SPECIALE SALONE EICMA 2022
Tutte le novità Casa per Casa
24 May 2006

Comparativa ABS 600

Un test per verificare le'fficiacia del sistema di frenata antibloccaggio installato su divrese sorelle di cilindreata e di categoria.

Le sfidanti




Kawasaki ER-6f (nella foto sopra da sinistra); Suzuki GSF650S; Yamaha FZ6 Fazer e Honda CBF 600. Tutte con sistema di frenata antibloccaggio. La prova in pista per verificare la bontà di questo sistema in tutti i frangenti possibili.

La CBF600 adotta il motore 4 cilindri in linea della Hornet, dall’animo spiccatamente sportivo, ma addolcito nei toni e con minor potenza massima.
Il doppio freno anteriore è da 296 mm, mentre quello posteriore misura 240 mm.
Ampio e protettivo il cupolino che integra un gruppo ottico con doppio faro
.


La Kawasaki ER-6f ripropone in chiave turistica gli stessi concetti di semplicità e funzionalità già espressi dalla sorella nuda, la ER-6n. La naked però colpiva maggiormente.
Completa la strumentazione. Buona la cura dei dettagli per una moto di questa categoria: un esempio, la regolazione della distanza leva frizione

La Bandit, grazie al recente restyling ha acquisito una nuova giovinezza. Il motore, però, è il datato 4 cilindri raffreddato ad aria/olio, comunque valido in ottica turistica.
Completa e leggibile la strumentazione.
La moto ha ancora molto successo soprattutto sui mercati stranieri dove badano alla sostanza. E' robusta, facile e costa poco.

ABS, le differenze




Ecco le principali differenze tra i sistemi ABS delle moto provate in questo servizio.

Honda CBF600

L’impianto utilizzato è il gruppo di produzione Nissin, con corpo pompa e centralina elettronica integrati nello stesso componente, fusibile da 10A ben riconoscibile ed alloggiato dietro al fianchetto destro.
Per questo prodotto Honda dichiara l’utilizzo di un microprocessore a 16 bit.
Durante le prove di frenata l’assetto cedevole contribuisce ad abbassare il baricentro e, quindi, a spostare favorevolmente il limite di ribaltamento in avanti del veicolo
.

Kawasaki ER-6f

L’impianto è di produzione Bosch, con elettronica integrata nel corpo pompa e con due fusibili uno dedicato alla ECU (da 25A) e l’altro dedicato al servomotore (da 30A), alloggiati nel codino dal lato sinistro ma non facilmente identificabili a causa dell’assenza di adesivi o indicazioni. L’installazione dell'ABS causa uno spostamento del regolatore di tensione che, sprovvisto di riparo, appare esposto alle intemperie. La piccola Kawa è l’unica equipaggiata nei rami flessibili dell’impianto frenante esclusivamente con tubazioni in treccia metallica.

Suzuki GSF650S

L’impianto ABS di produzione Nissin, del tutto analogo a quello di Honda, è dotato di un fusibile da 20A ben riconoscibile ed installato vicino alla batteria.
La parte restante di impianto frenante, almeno all’anteriore, è invece del tutto analoga a quella della Kawasaki
.
La sua centralina elettronica che sorveglia tutto l'impianto è collocata in posizione molto razionale sotto la sella.
La stesura dei cablaggi è molto ordinata e con materiali di buona qualità. Bene anche la finitura.

L’impianto ABS è l’unico a non avere un sistema con pompa ed elettronica integrata: il gruppo servomotore - modulatore di frenata è di produzione Sumitomo, apparentemente massiccio. La centralina elettronica è di produzione Visteon, non è stagna ed è protetta da una guaina in gomma, a nostro avviso non perfettamente ermetica specialmente pensando al trascorrere degli anni: questo componente sembra di derivazione automobilistica, in genere però installato nell’abitacolo. Cablaggio elettrico e centraline ci è sembrato il meno curato.

Le sfidanti





I differenti comportamenti delle 4 moto sono illustrati sulla rivista. Qui pubblichiamo i grafici che evidenziano quanti metri sono stati necessari per arrestari nelle diverse situazioni: frenata a 90 km/h su asciutto; a 90 km/h su bagnato e a 50 km/h su pavé

Questi dati richiedono comunque alcune considerazioni.
L’ABS ci ha sempre tenuti in piedi
. Sembra banale ma le modalità del test ci sarebbero costate una sicura caduta con impianti convenzionali.
Per contro, l’antibloccaggio non è come per le auto, un sistema al quale demandare in toto la frenata nel caso di frenate d'emergenza. Soprattutto con Kawasaki e Yamaha le variazioni di assetto richiedono una attenzione nel modulare la frenata da guidatore esperto.

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA