Dainese D-air Misano 1000: la giacca con l’airbag per l'uso stradale

L’Azienda vicentina propone una giacca in pelle con dispositivo D-air integrato. Questo capo d’abbigliamento non necessita di alcun kit di sensori da installare sul veicolo per il suo funzionamento e assicura massima protezione al pilota. Info, foto, video e prezzo

Dainese d-air misano 1000: la giacca con l’airbag

Era il 2007 quando Dainese impiegò, per la prima volta nel Motomondiale, il sistema D-air, un airbag di sicurezza a controllo elettronico integrato nella tuta indossata dal pilota. Il primo a “testarlo” nelle competizioni fu Simone Grotzky, vittima di una scivolata durante le prove del Gran Premio di Valencia nella classe 125 cc. Nel corso degli anni il D-air si è continuamente evoluto e oggi il dispositivo è installato nelle tute di tutti i piloti Dainese (questo video ci mostra come è fatta la tuta di Valentino Rossi) e, grazie alla collaborazione dell’Azienda vicentina con alcune Case motociclistiche, sono nati anche mezzi a due ruote in grado di “dialogare” direttamente con l’airbag, come la Ducati Multistrada 1200 D-air e lo scooter a tre ruote Peugeot Metropolis D-air. Inoltre, da qualche tempo, Dainese ha reso disponibile il suo airbag racing anche per i proprietari di tute di altri marchi.

 

1.000 attivazioni… una marea di dati per lo sviluppo

Dal giorno della prima caduta avvenuta con un dispositivo di protezione D-air ad oggi, Dainese afferma che sono più di 1.000 le attivazioni documentate e analizzate dal team di sviluppo sui circuiti e sulle strade di tutto il mondo (qui trovate il report della caduta di Rossi durante i test in Qatar). I dati raccolti confermano l’efficacia del dispositivo e contribuiscono al suo sviluppo, migliorando gli algoritmi di attivazione della piattaforma tecnologica. Dainese propone anche la giacca in pelle D-air Misano 1000 (qui le foto). Il nuovo capo di abbigliamento dell’Azienda vicentina non necessita di alcun kit di sensori da installare sul veicolo per il suo funzionamento; i sensori, l’elettronica e il GPS sono alloggiati all’interno del paraschiena. Il sacco airbag 3D, grazie alla sua struttura a microfilamenti interni, permette un gonfiaggio uniforme di 5 cm su tutta la sua superfice. Ciò, assicura la Casa, garantisce massima protezione e massimo comfort. La costruzione del sacco è unica nel suo genere (e protetta da brevetto della Casa) e differisce da ogni altro sacco airbag utilizzato nell’industria automobilistica. L’airbag di cui è dotata la giacca Misano 1000 lavorando in sinergia con il paraschiena e il chest-protector (protezione per il torace) protegge clavicole, petto e schiena del pilota e limita l’iperflessione e l’iperestensione del collo. L’algoritmo, che è il “cuore” del sistema, attraverso i suoi sei sensori monitora la dinamica del motociclista 800 volte al secondo e decide l’attivazione del sistema in presenza di urti, scivolate e disarcionamenti. Nella chiusura della giacca è presente l’interruttore di accensione e sul braccio destro il Led di funzionamento, che segnala lo stato di attivazione del sistema.  

 

Il prezzo e il video

La giacca Dainese D-air Misano 1000 è disponibile in due colorazioni (bianco/nero/rosso fluo e nero/bianco), al prezzo di 1.499 euro. Qui sotto trovate un filmato che ci permette di conoscere meglio la giacca e il funzionamento del sistema D-air.

 

 

 

Il futuro della protezione è nell’aria

Cristiano Silei, amministratore delegato di Daiense, si è così espresso riguardo all’importante traguardo raggiunto dalla Casa vicentina :”Con la Misano 1000 Dainese allarga ulteriormente la sua gamma di prodotti airbag e ribadisce il suo totale commitment per la sicurezza. Le 1.000 attivazioni del D-air rappresentano un primo significativo traguardo per la nostra tecnologia e una pietra miliare nell’adozione dei sistemi airbag elettronici per motociclisti. La tecnologia dell’aria per rendere la pratica del motociclismo sempre più sicura, in tutte le sue declinazioni. Il futuro della protezione è nell’aria”.

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA