SPECIALE SALONE EICMA 2022
Tutte le novità Casa per Casa

Crash di Lorenzo ad Assen: spalla rotta e addio gara

Piove sul GP di Olanda e le Prove Libere 2 hanno nel botto di Jorge Lorenzo il momento più clamoroso: clavicola fratturata e gara saltata. Immediato il trasferimento a Barcellona per l’operazione. Per inciso: Marquez è il più veloce

Crash di lorenzo ad assen: spalla rotta e addio gara

Dopo le Prove Libere 1 dominate con la sua Yamaha, Lorenzo si risveglia dal sogno e si risveglia per terra con una clavicola fratturata malamente. All’inizio delle Prove Libere 2, il maiorchino entra con gomma dura al posteriore e, durante un giro in cui sta andando come un razzo, tocca la riga bianca e si vede catapultare in aria dalla M1 imbizzarrita. L’atterraggio è violentissimo e Lorenzo capisce subito che la situazione è grave. Lo vediamo anche noi in TV: si tiene il braccio sinistro ed è così dolorante che quasi non riesce a camminare (cliccate qui per la sequenza fotografica). Trasportato al medical center di Assen, il responso è durissimo: frattura scomposta della clavicola sinistra! Ovviamente la gara è compromessa e il pensiero corre immediatamente al Mondiale, fortemente a rischio visto anche lo strepitoso stato di forma dei piloti Honda. La soluzione trovata da Lorenzo e dal team Yamaha è organizzare al più presto il trasferimento a Barcellona per fare in modo che Jorge sia operato subito dal dottor Mir. Obbiettivo: rientrare al Sachsenring (14 luglio) cercando di limitare i danni in termini di punti persi.

 

PER IL “FANTA” CAMBIA TUTTO

La gara (qui tutti gli orari TV) perde quindi uno dei suoi protagonisti principali: ricordatevene quando darete il vostro pronostico per  FantaMOTOCICLISMO, il nostro gioco con cui, indovinando i risultati della SBK e della MotoGP, potete diventare tester di Motociclismo per un giorno. Per il regolamento, la registrazione e per giocare, cliccate sul pulsante arancione. Il gioco è aperto: buon divertimento.

 

 

LA CADUTA DI LORENZO CONSEGNA IL MONDIALE ALLA HONDA?

È una vera e propria tegola quella che si abbatte sul campionato MotoGP, che perde un grande protagonista, e sulla Yamaha, che vede allontanarsi il titolo 2013. L’assenza forzata di Lorenzo questa domenica ad Assen e il suo possibile ritorno tra 15 giorni al Sachsenring (ma in condizioni non ottimali, nella migliore delle ipotesi) tolgono dai giochi, forse definitivamente, l’unico pilota che in questo primo scorcio di stagione è stato in grado di tenere testa Marquez e soprattutto a Pedrosa. Sembra evidente infatti che le Honda ufficiali, in ottica mondiale, non possono essere impensierite se non da Jorge. A sprazzi possono riuscirci Rossi e Crutchlow, e forse anche le Ducati quando piove (come per esempio questa domenica, stando alle previsioni). Ma questa caduta inevitabilmente cambia tutti gli equilibri.

 

ECCO COME SI SPOSTANO GLI EQUILIBRI DELLA MOTOGP

 

Sicuramente Valentino e Cal non gioiscono per la scivolata del loro compagno di Marca, ma il fatto di avere la possibilità di recuperare molti punti su Jorge - che da solo ne ha quasi quanti loro due messi insieme - psicologicamente può restituire serenità e competitività a entrambi, in particolare al Dottore. In casa Honda, invece, questo incidente sembra ricordare a tutti che è l’anno di Pedrosa: Dani è partito alla grande, e il suo rivale numero uno per la lotta al titolo ha commesso un grave errore. Insomma, due eventi che non si verificavano ormai da anni… E Marquez? La straordinaria pole provvisoria ottenuta oggi sotto l’acqua (con gomme dure: unico dei piloti in pista a montarle) ci ricorda quant’è grande il talento di cui dispone questo ragazzo. Basterà a vincere il Mondiale già alla prima stagione? Probabilmente no. Ma dopo il Sachsenrig è facile che Marc, in classifica, sia il pilota più vicino al leader Pedrosa.

 

MARQUEZ: MA QUALE DEBUTTANTE!

Tornando alle prove, la sessione è stata movimentata e divertente, a partire dalle fasi iniziali in cui le CRT si sono messe in testa al gruppo con Espargaro e poi con il nostro Corti, impressionante per grinta e determinazione. Ma appena la pista ha cominciato ad asciugarsi leggermente, i valori sono tornati immediatamente… a posto. Le MotoGP sono salite in cattedra e negli ultimi minuti i tempi sono scesi di parecchi secondi. Prima Crutchlow, poi Rossi, poi Pedrosa sono passati in testa, sono migliorate molto anche le Ducati (Dovizioso 5° e Hayden 6°, con lo stesso tempo al millesimo) e, tutto sommato, le CRT hanno continuato a comportarsi bene, e segnaliamo soprattutto l’8° posto di Petrucci. Tutto questo passa però in secondo piano ci si accorge che Marquez sta facendo un giro strepitoso. Entrato per l’ultimo turno con la posteriore dura, mentre tutti hanno la morbida, guida come se fossero anni che pilota una moto da (almeno) 250 CV sul bagnato e il risultato è che Marquez è primo e lascia Pedrosa a oltre 6 decimi. Fenomenale! Oltretutto alla fine dani perde anche il 2° posto, grazie all’ultimo guizzo di Valentino Rossi, che contiene il distacco da Marquez in soli 252 millesimi. Ma la domanda è: cosa farà Marc quando monterà la posteriore morbida?

 

Appuntamento ora con le FP3 e con le qualifiche . Ricordiamo ancora che le gare sono di sabato (qui tutti gli orari TV).

 

Motomondiale Assen 2013: Prove  Libere 2 MotoGP

Pos.

Pilota

Nazione

Moto

Tempo

Distacco.

1

Marc MARQUEZ

SPA

Honda

1'47.617

 

2

Valentino ROSSI

ITA

Yamaha

1'47.869

0.252 / 0.252

3

Dani PEDROSA

SPA

Honda

1'48.240

0.623 / 0.371

4

Stefan BRADL

GER

Honda

1'48.594

0.977 / 0.354

5

Andrea DOVIZIOSO

ITA

Ducati

1'48.682

1.065 / 0.088

6

Nicky HAYDEN

USA

Ducati

1'48.682

1.065

7

Cal CRUTCHLOW

GBR

Yamaha

1'48.761

1.144 / 0.079

8

Danilo PETRUCCI

ITA

Ioda-Suter

1'49.031

1.414 / 0.270

9

Yonny HERNANDEZ

COL

ART

1'49.129

1.512 / 0.098

10

Michael LAVERTY

GBR

PBM

1'49.438

1.821 / 0.309

11

Claudio CORTI

ITA

FTR Kawasaki

1'49.494

1.877 / 0.056

12

Alvaro BAUTISTA

SPA

Honda

1'49.646

2.029 / 0.152

13

Michele PIRRO

ITA

Ducati

1'49.669

2.052 / 0.023

14

Randy DE PUNIET

FRA

ART

1'49.965

2.348 / 0.296

15

Karel ABRAHAM

CZE

ART

1'50.418

2.801 / 0.453

19

Andrea IANNONE

ITA

Ducati

1'52.155

4.538 / 0.247

 

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA