Nuova CCM Classic Tracker, ora è ufficiale

La Casa inglese CCM rimpolpa la propria offerta di monocilindriche "artigianali" con una versione minimalista della Street Tracker: stesso motore, stesso telaio ma un gusto ancora più flat track. Scopriamo le caratteristiche tecniche e i prezzi della Classic Tracker

1/19

CCM Classic Tracker

La Casa inglese dal forte sapore artigianale, CCM, ha ufficializzato l’entrata in famiglia della Classic Tracker, una versione della Street Tracker con una maggiore propensione stilistica verso lo stile vintage.

Dato che la base tecnica e quella meccanica sono praticamente le stesse, così come l’ispirazione al mondo flat-track, partiamo dalle differenze - sostanzialmente estetiche - che caratterizzano la Classic rispetto alla Street.

La prima è ancora più minimalista, nel senso che i tecnici sono andati per sottrazione: così sulla Classic non ci sono le cover ai lati del radiatore, mancano le tabelle portanumero sotto la seduta e i paracolpi in carbonio inseriti tra i tubi del telaio, il parafango anteriore è basso a filo con la ruota (e non alto come sulla Street) e i comandi a pedale sono “alleggeriti” (insomma, sono forati).

Il faro anteriore è sempre a LED (così come gli indicatori di direzione e il faretto posteriore), le ruote a raggi da 19” su entrambi gli assi calzano pneumatici Mitas da flat-track omologati per la strada, mentre spunta un telaietto portatarga basso a filo con il pneumatico posteriore, e uno scarico 2-in-2 inedito (quello della Street è un 2-in-1), con i due terminali dal fondello in carbonio sovrapposti che accentuano il richiamo stilistico al passato.

A pulsare tra i sinuosi tubi del telaio in tubi d’acciacio c’è il solito monocilindrico da 600 cc raffreddato a liquido (ed Husqvarna/BMW), per il quale CCM dichiara 55 CV e 58 Nm di coppia massima a 5.500 giri/min e tagliandi ogni 5.600 km. La frizione Magura è multidisco in bagno d’olio con comando idraulico.

La forcella a steli rovesciati Marzocchi è completamente regolabile, così come lo è il monoammortizzatore ed entrambe le sospensioni hanno un'escursione di 120 mm.

Per quanto riguarda l’impianto frenante, J-Juan mette sul piatto una pinza ad attacco radiale a quattro pistoncini abbinata a un discone da 320 mm all’anteriore, più un disco da 240 e pinza a singolo pistoncino al posteriore.

Guardandola è chiaro come la Classic Tracker, del resto come ogni altra CCM, sia una moto votata al puro divertimento sia nel misto stretto sia in quello medio veloce, basato non tanto sulla cruda potenza quanto su un mirato mix azzeccato di prontezza del motore, leggerezza (145 kg dichiarati a secco, a cui vanno sommati altri 9,5 kg relativi ai 14 litri di benzina) e quote ciclistiche votate alla confidenza più che alla reattività estrema (interasse di 1.455 mm e inclinazione del cannotto di sterzo di 26°).

E ora, il lato economico: in Inghilterra la CCM Classic Tracker ha prezzi di vendita che vanno dalle 10.695 sterline per la colorazione blu, alle 11.495 sterline per la più ricca versione grigio (sella in pelle, tappo “Monza”, finiture cromate su piastre di sterzo e forcella, finitura oro sui cerchi). Che in euro diventerebbero rispettivamente 12.435 per la prima e 13.365 euro (a cui aggiungere 117 sterline - 136 euro - di messa in strada).

1/17

CCM Classic Tracker

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA