La “tempesta perfetta” della carenza dei semiconduttori, il commento di Kawasaki

Con l'aumento della domanda di veicoli a due ruote durante la pandemia, si sono verificate carenze di materiali e componenti. Tutto ciò si traduce in lunghi tempi di attesa dal concessionario per avere una moto nuova. Ecco il commento di Kawasaki in merito alla situazione

1/26

La carenza globale di semiconduttori, aggravata dalla crisi provocata dalla pandemia di Covid-19, è un problema che da qualche mese a questa parte preoccupa tanti settori. Questo perché hardware tecnologicamente avanzato, che sfrutta appunto questo tipo di materiale, al giorno d'oggi è presente pressoché ovunque, dagli smartphone, agli elettrodomestici, fino alle auto e alle moto. I produttori di moto stanno facendo il possibile per adattarsi alla "nuova normalità". Con l'aumento della domanda di veicoli a due ruote durante la pandemia, si sono verificate carenze di materiali e componenti, che si traducono in lunghi tempi di attesa dal concessionario per avere una moto nuova.

L'amministratore delegato di Kawasaki Motors Europe, Kenji Nagahara, ci spiega meglio la situazione: “Una serie di fattori stanno attualmente influenzando le nostre fabbriche in termini di fornitura di parti e materiali. Come molti altri produttori di moto, siamo stati colpiti dalla grave carenza di semiconduttori che sono una componente vitale di molte motociclette della nostra gamma e sono parte integrante dei sistemi di base come la frenata ABS.

L'improvvisa enorme richiesta aggiuntiva negli ultimi dodici mesi di computer portatili e altri beni che si basano su semiconduttori è stata sicuramente un fattore determinante, ma anche alcuni dei principali fornitori hanno avuto seri problemi nei loro stabilimenti di produzione. In aggiunta a ciò, l'interruzione, per circostanze totalmente impreviste come il recente blocco del Canale di Suez e la sua conseguente influenza sui trasporti globali e sulla disponibilità di container, hanno dato vita a ciò che possiamo definire una "tempesta perfetta".

Ad aggravare il problema dei semiconduttori, c’è anche la carenza globale delle resine specifiche necessarie per la produzione di alcune componenti che sta influenzando la produzione.


Questo triplice colpo alla produzione è una vera sfida. Non possiamo semplicemente scambiare una resina con un'altra poiché tutti i materiali utilizzati nella produzione sono testati e approvati secondo la legge dell'UE e omologati. È un aspetto su cui la fabbrica sta facendo attente valutazioni e speriamo di risolvere i problemi che stiamo affrontando quanto prima. Queste vicissitudini non sono esclusive di Kawasaki. La maggior parte dei produttori che utilizzano questi semiconduttori e resine, insieme alla continua interruzione delle spedizioni globali e della movimentazione dei container per la chiusura del Canale di Suez, hanno complicato ed in egual modo colpito importatori ed esportatori. È nell’interesse di Kawasaki trovare una risposta rapida al problema.

Molte concessionarie Kawasaki sono state aperte durante la pandemia mantenendo intatto il loro organico. Ora, mentre la situazione e le normative cambiano, molti concessionari Kawasaki in tutta Europa stanno aprendo le loro porte ai clienti desiderosi di godersi le loro moto. Le scorte dei rivenditori vengono monitorate quotidianamente e stiamo fornendo l'inventario dal nostro magazzino europeo. Il nostro obiettivo è mantenere la fornitura del prodotto il più possibile mitigando eventuali carenze o problemi di produzione entro le nostre capacità. Ringraziamo anticipatamente clienti e rivenditori per la loro pazienza e promettiamo che faremo tutto il possibile per affrontare questa sfida”.

1/22

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA