- 18 November 2015

Dalla R1 nasce la nuova naked Yamaha MT-10

La Casa di Iwata presenta la nuova MT-10, una muscolosa naked che deriva dalla supersportiva YZF-R1, con la quale condivide motore, telaio e sospensioni. Info, foto e descrizione

LA FAMIGLIA “MT” SI ALLARGA

Nella gamma Yamaha troviamo già alcune moto ispirate al “Dark Side of Japan”, tra queste sono presenti modelli destinati a tutti, dal neofita al motociclista più esperto: MT-125, MT-03, MT-07, MT-09 e MT-09 Tracer, moto che stanno avendo un ottimo successo sul mercato (qui i dati relativi al mese di ottobre). Ora la Casa dei Tre Diapason ha deciso di allargare la famiglia presentando la MT-10, una naked tutta muscoli derivata dalla supersportiva YZF-R1, con la quale condivide motore, telaio e sospensioni, ovviamente rivisti per adattarsi al meglio allo spirito di questa nuova moto. 
1/69 Ad Eicma 2015 Yamaha presenta la nuova MT-10, una muscolosa naked che deriva dalla supersportiva YZF-R1

UNA NAKED DERIVATA DALLA SUPERSPORTIVA R1

La MT-10 è spinta dal motore "crossplane" a 4 cilindri in linea da 998cc della YZF-R1, rivisto per rendere la guida più idonea ad un utilizzo stradale. Tra le modifiche principali troviamo i sistemi di aspirazione, di scarico e di alimentazione del carburante ridisegnati nonché un nuovo albero motore. La centralina D-Mode, abbinata all’acceleratore a controllo elettronico YCC-T, consente al pilota di scegliere tra tre mappature del motore: “Standard”, che eroga la potenza in modo lineare, “A”, dal carattere più sportivo, e “B”, per una guida su fondi sdrucciolevoli. Di serie troviamo inoltre frizione antisaltellamento e controllo di trazione impostabile su tre livelli (dal meno invasivo 1 al più conservativo 3). Anche il telaio della MT-10 è sviluppato a partire da quello della supersportiva di Iwata, ma rispetto alla R1 il Deltabox in alluminio della naked gode di un diverso rapporto tra robustezza e rigidità e diverse misure: con un interasse di soli 1.400 mm, la nuova moto di Iwata risulta la più compatta tra la naked da 1.000 cc. Per quanto riguarda le sospensioni troviamo forcella KYB a steli rovesciati da 43 mm, con 120 mm di corsa, e ammortizzatore posteriore KYB Monocross di tipo bottom link. La frenata è affidata ad un doppio disco anteriore da 320 mm, morso da pinze radiali a 4 pistoncini contrapposti con pastiglie sinterizzate, abbinato ad un disco posteriore di 220 mm con pinza flottante. L’ABS è di serie, mentre il Quick Shift (cambio assistito elettronicamente) è disponibile come optional. Essendo pensata anche per le lunghe distanze, la nuova MT-10 è dotata di cruise control (può essere attivato solo dalla 4° marcia in su tramite un interruttore posto sul lato sinistro del manubrio, a velocità comprese tra 50 km/h e 180 km/h). Il telaietto posteriore è dotato delle rifiniture e dei raccordi necessari per facilitare il montaggio di accessori originali Yamaha. 

DESIGN MUSCOLOSO E AGGRESSIVO

Il look della MT-10 è caratterizzato da linee tese e muscolose, con bordi decisi, fianchetti compatti e mascherina anteriore con doppio faro a Led. Inoltre, per alleggerire ulteriormente le linee, tutto il gruppo ottico anteriore è montato direttamente al telaio. A differenza della parte frontale, imponente, la coda è rastremata. La strumentazione è composta da un display LCD multifunzione, che include tachimetro, contagiri con display a barre, indicatore livello carburante, contachilometri e indicatore di marcia inserita. La posizione del pilota in sella è stata modificata rispetto alla MT-09, per offrire il massimo comfort di guida alle alte velocità; anche il manubrio, conico e leggermente inclinato, è studiato per adattarsi alla guida sportiva. Inoltre, la sella del pilota è dotata di supporto lombare, per fornire supporto in fase di accelerazione. 

COLORI E DISPONIBILITÀ

La nuova MT-10 sarà disponibile a partire da Maggio 2016 nelle colorazioni Night Fluo (che presto sarà disponibile anche per altri modelli della serie MT), Tech Black e Race Blu; la Casa però non ha ancora diffuso i prezzi e nemmeno le caratteristiche tecniche di questo nuovo modello.

CARATTERISTICHE YAMAHA MT-10

  • Motore crossplane "CP4" a 4 cilindri in linea derivato dalla YZF-R1
  • Sistemi di aspirazione, scarico e alimentazione del carburante ridisegnati
  • Nuovi pistoni forgiati
  • Nuove bielle fratturate in acciaio al carburo
  • Nuovo design del braccio manovella con massa inerziale ottimizzata
  • Nuova marmitta 4-2-1 in titanio con valvola di scarico ridisegnata
  • Rapporto di riduzione secondario revisionato e adattato al carattere del motore
  • Impianto di raffreddamento con layout semplificato
  • Interasse di 1.400 mm
  • Telaio Deltabox in alluminio
  • Sospensioni derivate dalla YZF-R1, con regolazioni modificate
  • YCC-T (Yamaha Chip Controlled Throttle)
  • Yamaha D-MODE, con possibilità di selezione tra 3 modalità
  • Sistema di controllo della trazione (TCS) disinseribile a 3 livelli di regolazione
  • Frizione antisaltellamento
  • Cruise control della velocità di crociera per 4a, 5a e 6a marcia
  • Doppio disco anteriore da 320 mm con pinza radiale a 4 pistoncini e ABS
  • Serbatoio da 17 litri
  • Cerchi in alluminio pressofuso a 5 razze
  • Pneumatici hypersport Battlax Bridgestone appositamente sviluppati
  • ABS di serie
  • Presa da 12V
  • Nuovo quadro strumenti LCD multifunzione
  • Doppio faro monofocale a LED
  • Luci di posizione a LED
  • Indicatori di direzione e luce della targa a LED
  • QSS (Quick Shift System), disponibile come optional

MOTOCICLISMO AD EICMA

Se avete in programma una visita ad Eicma 2015 non dimenticate di passare a trovarci, ci trovate presso il padiglione 15 stand U40. Cliccate qui per conoscere tutte le iniziative di Motociclismo al Salone di Milano e qui per quelle di All Travellers.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Ultimi articoli