Cala l’IVA, in Germania le moto costano meno

Il maxi piano del governo tedesco per il rilancio dell’economia in seguito alla pandemia di Coronavirus prevede anche la riduzione dell’IVA. Ducati, KTM e Triumph si sono già adeguate e hanno comunicato che fino a dicembre le loro moto costeranno meno. E in Italia?

1/27

Per cercare di dare una mano all’economia in forte difficoltà in seguito alla Pandemia di Coronavirus il governo tedesco ha messo in campo un maxi piano da 130 miliardi, lanciato dalla cancelliera Angela Merkel, che prevede anche la riduzione dell'IVA (dal 19 al 16% per l’aliquota più alta e dal 7 al 5% per quella più bassa). Tra i prodotti che rientrano nel taglio delle accise ci sono anche le due ruote, che a partire dal 1 luglio e (almeno) fino al 31 dicembre (ma la manovra potrebbe essere prorogata) godranno dell’IVA ridotta dal 19 al 16%.

C’è da fare, però, un attimo di chiarezza: nonstante il calo dell’IVA sia imposto dal governo i rivenditori non sono obbligati ad abbassare il prezzo finale del prodotto al cliente. Nonostante ciò, ci sono alcune Case moto che già hanno deciso di andare incontro ai clienti e tagliare i prezzi delle moto del 3%, Tra di queste Ducati, KTM e Triumph che, oltre ai soliti sconti, da qui al 31 dicembre venderanno le loro moto scontate del 3%. E non stiamo certamente parlando di briciole, visto che ad esempio su una moto da 15.000 euro (netti) il risparmio sarà di 450 euro. Oltre a KTM e Triumph, che già hanno ufficializzato gli sconti, sappiamo che altre Case si stanno muovendo in questa direzione.

E in Italia? Verso la fine di giugno il premier Conte ha annuncitato un possibile taglio selettivo dell’IVA mirato ai settori più colpiti dalla crisi: dal turismo, all'artigianato, all'abbigliamento e al mondo dell’automotive. Al momento, però, questa resta una proposta e nel nostro paese il taglio dell’IVA non è ancora stato fatto. Potrebbe essere un bell’aiuto per far ripartire il mercato...

1/19 Ducati Multistrada 950 S 2019
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Ultimi articoli