27 luglio 2012

BMW C evolution: il prototipo di scooter elettrico

La casa tedesca ripensa la mobilità urbana con un maxiscooter alimentato a batterie. 120 km/h di velocità massima e 100 km di autonomia dichiarate. Sarà in dotazione ad alcuni giornalisti per gli spostamenti nell'area dei Giochi Olimpici di Londra

Bmw c evolution: il prototipo di scooter elettrico

 

Non è un prototipo futuribile, ma è il futuro della mobilità urbana (e non solo) secondo BMW. C evolution, lo scooter elettrico su cui BMW sta lavorando da anni, arriverà in vendita nel 2014. La casa tedesca affronta il tema “elettrico” pensando subito a uno scooter che sia in grado di avere velocità, potenza e autonomia praticamente paragonabili ai maxiscooter mossi da un motore termico, prestazioni che in BMW equiparano a quelli di mezzi di 600 cc e oltre.

Per fare questo l’intero veicolo non è paragonabile a un convenzionale scooter a cui hanno sostituito il motore tradizionale con un pacco enorme di batterie, ma è un vero sistema integrato tra motore elettrico, accumulatori e telaio: una struttura in alluminio pressofuso fa da elemento portante della parte ciclistica e raccoglie anche tutta l’elettronica di controllo. Il motore vero e proprio è raffreddato a liquido ed è parte integrante del monobraccio e la trasmissione finale viene fatta con una cinghia dentata e una coppia di ingranaggi.

 

PRESTAZIONI DA MAXI

BMW dichiara per il C evolution una velocità massima di 120 km/h, potenza massima continuativa di  kW (ovvero 15 CV) e una potenza di picco di 35 kW (47 CV), dati interessanti anche per la guida con il passeggero. Quello che meraviglia sono queste prestazioni abbinate a una autonomia di 100 km, ottenuta grazie alle batterie (da 8 kWh) agli ioni di litio, le stesse che BMW utilizza per le i3, l’auto elettrica che arriverà nelle concessionarie entro il 2013. E il tempo di ricarica completa è inferiore alle tre ore attraverso la normale rete elettrica di casa. Ovviamente ha un sistema di recupero d’energia quando si frena o si rilascia l’acceleratore, che permette un miglioramento dell’autonomia dal 10 al 20%.

 

UNA CICLISTICA MANEGGEVOLE

Per migliorare la guida, il C evolution ha un baricentro particolarmente basso con questo telaio monoscocca, che ha la forma di una grossa scatola in alluminio a cui sono fissati un telaietto triangolare che supporta la forcella ( con steli da 40 mm di diametro) e il monobraccio-motore che viene gestito nell’escursione da un monoammortizzatore. La frenata è garantita da un doppio disco anteriore da 270 mm e da uno singolo (stesso diametro) per la ruota dietro. Come tutte le altre BMW dell’ultima generazione e quelle in vendita dal mese di agosto, la frenata è assistita dall’ABS, che in questo caso è un Bosch 9M, che pesa solo 700 grammi. A proposito di peso, questo non viene dichiarato ma dalla Germania annunciano una stazza pari a quella di altri maxiscooter (250 kg?). Grande attenzione anche per i pneumatici, che sono i nuovi Metzeler Feelgreen (120/70-15 davanti e 160/60-15 dietro) progettati per avere la massima scorrevolezza e offrire la minima resistenza al rotolamento (Metzeler dichiara il 25% in meno di un pneumatico tradizionale) che vuol dire maggiore autonomia delle batterie.

Tags

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Ultimi articoli