di Tarcisio Olgiati - 24 marzo 2017

Buone notizie per MV Agusta

La crisi di MV Agusta arriva ad una svolta. La domanda presentata al tribunale di Varese di ammissione al concordato in continuità ha prodotto i risultati sperati. Evitato il fallimento, la Casa varesina è concentrata sul futuro
1/30 MV Agusta Brutale 800 RR 2017 (il nome da listino sarebbe B3 800 RR)

Il Tribunale dice sì!

Il 21 marzo, il Tribunale di Varese ha deciso di ammettere MV Agusta al Concordato pieno con continuità aziendale. A stabilirlo è stato il giudice delegato Miro Santangelo, che ha nominato Riccardo Broggini quale commissario e fissato per il 7 giugno la riunione dei creditori.
Arriva così “al dunque” la crisi manifestatasi ormai un anno fa con la richiesta della Casa di Schiranna alla procedura di concordato in continuità per evitare il fallimento. Il tutto dovuto ad… eccesso di successo, come spiegatoci da Giovanni Castiglioni, presidente MV (qui tratta l’argomento, spiega i motivi della crisi e accenna alla strategia di rilancio) Nei mesi seguenti a questa richiesta, MV Agusta ha presentato il piano industriale volto alla ristrutturazione e al rilancio aziendale, continuando nel frattempo le attività grazie appunto alla natura dello strumento di diritto fallimentare di cui la Casa ha scelto di avvalersi. Il piano prevede la drastica riduzione della produzione e la concentrazione della stessa sui modelli di alta gamma, taglio dei costi e un’inevitabile quanto indispensabile ricapitalizzazione (qui i dettagli).
Dal punto di vista finanziario, dopo le voci sul possibile interessamento da parte di Polaris e le voci sul disimpegno da parte di Mercedes AMG (mai avvenuto), l’ultima notizia era stata quella dell’arrivo del fondo Black Ocean al fianco di Schiranna, ma ora ecco la news che tutti attendevano, l’ammissione al concordato pieno con continuità aziendale. Di seguito il comunicato ufficiale MV Agusta sulla situazione.

MV Agusta Brutale 800

MV Agusta consolida il proprio piano industriale

A seguito dell'annuncio relativo all'accordo di ricapitalizzazione di MV Agusta, sottoscritto lo scorso 17 novembre, tra MV Agusta Holding, società di partecipazioni controllata da Giovanni Castiglioni ed il gruppo d'investimento Black Ocean, l'azienda motociclistica italiana ha aggiunto un altro importante tassello al turnaround intrapreso.
Il 15 marzo 2017, MV Agusta Motor S.p.A. ha ottenuto il via libera dal Tribunale di Varese al piano industriale presentato, consolidando così il progetto di ristrutturazione volto al riassetto strategico e finanziario dell'azienda, leader nella produzione mondiale di moto super premium.
Giovanni Castiglioni ha commentato: “Negli ultimi 12 mesi, il turnaround implementato ha riportato MV Agusta a generare flussi di cassa positivi necessari per sostenere il piano di ristrutturazione nonché lo sviluppo dei modelli e il consolidamento dei nostri mercati primari. MV Agusta è forte di una gamma prodotto completamente nuova, nata da 5 anni di importanti investimenti che, insieme ad un marchio iconico, costituiscono gli elementi chiave per sostenere la nostra crescita e la domanda dei nostri clienti”.

MV AAgusta Turismo Veloce 800 Lusso RC
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Ultime notizie news