SPECIALE SALONE EICMA 2022
Tutte le novità Casa per Casa

Benelli Leoncino 500: i consigli per scegliere un buon usato

Nessun richiamo importante, nessun problema, le “annate” sono tutte buone, il chilometraggio non preoccupa e nella guida la differenza tra la stradale e la Trail è minima: scegliete pure quella che vi piace di più, facendo solo i classici controlli di routine prima dell’acquisto. I limiti della Benelli Leoncino 500? Le prestazioni (è una 35 kW). Ecco quanto spendere per un buon usato

1/11

Benelli Leoncino 500 Trail 

1 di 5

La Benelli Leoncino 500 è una moto giovane, nata nel 2017 in versione stradale, seguita dalla Trail nel 2018. Le differenze tra i due modelli non sono sostanziali, condividono infatti la base tecnica, con leggere modifiche alla ciclistica e cambiano alcuni accessori. La Leoncino ha le ruote in lega da 17”; la Trail le ruote a raggi con l’anteriore da 19”, le coperture tassellate, le escursioni delle sospensioni leggermente superiori e cambia il freno anteriore, sempre a doppio disco, ma con pinze differenti. Le due versioni sono quindi molto simili e questo si riflette nella guida: al momento dell’acquisto si potrà propendere per una o per l’altra senza porsi troppi problemi. La Leoncino ha riscosso un bel successo, perché piace l’estetica, perché ha prestazioni soddisfacenti, considerando la cilindrata e la categoria, si può guidare con la patente A2 e, non ultimo, ha un prezzo decisamente contenuto. Oggi chiavi in mano il prezzo indicativo del nuovo è di 6.240 euro, vantaggio che si riflette anche nell’usato.

Oltre ai vantaggi elencati la Leoncino 500 è anche facile, sia nelle manovre, sia nella guida. La sella è a una giusta altezza, e anche se non si è di alta statura si arriva facilmente al suolo e i 207 kg (in ordine di marcia) non impensieriscono, anche perché il baricentro è basso e il manubrio è ampio. La posizione in sella è naturale e confortevole e si guida con il busto eretto e le braccia comodamente aperte per afferrare il manubrio. Giusto se si è di statura oltre la media piacerebbe un po’ più di spazio per le gambe, e questa è una prova che si potrà eseguire facilmente al momento dell’acquisto. Non sempre, invece, sarà possibile guidarla prima dell’acquisto, ma anticipiamo che di certo non deluderà; ovviamente va tenuto conto delle prestazioni, è una 35 kW, quindi non ci si può attendere la grinta di una hypernaked, ma il bicilindrico ha una gustosa fluidità di funzionamento. Gira bello silenzioso, regolare, con una spinta dolce ma sempre presente, permette di viaggiare in città a regimi prossimi al minimo e da questi riprende con grande elasticità e dolcezza, allungando con una buona progressione fino a 8.000 giri. Nonostante la cubatura limitata, si difende bene anche in autostrada, consentendo sorpassi agevoli anche riprendendo da 120-130 km/h: il massimo per una guida in pieno relax. Per di più ha un cambio perfetto, morbido e preciso, è esente da vibrazioni e ha un ottimo sound: civile ai bassi, più pieno e grintoso quando si apre con decisione il gas. Anche la guida segue la stessa filosofia: niente nervosismi. In città la Leoncino è docile, svelta nel districarsi nel traffico, precisa e dal facile equilibrio, con sospensioni ben tarate, non dalla grandissima escursione, che si avverte nello sconnesso più pronunciato, ma con buone capacità di assorbimento sulle normali asperità; sul misto sa regalare belle soddisfazioni, offrendo una bella guida bilanciata sebbene non aggressiva. Al momento della scelta, come anticipato, tenete conto che in quanto a dinamica non c’è molta differenza tra la stradale e la Trail; è vero che quest’ultima ha la ruota anteriore da 19” che arrotonda le traiettorie sul misto, ma a meno che non si scenda da una e si monti sull’altra questo effetto è più teorico che pratico (non si avverte). Si avverte invece la differenza tra gli impianti frenanti, quello della stradale è potente, mentre occorre imprimere una bella pressione sul comando della Trail.

