Autovelox: quando le multe non sono valide

In questo periodo gli autovelox sono al centro del mirino e in alcuni casi le multe vengono annullate d’ufficio, senza ricorso. Ecco in quali situazioni

Autovelox: quando le multe non sono valide

 

Basta una ricerca con la parola chiave “autovelox” su Google News per capire quale sia l’entità della situazione: in quest’ultimo periodo questi strumenti per la misurazione della velocità sono al centro di un fuoco incrociato ed in alcuni casi le stesse amministrazioni che li usano gettano la spugna, annullando le multe per evitare i ricorsi (costosi) degli automobilisti ai Giudici di pace.

 

Inoltre, attraverso le sentenze della Cassazione, la giurisprudenza è in continua evoluzione. Ad esempio, se è ormai un dato certo che le postazioni autovelox devono essere segnalate da un apposito cartello, una recente sentenza ha stabilito che la stessa segnalazione deve essere a favore anche di chi proviene da strade laterali rispetto a quella dov’è situata la postazione. Oppure, da poco le multe ricevute a seguito di rilevamenti in città sono sempre annullabili, anche nel caso in cui ci sia stata l’autorizzazione del prefetto.

 

Quindi, diventa utile avere in mente le situazioni in cui le multe diventano nulle. Sul sito del Sole 24 Ore – Diritto 24 è stata realizzata una scheda che vi riportiamo sinteticamente (per i riferimenti alle sentenze vi rimandiamo all’articolo originale).

 

SEGNALAZIONE DEL DISPOSITIVO AUTOVELOX

Ogni postazione di rilevamento della velocità deve essere indicata in anticipo ma se fra il cartello e l’autovelox ci sono degli incroci la segnalazione non è valida.

 

LA SANZIONE DEVE ESSERE ELABORATA DAI VIGILI

Succede spesso, soprattutto nei comuni più piccoli, che l’accertamento delle violazioni e la manutenzione delle postazioni autovelox venga appaltata a società esterne. L’elaborazione della multa, però, deve essere di competenza esclusiva dei corpi di Polizia municipale per garantire “certezza e legalità”.

 

RILEVAMENTI IN ZONE CITTADINE

In aree urbane i rilevamenti con autovelox sono consentiti solo su strade ad alto scorrimento (extraurbane principali, non urbane ordinarie né extraurbane ordinarie né urbane di scorrimento).

 

Cadono, invece, vecchi “trucchetti” per farsi invalidare il verbale: non sarà più necessaria la taratura periodica dell’autovelox e nemmeno la contestazione immediata.

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA