BMW R 1150 R vs Guzzi Breva 1100

Mandello sfida la Germania.

Come sono fatte




La nuova maxi di Mandello del Lario sfida la tedesca, rivale di sempre. Equipaggiate con bauletti e parabrezza sono ideali per il turismo. Servono 12.984 euro per la BMW e 12.577 per la Guzzi che è già omologata Euro 3.

BMW R 1150 R, la conferma

La R 1150 R ben si sposa con le dotazioni turistiche
. La posizione di guida è comoda ma servirebbe (anche sulla Guzzi), la regolazione in altezza delle pedane. Il parabrezza è ben profilato. La sella è comoda, soprattutto per chi guida. Le valigie laterali non brillano per finitura e tenuta all'acqua. Sotto la sella c'è il pozzetto per ospitare una leggera tuta antiacqua e la scatola per i documenti e gli attrezzi di bordo.

Moto Guzzi V1100 Breva, bene sella e valigie

La Breva appare più bassa, lunga e con la sella più scavata
. Il parabrezza è più verticale e lontano rispetto alla tedesca. La posizione di guida vede le braccia quasi del tutto distese verso l'alto e ampio manubrio. Il faro anteriore è potente. Le valigie laterali sono molto più capienti di BMW ma sono più macchinose nella chiusura e sembrano meno solide. Anche la Guzzi ha un pozzetto sotto la sella ma lo spazio è inferiore alla rivale.

Come vanno





Comode e ben riparate dall'aria. L'ideale per viaggiare. Ognuna delle due moto, però, interpreta a modo suo l'impostazione turistica. La BMW si guida facile: ha un motore fluido e potente, in più è stabile e ben frenata. La Guzzi ha meno CV ma si rifà con consumi contenuti e una posizione comoda per il passeggero. Bene anche i freni.

In autostrada i piloti più alti apprezzeranno maggiormente la BMW
. Il suo cupolino protegge meglio il pilota rispetto alla Breva. Anche le vibrazioni sono più contenute. La poszione di guida più raccolta, grazie anche al manubrio più stretto, realizzato in pezzo unico, fa sentire il pilota meno "appeso".
Il baricentro basso la favorisce anche nelle svolte più strette anche se la frizione non è ben modulabile.
La moto va bene anche sul misto. Meglio della Guzzi
. La BMW, infatti, è più dolce nell'erogazione ed è ben supportata dalla coppia disponibile a tutti i regimi.

Con la Breva, sulle strade di montagna, serve un impegno maggiore
. La coppia non portentosa richiede sempre di avere inserito il rapporto giusto. Dunque serve una concentrazione superiore rispetto alla BMW. Sulla tedesca, infatti, si può frenare meno, tenere lo stesso rapporto ed essere ugualmente sicuri di uscire di curcva senza impacci.
Tolte le borse, invece, la Guzzi spicca per l'indole più sportiva che piacerà agli appassionati della guida genuina. Scende rapida in piega. Però, a quel punto, servirebbero sospensioni e trasmissione più efficaci. Comunque, dal punto di vista del turista, questa caratteristica non serve granché.

Il passeggero





Al di là di rilevamenti al banco e prestazioni massime, sono anche altri i parametri da tenere in considerazione per l'acquisto di una moto turistica. I viaggi con bagagli, magari in coppia, non devono trasformarsi in un calvario. Ecco, allora, le due moto raccontate da chi sta seduto dietro.

La BMW R1150R è godibile dal passeggero anche a velocità costante nei trasferimenti veloci, magari in autostrada. La sella è abbastanza comoda. Ma il materiale è troppo liscio e tende a far scivolare, specialmente nelle discese. Tocca allora aggrapparsi ai maniglioni che, però, sono troppo corti costringendo le mani in una posizione innaturale.
Le vibrazioni sono contenute e le pedane sono alla giusta altezza, così le gambe hanno tutto lo spazio per stare comode.

La Moto Guzzi Breva V1100 ha una sella molto comoda
. Di forma veramente anatomica, si vede che è pensata anche per il passeggero.
Il rivestimento è in materiale che non fa scivolare in avanti
nemmeno nelle discesce.
Bene anche i due maniglioni laterali
: lunghi, larghi e davvero comodi da impugnare.
A infastidire nei lunghi tragitti sono invece le vibrazioni. Si avvertono un po' troppo sulle pedane a velocità elevate. Le gambe, però, hanno sempre il giusto spazio.

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA