Pilota americana illesa dopo un crash a 552 km/h!

Valerie Thompson, 50 anni, ha subito un brutto incidente a bordo dello streamliner BUB 7 mentre cercava di conquistare il record di velocità sul Lake Gairdner. La pilota americana si è salvata dopo un impatto a 552 km/h. Foto e video

Che botta!

Valerie Thompson, pilota americana di 50 anni, si è miracolosamente salvata dopo un crash a 552 km/h. L’incidente è accaduto mentre cercava di battere il record assoluto di velocità sul Lake Gaidner, in Australia, in occasione dela World Speed Trials. L’obiettivo era quello di superare i 605 km/h ma qualcosa è andato storto. L’accaduto, inspiegabile secondo il team che ha costruito lo streamliner BUB 7, è stato chiarito da un rapporto della FIM: la parte posteriore del veicolo si è alzata dal suolo prima che i paracaduti consentissero alla Thompson di fermarsi; la perdita di controllo ha fatto schiantare la moto, distruggendola e spargendo macerie per oltre 1 km.

Qui sotto trovate il video dell'incidente e, poco più in basso, le dichiarazioni di Valerie.

"Se lo streamliner non fosse stato così sicuro non sarei qui"

Queste le parole di Valerie, miracolosamente salva dopo la botta:

“Voglio ringraziare il team di sicurezza in Australia che ha fatto un lavoro di qualità superiore per assistermi. Senza le caratteristiche di sicurezza incorporate nello streamliner non avrei inviato questo messaggio ora. Un grande ringraziamento va a tanti fan che si sono fermati per salutarci e sono rimasti qualche giorno in più solo per vedere il nostro tentativo”.

La pilota americana detiene attualmente il record femminile di 328 miglia orarie (528 km/h). Lo streamliner BUB 7 è equipaggiato con un motore V4 sovralimentato da 3.000 cc, capace di erogare 500 CV. ​
Valerie Thompson a bordo del suo streamliner BUB 7

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA