di Federico Aliverti - 11 febbraio 2016

Stoner è un problema o una risorsa per il team Ducati MotoGP?

Nessuno può mettere in dubbio le doti di guida di Casey. Eppure il suo ruolo di pilota “a gettone” fa molto discutere: tu che ne pensi? Dicci la tua attraverso il nostro sondaggio

Il ritorno (alla grande) del Canguro

Nei test di Sepang dei primi giorni di febbraio il Canguro e la Rossa si sono ritrovati. Quel giorno il cuore dei ducatisti e probabilmente della stragrande maggioranza degli appassionati di moto è tornato a palpitare: impossibile dimenticare la straordinaria impresa del 2007. Quell’anno Stoner vinse con la Ducati il titolo Top Class. A una moto italiana non accadeva da 42 anni. Figuratevi quindi quant’è stato carico di significato questo ritorno di Casey sulla Desmosedici dopo una separazione forse troppo lunga. Il risultato, per molti prevedibile, è che Stoner è stato più veloce di tutti i compagni di marca. Ci sarebbe di che gioire se solo il fenomeno australiano non avesse deciso di fare il collaudatore. Di rientrare a tempo pieno come pilota non se ne parla. Almeno per ora.
Che effetto può avere questa situazione – che comunque la si pensi è anomala – sul team Ducati MotoGP per la stagione 2016? Diccelo attraverso il nostro consueto sondaggio del lunedì.
 
Clicca qui per partecipare.
1/50 Casey Stoner in sella alla Ducati Desmosedici GP15 a Sepang, in occasione dei primi test con la MotoGP di Borgo Panigale
© RIPRODUZIONE RISERVATA