTM 1:01:27.553 44.922
8 Jonathan Aberdein (RSA) Audi RS 5 DTM 1:01:29.869 47.238
9 Sheldon van der Linde (RSA) BMW M4 DTM 1:01:30.978 48.347
10 Timo Glock (GER) BMW M4 DTM 1:01:31.060 48.429
11 Pietro Fittipaldi (BRA) Audi RS 5 DTM 1:01:32.674 50.043
12 Andrea Dovizioso (ITA) Audi RS 5 DTM 1:01:39.769 57.138
13 Daniel Juncadella (ESP) Aston Martin Vantage DTM 1:01:41.579 58.948
14 Ferdinand von Habsburg (AUT) Aston Martin Vantage DTM 1:01:44.559 1:01.928
15 Jake Dennis (GBR) Aston Martin Vantage DTM 1:01:50.860 1:08.229
16 Paul Di Resta (GBR) Aston Martin Vantage DTM 50:09.243 8 Runden
Robin Frijns (NED) Audi RS 5 DTM 52:39.479 23 Runden
Joel Eriksson (SWE) BMW M4 DTM 3:09.629 37 Runden
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Ultimi articoli