"Partirà piano ma cambierà il segmento dell’on/off stradale”

Per la prova della Yamaha Tracer 700, la nuova crossover bicilindrica col motore della MT-07, abbiamo intervistato Andrea Colombi, Country Manager Yamaha Italia. Quante Tracer 700 si venderanno? Cannibalizzerà altri modelli Yamaha? La chiacchieratissima “MT-07 Ténéré” arriverà?

Conosciamola meglio

Fin dal momento della presentazione della MT-07, al Salone di Milano 2013 (qui la nostra prima prova, pochi mesi dopo), si è saputo che dalla base del nuovo bicilindrico in linea di 689 cc  avrebbe preso vita una famiglia di moto articolata per generi. La prima “versione” è stata la naked, subito protagonista del mercato, come del resto lo è il modello attuale; poi è stata la volta della versione “sport heritage” XSR700. Infine è arrivata la crossover, con l’uscita (un po’ a sorpresa, a dire la verità) della Tracer 700.
L’abbiamo guidata in anteprima e messa in copertina su Motociclismo di luglio e l’abbiamo portata in Romania per una interessante comparativa con le colleghe “crossover medie” (non perdetevi Motociclismo di agosto, che esce a metà dell’ultima settimana di luglio). Come sempre, quando esce un nuovo modello, siamo sempre molto curiosi di sapere ovviamente a come è fatto e come va, ma anche quale sarà l’impatto che avrà sul mercato, come influenzerà le vendite di altri modelli dello stesso marchio,  quanto la casa ci fa affidamento, che tipo di sviluppi futuri si possono prevedere… Cosa c’è di meglio che fare queste domande direttamente a chi la nuova moto l’ha realizzata e la vende? Lo abbiamo fatto anche con la Tracer 700, intervistando Andrea Colombi,  Country Manager Yamaha Italia, che ci ha detto un sacco di cose interessanti, ad esempio in merito alla chiacchieratissima versione “adventure” della MT-07, che pare proprio in dirittura di arrivo.

La MT-07 “Ténéré” arriverà

La prima domanda su una moto con un rapporto qualità/prezzo del genere è per forza questa: quante pensate di venderne?
Quest’anno non saranno tantissime perché la moto la commercializziamo tardi, mi aspetto un totale di 700 pezzi che verranno letteralmente bruciati in pochissimo tempo. Nel 2017 non arriveremo a livello della BMW GS, ma saremo protagonisti assoluti del mercato. Questo vuol dire che cambieremo il segmento dell’on/off stradale sostenuto fino ad oggi solo dalla Kawasaki Versys e dalla Suzuki V-Strom 650. La Tracer 700 è uno di quei modelli con cui Yamaha non segue l’andamento del mercato: Yamaha lo fa il mercato.  
 
Dobbiamo aspettarci dati di vendita simili a quelli della Tracer 900, almeno nell’andamento – mi lasci dire - a scoppio ritardato?
La Tracer 900 ha venduto più il secondo anno rispetto al primo, e questo in un certo senso potrebbe sembrare un’anomalia. Succederà lo stesso anche con la 700, quindi tutto potrebbe apparire come una doppia anomalia... In realtà le motivazioni sono semplici anche se diverse. Con la Tracer grande il primo anno la domanda era estremamente più alta dell’offerta; con la Tracer piccola invece l’uscita a stagione avviata ci darà inevitabilmente risultati migliori nel 2017.
 
Quando la gamma si amplia c’è il rischio di sovrapposizioni: non teme che la Tracer 700 cannibalizzi qualche modello che già avete in gamma come per esempio la MT-07 o la stessa Tracer 900?
L’MT-07 è molto più naked nell’anima, la Tracer 900 troppo più aggressiva. Siamo convinti che la Tracer 700 parli a una fetta del mercato nuova a cui prima non riuscivamo a parlare.  L’anno scorso anche tra XSR 700 e MT-07 temevamo una sovrapposizione, cosa che in realtà non si è verificata.
 
La condivisione delle piattaforme e l’idea di creare sempre più famiglie in che direzione porterà Yamaha nei prossimi anni?
Stiamo pensando a una quarta proposta sulla piattaforma della MT-07 per creare una famiglia Adventure: a ben vedere in Yamaha manca solo quella. La famiglia supersportive va già dalla 125 alla R1; idem le MT, che dalla piccola ottavo di litro arrivano alla muscolosa MT 10;  oggi anche la Tracer, con l’arrivo della 700, è diventata una famiglia. Insomma di fianco alla Super Ténéré in futuro potrebbe arrivare qualcosa…
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Ultimi articoli