Ricapitolando: la Leoncino è una moto tranquilla, molto ben costruita e bilanciata, facile da guidare e comoda nell’uso di tutti i giorni. È perfetta per i neofiti, per chi arriva dalle piccole cilindrate, dagli scooter, per i motociclisti di ritorno che non hanno alle spalle un’esperienza con moto da 100 CV e più. I limiti sono infatti le prestazioni da neopatentato, per quanto riguarda il motore e anche la guida. Poi ci sono i limiti del segmento, ovvi ma è bene ricordarli: è una naked, perfetta per la città, per una scappata fuoriporta in coppia, per qualche viaggio poco impegnativo; la Trail è una offroad di ispirazione, in realtà non è molto lontana dalla stradale, non ci si può attendere le prestazioni di una enduro. Per quanto riguarda l’usato possiamo anticipare che si può andare a occhi chiusi. C’è stata una campagna di richiamo ma tempestiva, che ha interessato pochi esemplari, e nel 2018 è stato cambiato il gruppo ottico anteriore; poi ci sono state solo leggere migliorie. Le Leoncino non hanno mai avuto problemi, e se ci fossero dei componenti da cambiare il costo dei ricambi è davvero contenuto, come si può vedere dallo specchietto pubblicato in queste pagine. In tema di prezzi dell’usato siamo a metà strada, partendo da una cifra del nuovo contenuta si scende ma non di tanto, anche perché le più vecchie sono del 2017.

  • Le Leoncino è sul mercato da pochi anni, non ha mostrato problemi e al momento dell’acquisto ci sono solo da fare i controlli di routine, tra questi i cuscinetti di sterzo.
  • Nelle primissime versioni (2017) il cruscotto era poco leggibile, e per questo è stato immediatamente sostituito. Si tratta di pochi esemplari e sarà difficile trovarne uno, in ogni caso controllare che sia quello più luminoso.
  • La versione stradale ha i dischi flottanti e le pinze radiali; la Trail le pinze sono flottanti, dal mordente meno aggressivo, più adatto alla guida fuoristrada.
  • Al momento dell’acquisto controllate lo stato degli pneumatici e delle pastiglie dei freni; se sono da sostituire chiedete lo sconto.

POTENZA max* 38,49 CV a 7.700 giri/min.

COPPIA max* 40,05 Nm a 5.300 giri/min.

VELOCITÀ massima 160,3 km/h

ACCELERAZIONE 0-400 M 14,37”, velocità di uscita 142,9 km/h

RIPRESA DA 50 KM/H sui 400 m (6a)14,18”

PESO A VUOTO 202,0 kg (49,3 - 50,7)

CONSUMO extraurbano 24,1 km/l

CONSUMO urbano 22,6 km/l

* Forniti da nostro centro prove, valori rilevati alla ruota.

• Fanale anteriore 251,32 euro

• Fanale posteriore 82,59 euro

• Filtro aria 10,98 euro

• Filtro olio 10,98 euro

• Catena 286,70 euro

• Corona 75,64 euro

• Pignone 12,08 euro

• Leva freno 25,08 euro

• Leva frizione 20,07 euro

• Pastiglia freno anteriore 168,36 euro

• Pastiglia freno posteriore 43,31 euro

• Pedana sinistra completa 24,40 euro

• Pedana destra completa 21,96 euro

• Specchio retrovisore 7,32 euro

• Silenziatore 356,24 euro

• Batteria 146,83 euro

  • 2017-2018 da 3.500 a 4.500 euro
  • 2019-2020 da 4.000 a 5.000 euro
  • 2021-2022 da 5.000 a 5.900 euro

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA