08 September 2014

Coppa Italia 2014: un successo il quarto round, a Imola

Ben undici le gare che hanno preso il via durante la domenica appena trascorsa. Con ben 100 piloti in lista per la partenza della gara del solo Trofeo Amatori, si sono contate oltre 200 moto sulle griglie dei cinque trofei che partecipano alla Coppa

Coppa italia 2014: un successo il quarto round, a imola

Si conclude la quarta tappa della Coppa Italia, che racchiude cinque trofei per ogni appuntamento. Con ben 200 partenti sulle griglie, le gare si sono dimostrate estremamente appassionanti come è ormai consuetudine di trofei di questo livello. Vediamo come sono andate.

 

TROFEO AMATORI

Più di 100, i piloti iscritti nel Trofeo Amatori suddivisi nelle quattro classi. Nella 600 Base vittoria di Alessio Gallucci (Yamaha), che è arrivato con un vantaggio di oltre 5” su Alessio Terziani (Yamaha). A chiudere il podio sul terzo gradino Pietro Lausdei (Honda). Nella 1000 Base invece, confronto agguerrito tra Gabriele Polidori (Honda) e Marco Saibene (BMW), con il primo che è riuscito a prevalere con un vantaggio di poco inferiore al mezzo secondo sul pilota BMW. In solitario l’arrivo in terza posizione di Diego Pensalfini (Suzuki). Storia ripetuta nella 600 Avanzata, che ha visto il successo in volata di Luciano Leotta (Honda) su Benedetto Noberasco (Ducati). Terza posizione per Cristian Casarotti (Yamaha) mentre l’autore della pole position, Stefano Brauncher (Yamaha), ha concluso solamente quinto. Infine nella 1000 Avanzata, Denis Pilisi (Kawasaki) si è aggiudicato la vittoria davanti a Massimiliano Belletti (Yamaha) e Fabrizio Fiorucci (Ducati).

 

TROFEO BRIDGESTONE

Situazione più tranquilla con sole due classi per il Trofeo Bridgestone. Nella 600 il duello è stato tra Mauro Carzaniga (Honda) e Luca Volpato. A spuntarla sotto la bandiera a scacchi è stato Carzaniga, terza posizione a poco più di 1” per Nicolò Lagiongada (Honda). La 1000 ha visto il successo di Flavio Augusto Gentile (Ducati), che ha regolato con autorità Andrea Poggi (Honda) e Danilo Tomasoni (BMW).

 

MICHELIN POWER CUP

Nelle gare del Produttore francese sono stati due i protagonisti indiscutibili. Nella 600, Andrea Cherubini (Honda) ha lasciato sfogare per un paio di tornate Alessio Toffanin (Yamaha) per poi passarlo e  chiudere con 5” di vantaggio. Al terzo posto Christian Napoli (Kawasaki). La 1000 ha visto il successo di Gianluca Fontanelli (Suzuki). Partito immediatamente in testa, ha prima tenuto a debita distanza il gruppetto degli inseguitori per poi gettarsi nello sprint finale allungando sugli altri piloti a due giri dal termine. Al secondo posto Peter Ennemoser (Ducati), che ha battuto allo sprint Ferdinando Di Maso (BMW) e Ermes Bettini (BMW).

 

TROFEO RR

Dopo aver fatto il vuoto nella gara di sabato del Trofeo RR 1000, Paolo Mauri (Ducati) ha bissato anche in quella della domenica. A 23” ha concluso secondo Alessandro Rossi (Kawasaki) mentre terzo si è piazzato Mario Guarracino (Honda), in volata su Alessandro Simoneschi (BMW). Nella 600 rivincita di Andy Rossi (Yamaha) nei confronti di Nicola Andolfatto (Kawasaki), ancora terzo posto per Andrea Zappa (Honda).

 

TROFEO GRAND PRIX

Infine nel Trofeo Grand Prix, vittoria senza problemi nella classe 250 di Jarno Ronzoni (Aprilia), che ha preceduto Patrizio Binucci (Aprilia) e Roberto Marchetti (Aprilia). Nella classe 125, primo al traguardo Lorenzo Tiveron (Honda), secondo posto per Walter Degener (Honda) e terzo per Edoardo Spadoni (Aprilia).

 

IN RICORDO DI EMANUELE

Una corsa emozionante, al tramonto, per ricordare in maniera particolare lo scomparso Emanuele Cassani, a cui viene dedicata la quarta prova del Trofeo. Numerosissima la partecipazione al primo memorial RUN WITH #96, un giro di corsa del circuito di Imola che la sera di venerdi ha visto transitare per primo sotto la bandiera a scacchi atteso dall’abbraccio di papà Moreno e dalla moto di Emanuele, proprio il pilota che ha fortemente voluto per questa gara la possibilità di correre con il numero 96 : Christian Micochero. 

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA