Statistiche web
16 April 2010

Caos incentivi: il primo giorno esauriti il 30% dei 12 milioni, ma i call center non sono chiari

Già esaurito il 30% dei 12 milioni di ecoincentivi per la rottamazione. Fra gli operatori dei call center c’è poca chiarezza ed il meccanismo si sta inceppando.

Caos incentivi: il primo giorno esauriti il 30% dei 12 milioni, ma i call center non sono chiari

Roma 16 aprile 2010 – Con gli ecoincentivi qualcosa non va. Ieri è stato il primo giorno per richiedere i contributi governativi per l’acquisto di una moto o uno scooter sino a 70 kW di potenza massima, a fronte della rotazione obbligatoria di un vecchio motociclo o ciclomotore Euro 0 o Euro 1. Al termine della prima giornata era già esaurito il 30% dei 12 milioni disponibili. Il regolamento dei Ministeri interessati prevede la possibilità per ogni concessionario di avviare sino a cinque richieste di incentivi per i clienti, ma i call center ministeriali destinatari delle richieste e responsabili per il disbrigo delle pratiche sono andati in tilt. I diversi operatori hanno diffuso voci discordati sulla quota contributiva: resta il tetto di 750 euro, ma il 10% erogato con il fondo non è chiaro se debba essere applicato al prezzo di vendita del concessionario o su quello dei listini della Casa costruttrice, come aveva suggerito l'ANCMA. Tra l’altro, molti concessionari non hanno nemmeno ricevuto una conferma riugardo alle richieste dei loro clienti e non sanno se siano andate a buon fine. Non bastassero le nebulosità della circolare applicativa, si è scoperto che il PRA, per quanto possa sembrare assurdo, non ha ancora predisposto i moduli necessari per l'atto di notorietà con cui richiedere la demolizione. Morale: le dichirazioni verranno redatte sui vecchi moduli (dove ovviamente si fa riferimento al decreto dell'anno passato e quindi non potrebbero essere utilizzati), e verranno ugualmenete considerate valide, per essere magari successivamente corretti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA