CIV 2016, Imola: Pirro trionfa comunque. Taccini campione PreMoto3

CIV 2016, Imola: risultati, classifiche e foto dopo le gare 7 e 8. Un fine settimana di doppiette all’Enzo e Dino Ferrari di Imola: in SBK Michele Pirro  si riscatta dalla penalità subita vincendo alla grande entrambe le gare; bottino pieno anche per Arbolino in Moto3 e Montella nella Sport 4T. In PreMoto3 Taccini è campione in anticipo per la classe 250 cc; in Supersport trionfano Manfredi e Roccoli

CIV 2016: si torna in pista a Imola

Le classi in gara nel Campionato Italiano Velocità sono tornate in pista dopo i round 5 e 6 di Misano in un week end contrassegnato, almeno nella classe Superbike, dalla volontà di riscatto di Pirro dopo la penalità comminata al Team Barni Racing. Di seguito trovate i risultati, le classifiche della gara e quelle generali; cliccando qui invece potete vedere la mega gallery del week end di Imola.

SBK: un grande Pirro vince entrambe le gare

In gara 1 trionfa Michele Pirro. Dopo aver conquistato la pole position, il pilota Ducati Barni Racing gommato Michelin vince imponendo un ritmo insostenibile per i suoi avversari e mostrandosi poi visibilmente emozionato all’arrivo nel parco chiuso. Ricordiamo infatti che l’ennesimo trionfo per Michele arriva in seguito alla squalifica dei giorni scorsi (a cui il Team ha replicato). Pirro confeziona a Imola una gara pressoché perfetta, accumulando un vantaggio al traguardo di più di 10”. Seconda posizione per Kevin Calia (Aprilia Nuova M2 Racing) che conferma il suo valore sulla pista di casa, un circuito dove era riuscito a vincere lo scorso anno. Terza posizione per la Yamaha gommata Pirelli di Fabio Massei (Pata Yamaha Official Stock); è sfortunato invece il compagno di squadra, Riccardo Russo, che a causa di una caduta abbandona la gara. Il quarto posto va alla Ducati del Team Barni Racing di Ivan Goi, con Matteo Baiocco (Ducati Motocorsa) in quinta posizione. A chiudere la top ten sono: Polita, Schiavoni, Sandi, Lanzi e Saltarelli. Oltre al già citato Russo sono altri 7 i piloti che non terminano la gara: Mauri, Cocco, Ferrari, Salvadori, Moser, Baggi e Marchionni.

Queste le parole del vincitore della gara, Michele Pirro: “Penso che nelle gare di moto il pilota faccia ancora la differenza e oggi ne è stata la dimostrazione. In questo momento grazie alla mia esperienza, talento e al pacchetto moto/team/gomme, sono senza dubbio il più veloce. Gestire la gara dal punto di vista psicologico non è stato semplice, ma questa vittoria mi ha dato la stessa emozione di quando vinsi a Valencia in onore di Marco Simoncelli. Dedico questo successo a tutte le persone che pensano che ho vinto le precedenti sei gare per un vantaggio tecnico. Domani ci sarà un’altra gara e voglio concentrarmi per dare nuovamente il massimo”.

In gara 2 Pirro impone nuovamente un ritmo insostenibile ai suoi avversari e accumula un vantaggio all’arrivo di più di 7”. Il pilota Ducati Barni Racing trionfa anche nel secondo appuntamento sul circuito Enzo e Dino Ferrari di Imola, per lui si tratta della vittoria numero 8 su 8 gare. In gara 2 Pirro mette a segno anche il giro veloce, completato in 1’49”085. Dietro di lui la lotta tra Matteo Baiocco, secondo al traguardo, e Riccardo Russo, terzo, termina solo al fotofinish con il pilota del Team Pata Yamaha Official Stock tenta fino all’ultimo di sorpassare, senza riuscirci, l’alfiere Ducati Motocorsa. Quarto posto per Calia (Aprilia Nuova M2 Racing), Ivan Goi (Ducati Barni Racing) arriva immediatamente alle sue spalle. A chiudere la top ten ci sono: Lanzi, Polita, Ferrari, Mauri, Saltarelli. Molti i piloti che non chiudono la gara: Baggi, Marchetti, Cocco, Schiavoni, Muzio, Salvadori e Marchionni.

Queste le parole di Michele Pirro al termine della gara: “Anche nella seconda gara abbiamo dimostrato di essere i più veloci. Purtroppo la penalità che ho subito nei giorni scorsi ha condizionato il campionato e il mio possibile titolo. Credo che non ci sia una vera giustizia sportiva che tuteli l’atleta come nel mio caso, ma le regole sono queste e anche se con difficoltà vanno rispettate e accettate. È stata una settimana molto dura ma ora guardo avanti e al prossimo weekend dove sarò impegnato a Misano in occasione della gara della MotoGP”.

La leadership della SBK è nelle mani di Baiocco (118 punti), seguito da Calia (99 punti) e da Matteo Ferrari (89 punti). Sesto posto per Pirro, il talentuoso pilota pugliese risponde alle critiche con i fatti dominando in solitaria due gare difficilissime dal punto di vista emotivo ma, a causa della decurtazione avvenuta in seguito alla squalifica, si trova ora a quota 75 punti con l’impossibilità di vincere un altro titolo.

I protagonisti del CIV si ritroveranno in pista per il gran finale, previsto per i prossimi 8 e 9 ottobre, al Mugello.

Supersport: Manfredi e Roccoli al top

La classe Supersport vede, in gara 1, la vittoria di Kevin Manfredi. Dopo i progressi mostrati a Misano, con i due podi conquistati negli scorsi round, il pilota Phoenix Racing Suzuki riesce a trionfare a Imola dopo una bella lotta con avversari quali Roccoli, Bussolotti e Canducci. La seconda posizione va alla MV Agusta Laguna Moto Racing di Roccoli, con Bussolotti (RM Racing Team Kawasaki) 3° e Canducci 4° (Team Green Speed Kawasaki), quest'ultimo ha subito una penalizzazione per il taglio della variante all’ultimo giro. Completano la top ten Cruciani, Giugovaz, Dionisi, Ottaviani, Cresson e Morciano; non portano a termine la gara Morrentino, Stirpe, Rosso, Mengoni, Radman e Cinto.

Fiato sospeso in gara 2, dove sono in 4 a giocarsi la prima posizione, decisa solo al fotofinish. A conquistare la vittoria, prima per lui quest’anno, è Massimo Roccoli (Laguna Moto Racing MV Agusta). Il campione in carica ha la meglio per soli 15 millesimi su Canducci (Team Green Speed Kawasaki); Kevin Manfredi è terzo al traguardo. Il pilota Phoenix Racing Suzuki centra un altro podio, e riesce ad arrivare davanti a Bussolotti (RM Racing Team Kawasaki), con Cruciani (Kawasaki Puccetti Racing Team) quinto ma più distaccato dai primi. A completare la top ten sono Stirpe, Dionisi, Giugovaz, Sabatino e Cresson; non portano a termine la gara Oliva, Bolognesi, Radman, Rosso Ciprietti, Mazzuoli e Morrentino.

Roccoli resta leader in classifica generale a quota 128 punti davanti a Manfredi, 105 punti, e Bussolotti, terzo a 98 lunghezze. Ai piedi del podio troviamo invece Cruciani con 92 punti.

Moto3: Arbolino imbattibile a Imola

In Moto3 è un grande 7° round per il Team SIC58, che a Imola conquista una doppietta con i suoi due piloti. In gara 1 trionfa Tony Arbolino (KTM), che dopo la pole strappa anche il giro veloce, siglato in 1’59”527. Tony vince in solitaria sui suoi avversari. Secondo posto per Mattia Casadei (KTM), che ha la meglio, dopo una bella battaglia, su Kevin Zannoni (Mahindra Peugeot Minimoto Portomaggiore) in una lotta chiusa solo sulla linea del traguardo. Quarta posizione per Manuel Pagliani (MTR GEO Honda), seguito da Edoardo Sintoni (MTA Italia Mahindra Peugeot). A completare la top ten sono Nepa, Mazzola, Spinelli, Sabatucci e Fabbri; non portano a termine la gara Marcon, Vargas, Tonassi, Bernardi e Vietti Ramus.

Gara 2 consacra una doppietta per Tony Arbolino, in una Moto3 che cambia ancora il leader in classifica generale. Il pilota SIC58 su KTM chiude alla grande un weekend che lo vede partire dalla pole position e vincere in solitaria anche la gara di domenica. Seconda posizione per il nuovo capoclassifica della Moto3: Manuel Pagliani. L’alfiere (MTR GEO Honda) ha migliorato il 4° posto ottenuto in gara 1 e conquista un podio che gli vale la targa di leader. Ancora un terzo posto per Kevin Zannoni (Team Minimoto Mahindra Peugeot), scatenato nel finale, dove realizza il nuovo giro record della pista con il tempo di 1’59"043, migliorando il precedente record di Bezzecchi. Alle loro spalle è bagarre tra Sintoni (MTA Italia Mahindra Peugeot), Casadei (KTM SIC 58) e Spinelli (MF84 Pluston Althea KTM). Una lotta che si conclude all’ultima curva con Sintoni seguito da Casadei e Spinelli a distanza ravvicinata. A completare la top ten sono Nepa, Vietti Ramus, Marcon e Vargas; non portano a termine la gara Mazzola, Triglia e Fabbri.

In classifica generale c’è Pagliani al comando con 109 punti, seguito a 6 lunghezze da Casadei. Terza posizione per Spinelli a quota 90 punti, con Zannoni, quarto, a 84 lunghezze e l’infortunato Ieraci a 81 punti. Nella Moto3 standard vittoria di Zanotti davanti a Guzzon e Raimondi. Zanotti conduce in classifica generale con 151 punti, seguito sempre da Guzzon 130 punti e Raimondi 122 punti.

Premoto3: Taccini è campione nella classe 250 cc

In Premoto3 250 4T è Leonardo Taccini (VL Team Speed Up) a trionfare in gara 1. Un gran 7° round per lui, che dopo la pole ottiene anche la vittoria. Ancora in evidenza Thomas Brianti, 2° in gara dopo l’esordio vincente al Mugello. Terza posizione acquisita per Lorenzo Bartalesi (RMU Racing Team), dato che Matteo Bertè (2 Wheels Polito), terzo al traguardo, è squalificato a fine gara per una irregolarità tecnica.

Nella 125 2T la vittoria va a Matteo Ripamonti (Honda); a seguire Pasquale Alfano (Honda), secondo nel giorno del suo tredicesimo compleanno, e Raffaele Fusco (RMU Racing Team).

L’Autodromo Enzo e Dino Ferrari incorona al termine di gara 2 Leonardo Taccini come Campione PreMoto3 250 4T. Dopo la conquista della targa tricolore lo scorso anno nella PreMoto3 125, il pilota Speed Up VL Team trionfa anche in questo 2016, nel primo anno di gare nella categoria superiore. Taccini, sempre a podio durante questa stagione, chiude i giochi con la doppietta di Imola. Il romano trionfa nel secondo round dopo una bella battaglia con Davide Baldini (RMU Racing Team), conclusa solo nelle battute finali. Primo podio per Matteo Bertè (2 Wheels Polito), terzo al traguardo. La classifica vede quindi Taccini imprendibile a 181 punti davanti a Rossi, che ha 130 punti, e Baldini, terzo, a 114 punti.

Nella 125 2T è Elia Bartolini (RMU Racing Team) a vincere su Matteo Ripamonti (Honda) e Thomas Rossi (RMU Racing Team). In classifica generale è sempre in testa Giannini (Honda) con 155 punti, seguito da Fusco (RMU Racing) a 149 lunghezze, rispettivamente quarto e quinto oggi in gara. La terza posizione della cassifica generale è occupata da Ripamonti con 83 punti accumulati, seguito a sole 2 lunghezze da Alfano (GLS Racing Honda).

Sport 4T: Luigi Montella fa il bis a Imola

La prima gara della classe Sport 4T va a Luigi Montella. Il pilota diciassettenne, su Yamaha, ottiene la vittoria dopo una bella battaglia con Castano Illan (AG Motorsport Yamaha), risolta solo al traguardo. Terzo posto per Paolo Giacomini (Terra e Moto Yamaha), con Lorenzo Segoni (E&E Racing Team Honda) out dopo un contatto con Manuel Bastianelli (GP Project Kawasaki), penalizzato di 5 secondi per l’accaduto.

Gara 2 dal finale entusiasmante dove a spuntarla, dopo una grande bagarre a 4 che si conclude solo nelle ultime tornate, è ancora Montella. Il pilota Yamaha bissa così il successo ottenuto nella prima gara. Dietro di lui lo spagnolo Castano Illan (AG Motorsport Yamaha). Il podio è completato da Grassia, terzo, seguito dal compagno di squadra Bastianelli (entrambi sono piloti del Team GP Project Kawasaki). In classifica generale c’è sempre Castano Illan al comando con 132 punti, alle sue spalle Montella con 113 punti e Segoni a 107 lunghezze.
1/145 CIV 2016, Imola: il podio della classe Premoto3

CIV 2016, Imola: classifica gara 1 Superbike

CIV 2016, Imola: classifica gara 2 Superbike

Classifica generale Superbike

CIV 2016, Imola: classifica gara 1 Supersport

CIV 2016, Imola: classifica gara 2 Supersport

Classifica generale Supersport

CIV 2016, Imola: classifica gara 1 Moto3

CIV 2016, Imola: classifica gara 2 Moto3

Classifica generale Moto3

CIV 2016, Imola: classifica gara 1 PreMoto3

Classifica generale PreMoto3 125 2T

Classifica generale PreMoto3 250 4T

CIV 2016, Imola: classifica gara 2 PreMoto3

CIV 2016, Imola: classifica gara 1 Sport 4T

CIV 2016, Imola: classifica gara 2 Sport 4T

Classifica generale Sport 4T

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA