SPECIALE SALONE EICMA 2021
Tutte le novità Casa per Casa

BMW R 1200 R e Classic 2011: nuovo motore boxer a doppio albero a camme in testa

BMW ha aggiornato la R 1200 R e la R 1200 Classic con il motore bicilindrico boxer di 1.170 cc, che ha la distribuzione a doppio albero a camme in testa e ha portato la coppia da 115 a 119 Nm.

Bmw r 1200 r e classic 2011: nuovo motore boxer a doppio albero a camme in testa

MilanoMOTORE BMW ha aggiornato per il 2011 la R 1200 nelle due versioni R e Classic che saranno presentate all'Eicma 2010. Come modifica principale è stato montato il motore bicilindrico boxer di 1.170 cc, con la distribuzione a doppio albero a camme in testa. È lo stesso propulsore che è stato adottato per le BMW R 1200 GS e R 1200 GT. Deriva da quello della HP2 Sport. In questa configurazione che equipaggia le R 1200 R e Classic, sul boxer, rispetto alla vecchia versione a singolo albero a camme in testa, si è ottenuto un incremento della coppia massima dichiarata da 115 a 119 Nm (sempre a 6.000 giri) e, secondo i tecnici della Casa di Monaco, una maggiore elasticità. Sempre in base alla presentazione del Costruttore, è stato anche possibile aumentare la coppia ai regimi medi e bassi, per ottenere un’erogazione più lineare. Inoltre, il regime di rotazione è cresciuto di 500 giri e ora raggiunge un massimo di 8.500 giri. La potenza massima dichiarata non è variata di molto: ora è di 110 CV (81 kW) a 7.750 giri, mentre prima era di 109 CV (80 kW) a 7.500 giri.

 

DETTAGLI TECNICI I due alberi a camme in testa di ciascun cilindro sono comandati a catena. Con la disposizione radiale delle quattro valvole, i progettisti hanno ottenuto un disegno molto compatto della camera di combustione. La configurazione ad asse orizzontale degli alberi a camme comporta due particolarità tecniche: ogni singolo albero a camme comanda una valvola di aspirazione e di scarico e, data la configurazione radiale delle valvole, le camme sono di forma conica. Rispetto ai modelli precedenti il diametro dei funghi valvola d’aspirazione è stato allargato da 36 a 39 millimetri e da 31 a 33 millimetri allo scarico. I condotti di aspirazione sono stati rivisti, mentre i cornetti di aspirazione sono stati sostituiti. Il diametro dei corpi farfallati è cresciuto da 47 mm a 50 mm. È nuovo anche il filtro dell’aria, così come lo sono i pistoni in alluminio. Del precedente motore restano le misure di alesaggio per corsa di 101 mm x 73 mm, l’albero a gomiti e le bielle. Il cambio a sei marce è quello del propulsore 2008. Ora il silenziatore è più corto di 60 mm.

 

CICLISTICA Il telaio mantiene lo schema in due pezzi, con il motore che è un elemento stressato e ha funzione portante. Cambiano lievemente le geometrie e le quote ciclistiche, per effetto di una variazione dell’inclinazione del cannotto di sterzo, che è di 62,9°, e di una nuova misura dell’avancorsa (il dato non è dichiarato). Queste modifiche sono state fatte per migliorare il compromesso fra maneggevolezza e stabilità della moto. Il manubrio in acciaio è stato sostituito con uno di forma conica in alluminio. Le sospensioni utilizzano i classici sistemi BMW Paralever all’avantreno e Telelever al retrotreno. Rispetto alle vecchie BMW R 1200 R e Classic, su quelle del 2011 cambia il diametro degli steli della forcella, che è aumentato da 35 mm a 41 mm. L’impianto frenante è composto da un doppio disco anteriore da 320 mm, su cui agiscono pinze fisse con quattro pistoncini radiali, e da un disco singolo da 265 mm di diametro, azionato da una pinza flottante a due pistoncini. È nuova anche la sella. La R 1200 R ha i cerchi in lega a razze sdoppiate, mentre la R 1200 Classic ha i cerchi a raggi. Le misure sono, però, identiche su tutte e due le moto ruota da 17 pollici, canale da 3,5” e pneumatico da 120/70 davanti, 17 pollici, canale da 5,50” e pneumatico da 180/55 dietro. Come optional si possono richiedere la regolazione elettronica delle sospensioni ESA e l’ABS.

 

ALLESTIMENTI In confronto alle versioni precedenti, sulle BMW R 1200 R e Classic 2011, cambiano alcune sovrastrutture. In particolare cambia il quadro strumenti, che è misto analogico/ digitale e ha gli indicatori circolari retroilluminati in arancione. Il display LCD indica la marcia inserita e l’ora. Come optional si può richiedere il computer di bordo, che fornisce l’autonomia residua, il consumo medio di carburante e la temperatura esterna. Le nuove R 1200 sono dotate del cavalletto centrale. La Classic si distingue dalla R per le numeroso cromature.

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA