21 December 2004

Comparativa scooter 150 cc

Kymco Movie Vs Piaggio Fly

Ruote basse




Gli scooter targati a ruote basse sono sempre meno nei listini delle Case ma qualcuno, a ragione, ci crede ancora. Il nuovo Piaggio Fly è la proposta più recente: ben costruito, economico, abitabile e ben frenato. L’abbiamo messo a confronto con il Kymco Movie, nato sei anni fa, ancora appetibile soprattutto per il prezzo di acquisto e la praticità.


Gli scooter a ruote basse (da 10 o 12 pollici), seppur migliorati, con il tempo hanno perso quote di mercato e, di conseguenza, anche l’offerta è andata scemando: la clientela si è orientata sui più confortevoli e pratici “ruote alte” e le Case si sono comportate di conseguenza: va bene il risparmio, ma lo scooter di tutti i giorni deve offrire anche comodità e dotazioni. Attualmente il listino offre soltanto pochi modelli targati con queste caratteristiche, ma combinare l’estrema praticità dello scooter di taglia piccola con qualità dinamiche decenti non è impossibile.

Lo dimostra il nuovo Piaggio Fly 150, presentato al recente Salone di Monaco e già in vendita: la strumentazione è semplice, la sospensione posteriore ha un elemento solo, il motore a 2 valvole è raffreddato ad aria e collaudato, l’estetica è poco originale e l’impianto frenante è un classico disco anteriore e tamburo al posteriore. Ma tutto funziona come si deve. Il prezzo di 2.680 euro lo colloca di poco sopra i 50 cc di gamma alta.  Il Kymco Movie XL 150 è un altro esponente di questa categoria, ma già il suo prezzo dice che appartiene alla generazione precedente: solo 2.220 euro. La differenza rispetto al Piaggio è giustificata: il Kymco è ancora valido, ma l’anzianità di servizio (6 anni) si sente.

Il primo indizio che denuncia questa differenza è l’abitabilità: sullo scooter asiatico una persona di media statura si sente già un gigante, sta seduto molto raccolto senza possibilità di spostamenti (sella e pedana sono piccole) e nelle svolte più strette deve mettere le ginocchia fuori dalla sagoma dello scudo per evitare interferenze con il manubrio. Insomma il Movie sembra più piccolo del Fly e la differenza aumenta viaggiando in coppia: lo spazio per il passeggero sullo scooter orientale è limitato in tutti i sensi: longitudinale, trasversale e verticale. Le pedane sono alte e molto piccole (al pari della porzione di sella a lui riservata) e la debolezza dell’ammortizzatore, i cui fondo corsa sono frequenti già viaggiando da soli, non aiutano.  Non che sul Fly si viaggi in poltrona, ma la sistemazione è discreta: anche in questo caso l’ammortizzatore è unico, ma abbastanza sostenuto da arrivare a fondo corsa soltanto quando si finisce su tombini o buche profonde in coppia. In circostanze normali fornisce prestazioni più che dignitose; lo stesso dicasi per la forcella, che anzi funziona ancor meglio ed è nettamente superiore a quella del Movie, sia in termini di comfort sia di scorrevolezza.

Come sono fatti





E’ chiaro che praticità d’uso e maneggevolezza sono le prerogative principali di questo tipo di scooter. Quanto a praticità, sia il Fly sia il Movie sono dei campioni, con un leggero vantaggio per il secondo , tanto da apparire in un primo momento più piccolo del Piaggio, cosa smentita dalle nostre rilevazioni (per esempio, contrariamente ai dati dichiarati, la sella del Movie è 30 mm più alta da terra di quella del Fly).

Entrambi si parcheggiano in un fazzoletto e possono essere usati con facilità anche dai neofiti e dalle persone meno alte di statura.  Ci sono poi alcune soluzioni, come la chiave di contatto multifunzione, la tasca portaoggetti, il tappo della benzina e il gancio portaborse nello scudo, che sono prerogativa del Movie e giocano a suo favore sotto questo profilo. Il Fly però è nel complesso più maturo e piacevole da usare: la qualità superiore delle sospensioni porta migliore maneggevolezza (sul Movie lo sterzo denuncia una certa pesantezza) e tenuta di strada.

Purtroppo il gancio portaborse è in posizione scomoda e poco utile perché sulla punta inferiore della sella e il vano nel retroscudo è assai poco capiente. In compenso sotto la sella ci sta giusto giusto un casco jet, cosa possibile anche sul Kymco. Inoltre la strumentazione, sia pur semplice (manca il contakm parziale) ha comunque tutto quello che serve e anche l’orologio, di cui il Kymco non è dotato. Peccato, su entrambi, per l’imprecisione dell’indicatore della benzina. Buoni i comandi elettrici su tutti e due.  

Un altro punto a favore del Fly è la frenata, potente ed equilibrata: quest’ultimo ha il disco anteriore da 200 mm con pinza flottante a due pistoncini, contro quello da 220 mm, sempre con pinza a due pistoncini ma non flottante, del Kymco. Al posteriore i tamburi sono rispettivamente da 140 e 130 mm ma quello del Movie è quasi inesistente quanto a potenza. L’impianto dello scooter italiano è superiore per potenza e buona parte del merito negli spazi di arresto ridotti va ascritto alla forcella che gestisce bene la potenza frenante, conferendo stabilità al veicolo anche nelle manovre di emergenza.  Entrambi hanno telai classici monotrave sdoppiato e pneumatici 120/70, con il Movie che al posteriore adotta un più panciuto 130/70.  

Come vanno





Del tutto tradizionale e simile tra i due la meccanica, composta di un motore monocilindrico 4 tempi con distribuzione monoalbero in testa a due valvole e raffreddamento ad aria forzata. Si tratta di unità (quella Piaggio è la stessa montata sulla Vespa ET4) che fanno dell’affidabilità e dell’economia di esercizio le doti principali, com’è ovvio e com’è evidente guardando alle prestazioni.

Entrambi sono dotati di buona coppia ai medi regimi e sono molto fluidi nell’erogazione, come si conviene a motori accoppiati a trasmissioni automatiche. Anche i variatori hanno funzionamenti simili, con mezzo punto in più a vantaggio del Piaggio grazie alla frizione dallo stacco immediato: da questo punto di vista la Kymco è rimasta mezzo passo indietro negli ultimi anni, dopo aver a lungo primeggiato per qualità e affidabilità. Giudizio positivo per entrambe le meccaniche e accettabili i consumi, intorno a 20-25 km/l (considerando che si viaggia quasi sempre a pieno gas).  I motori sono stati scelti nell’ottica del risparmio nell’acquisto e nella gestione, quindi è inutile pretendere gran prestazioni: in città sono brillanti quanto serve, in autostrada possono tenere la velocità massima a lungo, ma è chiaro che quest’ultimo utilizzo deve essere occasionale, anche perché la protettività, viste le dimensioni, è ridotta (sul Fly) o quasi inesistente (sul Movie).
Per ultime le considerazioni estetiche. L’anzianità del progetto Kymco è evidente a prima vista: il mix di linee tese e tonde, la zona posteriore tozza e il faro nello scudo sono soluzioni tipiche degli anni ‘80, mentre il Piaggio è più slanciato e aggraziato, con un disegno di alcuni particolari (il maniglione posteriore) più moderno. Anche la ricerca di un minimo di stile su uno scooter di questa fascia di prezzo è indicativo del passare del tempo e del concetto di veicolo utilitario. Il Piaggio Fly vince quindi il confronto sotto quasi tutti i punti di vista.  In termini assoluti, lo scooter targato di piccole dimensioni dimostra di avere ancora più di una freccia al suo arco: è economico e adatto a ogni esigenza di mobilità urbana. Per questo motivo, se il rapporto qualità/prezzo rappresenta un’attrattiva convincente per il modello italiano, la quotazione del Kymco Movie, inferiore di ben 450 euro rispetto al rivale, resta un ottimo motivo per soprassedere sulle sue manchevolezze da parte di chi bada ancora (e non sono pochi, visti i tempi che corrono) al nudo e crudo: premi il ‘start’ e via.

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA