Prova borse da serbatoio ad aggancio rapido: chi ha vinto?

Queste borse da serbatoio si agganciano (e sganciano) con una mano, in pochi secondi. Sono utilissime sulle sportive, dove la capacità di carico è limitata, ma lo spazio a disposizione le rende utili solo per la “scappata” del fine settimana. Ne abbiamo confrontate quattro e a vincere è stata...

1/38

1 di 6

Dopo la prova comparativa dedicata alle borse da serbatoio per enduro stradali, del tipo a fissaggio tramite cinghie, oggi ci occupiamo delle "sorelle" con il meccanismo di aggancio rapido e adatte a una moto sportiva.

Il fissaggio rapido è composto da una flangia che va imbullonata sul serbatoio sfruttando le viti del tappo del rifornimento, sulla quale si aggrappa il meccanismo di aggancio, solidale al fondo della borsa. Questo sistema ha il vantaggio di rendere velocissime le operazioni di aggancio e sgancio, e in più, tenendo sollevata la borsa, evita che lo sfregamento del fondo graffi il serbatoio. Lo svantaggio è che la flangia resta sempre sul serbatoio (non tutte sono belle da vedere) e non è un sistema consigliato se si fa del fuoristrada impegnativo, poiché una semplice caduta potrebbe danneggiare il meccanismo, con un ovvio problema nel caso in cui non si dovesse più riuscire ad agganciare la borsa.

La moto che abbiamo scelto per questa prova è la Triumph Street Triple RS, ma il modello non è vincolante: la maggior parte delle borse si può adattare a quasi tutte le moto con il serbatoio piatto, molto spesso pure mantenendo la stessa flangia.

Come di regola abbiamo lasciato scegliere il modello al costruttore e abbiamo ricevuto quattro borse; manca qualche azienda che al momento non ha in catalogo un prodotto adatto a questa applicazione oppure sta rinnovando quello attuale.

Comode su una sportiva

Su una sportiva le borse da serbatoio sono comode, poiché il volume di carico offerto dalle borse laterali che si possono installare su queste moto è limitato e in genere non si monta il bauletto. Non possono essere voluminose, vista la posizione di guida, ma sono utili per riporre gli oggetti da tenere a portata di mano, come i documenti, l'antipioggia, il biglietto dell'autostrada, la cartina o il materiale fotografico.

Le quattro borse in prova non sono anfibie (anche Oxford, seppur con le cerniere impermeabili, offre in dotazione la sacca interna impermeabile), e quindi alle prime gocce di pioggia occorre fermarsi e coprirle con la mantellina in dotazione, esterna per GIVI e Kappa e SW-Motech.

I sistemi di aggancio

I tre sistemi di aggancio delle nostre borse (GIVI e Kappa condividono lo stesso meccanismo), prevedono una flangia da fissare sul serbatoio usando gli stessi fori filettati che serrano il tappo. Non servono accessori: nella confezione sono fornite viti più lunghe e il montaggio è molto semplice, serve solo qualche minuto.

Le moto sportive hanno il tappo in posizione arretrata, quindi per evitare interferenze con il busto si deve scegliere la giusta posizione sul serbatoio. Per questo ogni aggancio ha un sistema di regolazione: GIVI, Kappa e Oxford offrono una serie di fori, quindi occorre svitare le viti che tengono il meccanismo e riavvitarle nella posizione scelta; SW-Motech ha una comoda slitta con una lavorazione tipo cremagliera. GIVI e Kappa offrono un’escursione di +/- 4,5 cm dalla posizione centrale; Oxford +/- 2 cm e SW-Motech +/- 9 cm.

GIVI, Kappa e Oxford hanno la cinghia di sicurezza da far girare dietro al cannotto di sterzo. Al momento del rifornimento converrà quindi sganciarle solo dalla ghiera. SW-Motech si fida del suo sistema di aggancio e non fornisce la cinghia.

Di seguito, dall'ultima classifica alla prima (al terzo posto ne troverete due a pari punti), leggerete commenti e pagelle relative alle quattro borse testate. Quattro sono anche le voci che troverete all'interno di ogni singola pagella, che poi corrispondono ai test cui le abbiamo sottoposte.

  • IMPERMEABILITÀ: abbiamo testato le borse senza di esse sottoponendole a una simulazione di forte pioggia di 5 minuti, questo per avere una idea di quanta autonomia si ha per trovare un posto al coperto dove fermarmi per indossare l’abbigliamento antiacqua, personale e della borsa
  • VERIFICA CAPACITÀ: è stata effettuata con la prova delle palline da tennis con la borsa in condizione normale
  • AGGANCIO: facilità di montaggio, che tiene conto della semplicità e funzionalità del sistema di fissaggio
  • PRATICITÀ: il punteggio è legato alla funzionalità, all’accessibilità al vano di carico e alle tasche (numero totale, quante interne, quante esterne, capacità e loro funzionalità), all’ingombro
  • FINITURE: il voto comprende l’efficacia del progetto, la ricchezza dell’allestimento, la qualità dei materiali, dei componenti e delle lavorazioni
1/4

Borse serbatoio, test capienza

Sito: www.oxfordproducts.com

Prezzo: 220,50 euro

Caratteristiche: Realizzata in nylon antistrappo, leggero ma resistente, ha le cerniere impermeabili, la finestra per i dispositivi GPS o lo smartphone, due tasche esterne, due interne. In dotazione ci sono la sacca impermeabile con chiusura roll-up, la maniglia per il trasporto e la cinghia per la tracolla. Il prezzo è comprensivo della flangia (35,50 euro).

Dati dichiarati: Dimensioni (LxLxA) 17x32x32 cm; Capacità 15 litri; Made in Indonesia

Dati rilevati: Peso 1,3 kg; Capacità 11,5-14,6 litri; Misure porta mappa/tablet: 12x16 cm

Pagella: Impermeabilità 5; Aggancio 7; Praticità d’uso 8; Qualità & finiture 9; Totale 29

Pregi: Tasche interne, portacellulare

Difetti: Sistema di fissaggio sulla borsa

Commento: La Oxford è realizzata con un tessuto sottile ma ha le pareti imbottite, cosa che la rende solida e sempre in "forma"; per contro ruba spazio all'interno. La finestrella trasparente, troppo piccola per la vecchia cartina, è perfetta per i moderni dispositivi elettronici, ha lo schermo antiriflesso, il parasole e il passaggio impermeabile per il cavo di alimentazione. Le cerniere scorrono meno facilmente delle altre, a causa della membrana impermeabile, ma la borsa non è a tenuta stagna, poiché l’acqua entra dalle cuciture. Il sistema di aggancio è classico, ma il meccanismo dalla parte della borsa si fissa su una base che a sua volta è assicurata alla borsa stessa tramite un giro di una grossa cerniera lampo (serve per cambiare sistema di fissaggio, esempio mettere le calamite). In dotazione c’è una cinghia di sicurezza, con chiusura a doppio anello a D, che però è scomoda da serrare quando si infila negli angusti spazi concessi da una sportiva.

1/10

Oxford Q15R

Sito: www.kappamoto.com

Prezzo: 116 euro

Caratteristiche: Appartiene alla linea Alpha Range, è espandibile e ha l'attacco Tanklock. Ci sono la tasca per la cartina, due tasche laterali, la maniglia per il trasporto a mano, la mantellina antipioggia, la cinghia di sicurezza da fissare allo sterzo e lo spallaccio per il trasporto a tracolla. Il prezzo è comprensivo della flangia (16 euro).

Dati dichiarati: Dimensioni (LxLxA) 24x33x23 cm; Capacità 14-18 litri; Made in Vietnam

Dati rilevati: Peso 1,4 kg; Capacità 13,5-20 litri; Misure porta mappa/tablet: 23x25 cm

Pagella: Impermeabilità 5; Aggancio 7,5; Praticità d’uso 8,5; Qualità & finiture 8; Totale 29

Pregi: Semplicità, aggancio rapido

Difetti: Sgancio duro, non ci sono tasche interne

Commento: Concettualmente simile alla GIVI, la Kappa riprende gli stessi concetti, presentandoli però con un look meno elegante, in particolare per il tessuto usato, più ruvido e opaco. Ha quindi due tasche laterali comode e ampie e la finestra trasparente porta cartina, più scomoda ma più protetta, poiché vi si accede dall'interno. Al contrario della GIVI si estende dalla parte superiore, operazione comunque agevole. All'interno c'è un foglio di plastica rigida che va fissato sul bordo in una tasca con la zip: l'operazione è un po' più difficoltosa rispetto alla stessa che occorre fare sulla GIVI, ma poi la struttura risulta maggiormente solida e ordinata. Anche qui non ci sono tasche interne. Si trasporta con la comoda maniglia imbottita di gomma oppure con la tracolla, fornita di serie, con imbottitura, più confortevole rispetto a quella della GIVI. Sempre di serie ci sono anche la cinghia di sicurezza e la copertina antipioggia, nera, con la finestra trasparente.

1/10

KappaMoto AH214 Tanklock

Sito: www.givi.it

Prezzo: 127 euro

Caratteristiche: Appartiene alla linea Easy-T, con attacco tipo Tanklock al tappo del serbatoio. È espandibile, ha gli inserti in poliuretano, il portacartina, le tasche laterali, il rinforzo interno rimovibile. In dotazione ci sono la mantellina antipioggia e la cinghia di sicurezza da fissare al manubrio, poi utilizzabile come spallaccio per il trasporto a tracolla. Il prezzo è comprensivo della flangia (16 euro).

Dati dichiarati: Dimensioni (LxLxA) 28x39x22 cm; Capacità 20-26 litri; Made in Cina

Dati rilevati: Peso 1,2 kg; Capacità 13-18 litri; Misure porta mappa/tablet: 17x33 cm

Pagella: Impermeabilità 5; Aggancio 7,5; Praticità d’uso 8,5; Qualità & finiture 8,5; Totale 29,5

Pregi: Stile pulito, aggancio rapido

Difetti: Sgancio duro, non ci sono tasche interne

Commento: L'estetica è piacevole ed è ben rifinita, sia per il filetto giallo fluo riflettente, sia per le linguette delle cerniere lampo, anch'esse dalla finitura gialla. L'uso è molto agevole: le tasche esterne laterali sono ampie e comode da aprire, è facile azionare la zip per l'estensione, ricavata alla base della borsa, ed è anche comodo accedere alla tasca per la cartina o il navigatore nella tasca trasparente, grazie alla zip laterale. È anche molto agile accedere all'interno, sempre con la zip molto scorrevole, ma non ci sono tasche per riporre piccoli oggetti. Di serie c'è una cinghia che si usa per un aggancio di sicurezza al manubrio e poi per il trasporto, trasformandola in tracolla. All'interno si può montare un supporto di plastica rigida che correndo sui lati protegge la borsa dagli urti e mantiene rigida la struttura. L'aggancio al serbatoio è il medesimo della borsa Kappa (prodotta dallo stesso Gruppo GIVI).

1/6

GiVi EA131 Tanklock

Sito: www.sw-motech.it

Prezzo: 240 euro

Caratteristiche: È realizzata in nylon balistico, robusto e resistente ai raggi UV. È espandibile, ha un attacco MoLLE sul coperchio per agganciare gli accessori, due tasche esterne e tre all’interno. È fornita di copertura antipioggia, ha la maniglia per il trasporto, due passacavi, ed è possibile usare un lucchetto con cavo o antifurto. Il prezzo è comprensivo della flangia (30 euro).

Dati dichiarati: Dimensioni (LxLxA) 39,5x31,5x16,5 cm; Capacità 12-17 litri; Made in Vietnam

Dati rilevati: Peso 1,3 kg; Capacità 8.5-12 litri; Misure porta mappa/tablet: assente

Pagella: Impermeabilità 5; Aggancio 10; Praticità d’uso 10; Qualità & finiture 10; Totale 35

Pregi: Qualità, sistema di aggancio

Difetti: Piastra di scorrimento limita la capienza

Commento: La SW-Motech è la più raffinata, per il design, per i materiali scelti, per l'abbinamento delle trame dei tessuti, per la rigidità del corpo. Ci sono inoltre numerosi accorgimenti che mostrano l'attenzione al progetto: le due aperture passacavo, una all'anteriore e una al posteriore; le tre tasche interne a rete, di cui quella sul dorso, più capiente, dotata di zip; la possibilità di utilizzare un sistema antifurto che impedisce di sganciarla dal supporto (optional, 20 euro), l'anellino sulle linguette dello zip sul coperchio dove agganciare un piccolo lucchetto; i loghi di gomma in rilievo; le asole rosse per agganciare piccoli oggetti; l'ampio sistema MoLLE sul dorso. Quest'ultimo serve per fissare la Drybag (optional, 25 euro), borsa impermeabile per riporre lo smartphone o il navigatore. C’è anche in versione tablet, ma la vecchia cartina non è considerata. La borsa si espande dalla base con il classico giro di zip, e si trasporta con la maniglia.

1/8

SW-Motech Pro Sport

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA