Caro benzina, Adiconsum: “Recuperare per i carburanti il meccanismo di adeguamento periodico del prezzo alla pompa”

Secondo Paolo Landi, presidente di Adiconsum, bisognerebbe fissare per i prezzi dei carburanti rincari periodici come per gas ed elettricità, in modo tale da evitare gli aumenti esagerati che si sono registrati negli ultimi tempi, peraltro non sempre giustificati da prezzi del petrolio più elevati.

Caro benzina, adiconsum: “recuperare per i carburanti il meccanismo di adeguamento periodico del prezzo alla pompa”


Milano 9 luglio 2009 - Il prezzo della benzina non si ferma mai. Soprattutto segue dinamiche incomprensibili. Aumenta il giorno stesso in cui è annunciato un rincaro del greggio e cala molto lentamente quando il petrolio diminuisce, o, peggio ancora, cresce quando la quotazione dell’oro nero è in ribasso. Inoltre la concorrenza tra le Compagnie petrolifere è inesistente come dimostra la risibile differenza alla pompa al momento di fare il pieno; ridicola. Tutti argomenti sono stati ripresi da Paolo Landi, presidente di Adiconsum, nella sua richiesta di un intervento governativo: “Occorre recuperare per i carburanti il meccanismo di adeguamento periodico del prezzo alla pompa, come avviene per gas ed elettricità. Non bastano gli appelli alla responsabilità dei petrolieri, inviati in questi anni dal Governo e dall’Autorità del mercato”. La proposta di Adiconsum, spiega Landi, non va contro il mercato ma sollecita maggiore trasparenza e punta a impedire fenomeni speculativi.

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA