di Beppe Cucco - 12 aprile 2019

Nuovo boxer BMW, 1.800 cc… per una cruiser?

Dal Texas arriva una nuova special spinta dal bicilindrico boxer BMW di 1.800 cc. Presto, però, potremmo vedere questo motore su una nuova "cruiserona" da viaggio
1/17 Vista frontale della BMW Birdgcage, la special realizzata dai customizzatori texani di Revival Cycles 
Da qualche anno a questa parte BMW anticipata l'arrivo di nuovi modelli della gamma attraverso dei prototipi. Era già successo con la “Ninety”, che poi è diventata la R nineT, il “Concept Roadster” che si è trasformato nella R 1200 R, la “101” mutata in K 1600 GT)… ultima è la 9cento, che presto potrebbe arrivare sul mercato come la nuova F 850 RS.

Lo scorso autunno, in occasione dell’Hot Rod Custom Show di Yokohama, la Casa di Monaco ha stupito tutti presentando la R18 Departed. Una special, costruita dal customizer Yuichi Yoshizawa, con carrozzeria minimalista in alluminio battuto a mano, telaio a doppia trave superiore in traliccio d’acciaio, forcella a parallelogramma, monobraccio posteriore con cardano a vista, ruote in alluminio ricavato dal pieno da 21” ant. e 25” post… ma il pezzo forte era il suo motore: un bicilindrico boxer di 1.800 cc! Una soluzione inedita per la Casa di Monaco, che mai si era spinta così in alto di cilindrata su un motore boxer.

Ora, un propulsore con le stesse caratteristiche fa la sua comparsa in Texas, dove in occasione dell’Handbuilt Show è abbracciato dai tubi di titanio della “Birdcage”, una special realizzata con minuziosa cura dei particolari dai preparatori di Revival Cycles (qui sotto trovate le foto delle fasi di costruzione, in apertura le foto della moto finita). Tenendo conto che è la seconda volta che ci viene mostrato questo motore, e se è vero che due indizi fanno una prova, potremmo dire quasi con certezza che vedremo presto questo nuovo motore a equipaggiare una moto di serie BMW, magari una grossa cruiser da viaggio. Se così fosse sarebbero ben chiare le intenzioni della Casa di Monaco di andare in diretta concorrenza con i colossi Harley-Davidson e Indian, proprio nei settori dove le due case statunitensi sono più forti.
1/40 BMW Birdgcage, la special realizzata dai customizzatori texani di Revival Cycles 
Purtroppo le bocche dei tecnici BMW rimangono sigillate in merito ai dettagli tecnici di questo nuovo motore. Quel che possiamo dirvi è che avrà una cilindrata vicina ai 1.800 cc, trasmissione a cardano, raffreddamento ad aria e molto probabilmente la distribuzione ad aste e bilancieri. Sulla nuova Birdcage tutta la parte elettronica è nascosta sotto al carter motore e il grosso boxer è abbracciato da un telaio a traliccio asimettrico in titanio che collega direttamente lo sterzo con l’asse posteriore, dove non c’è nessuna traccia della sospensione; all’anteriore troviamo invece un’unità simile ad un Telelever, fissata nella parte superiore direttamente al telaio e in quella inferiore a due supporti in carbonio. Dello stesso materiale la sella, se così possiamo chiamarla, che non è nient’altro che un foglio, appunto, di carbonio. I cerchi hanno mozzi in alluminio ricavati dal pieno e sono entrambi a raggi da 23”, ma mentre all’anteriore i raggi sono ben in vista, per il posteriore è stata scelta una copertura lenticolare.

Molto curiose alcune soluzioni tecniche adottate sulla Birdcage. Per quanto riguarda i freni ad esempio, i customizzatori texani hanno deciso di equipaggiare la moto con il solo freno posteriore, azionabile con il pedale posto sul lato sinistro della moto. Questo è stato possibile in quanto il cambio non si trova in posizione tradizionale, ma è posizionato sopra al telaio e per innestare le marce bisogna usare la mano destra. Troviamo poi manubrio a “corna di bue” e doppio scarico conico in titanio che corre in basso parallelo al suolo.

Ci risulta difficile immaginare un modello di serie discendente diretto di questa Birdcage, ma molto più facile pensare a questo nuovo boxer su di una grande tourer pensata per viaggiare. E potrebbe non mancare molto al suo arrivo…

Su Motociclismo di maggio, in edicola tra pochi giorni, trovate un'intervista a Timo Resch (Vice President of Sales and Marketing BMW Motorrad), che ci svela gli utilizzi futuri di questo propulsore.
© RIPRODUZIONE RISERVATA