Bonus benzina: prorogati nuovamente gli sconti con il decreto Aiuti-Bis

Il Governo Draghi grazie ad un nuovo provvedimento ha prorogato al 20 settembre la scadenza degli aiuti governativi che hanno permesso da febbraio agli italiani di fare rifornimento a prezzi leggermente più contenuti. Ecco tutti i dettagli

1/3

Con l'approvazione del decreto Aiuti-bis da parte del Governo è stata varata anche la proroga dello sconto sulle accise sui carburanti adottata fino ad ora per contrastare l’aumento dei prezzi praticati al distributore. Lo sconto sulle accise applicato direttamente "alla pompa" è pari a 25 centesimi sia per la verde che per il diesel. Considerata la quota Iva, lo sconto arriva a 30,5 centesimi visto che proprio le accise concorrono anche loro alla base imponibile. L'inizio dei tagli sul prezzo dei carburanti era partito nei primi mesi del 2022 con il decreto Ucraina-bis: per la benzina era di 478,40 euro per 1.000 litri mentre per l’olio da gas o il gasolio usato come carburante era di 367,40 euro per 1.000 litri.

Il taglio, che sarebbe scaduto il 22 marzo, era stato prorogato per altri 10 giorni dopo la sua decadenza naturale il 22 marzo, ma era stato poi ulteriormente rimandato con il decreto del 6 aprile, che ha aggiunto anche i 182,61 euro per mille chilogrammi per i gas di petrolio liquefatti (GPL) usati come combustibili per i veicoli. Inoltre l'aliquota IVA applicata al gas naturale utilizzato per produrre i carburanti è stata fissata al 5 per cento.

Sono state poi portate avanti ulteriori proroghe nel corso di questi mesi, arrivando fino a quella appena varata, che resterà valida fino al 20 settembre. Il valore degli sconti previsti rimane invariato a quello dei decreti precedenti. Va poi precisato che nel periodo in cui è in vigore lo sconto, non verrà applicata l’aliquota agevolata sul gasolio commerciale usato come carburante, poichè lo sconto assorbe l’agevolazione.

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA