La squalifica di Pirro: replica e scuse del team Barni

Le irregolarità al motore della Ducati Panigale che il Team Barni affida a Michele Pirro hanno causato la squalifica del pilota dominatore del CIV 2016, estromesso dalla classifica di 5 delle 6 gare disputate (e vinte). La squadra si scusa e fa conoscere la propria versione in un comunicato

le parole della squadra

In merito alla squalifica di Michele Pirro a seguito delle verifiche tecniche sulla Ducati Panigale del team Barni vincitrice di tutte le gare del CIV 2016 finora disputate, ecco il comunicato della squadra che, nelle parole del team principal, Marco Barnabò, chiarisce l'accaduto.

Calvenzano, 1 settembre 2016. Il motore “preso in esame” e risultato non conferme alle verifiche tecniche, aveva subito la rigenerazione delle teste e il cambio delle sedi delle valvole. Durante questa lavorazione è stato asportato del materiale sottovalutando questo aspetto. Siamo convinti che questa operazione non abbia potuto conferire un vantaggio prestazionale della moto “percettibile” ne tantomeno influire sui risultati ottenuti dal nostro pilota Michele Pirro. Purtroppo siamo stati ingenui, commettendo un grave errore e per questo ce ne scusiamo. Continueremo il campionato italiano con l’entusiasmo che ci ha sempre contraddistinti, dimostrando che i successi ottenuti dal team in tutti questi anni sono solo frutto di tanto lavoro, dedizione, sacrifico e passione per questo Sport e dando la possibilità a Pirro di lottare come sempre per la vittoria.

Marco Barnabò
Team principal 

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA