di Beppe Cucco - 20 September 2022

In arrivo la nuova BMW M 1000 R

Dai documenti di omologazioni emergono le prime informazioni riguardo alla nuova M 1000 R. Sfrutterà lo stesso motore (aggiornato) della S 1000 RR, da 206,5 CV. Ecco le prime info

Una nuova BMW M 1000 R (e la nuova S 1000 RR) è in arrivo! Ma facciamo un passo indietro. Sono passati quasi due anni da quando BMW ha presentato la M 1000 RR (vincitrice della nostra comparativa supersportive 2022 che vedete in foto qui sopre), la prima moto a portare il marchio M nel mondo delle due ruote. Sapevamo che questo non sarebbe stato l’unico modello ad avere il badge riservato ai modelli della Casa di Monaco ad alte prestazione, infatti erano già stati registrati anche i marchi "M 1000 XR" e "M 1300 GS", ma quello che non ci aspettavamo era che la prossima moto marchiata M nascerà sulla base della S 1000 R. A dircelo sono i documenti di omologazione dei veicoli (in Svizzera e Germania), che ci mostrano una nuova M 1000 RR affiancata dalla S 1000 RR aggiornata, con motore rivisto.

Il documento riporta M 1000 R e la nuova S 1000 RR entrambe con motore da 206,5 CV a 13.750 giri/min. Non è proprio alla pari con l’attuale M 1000 RR da 212 CV, ma un leggero aumento rispetto all’attuale S 1000 RR da 204 CV. Si tratta però di un incremento considerevole per la naked, se consideriamo che l’attuale S 1000 R si ferma a “soli” 165 CV.

Il picco di coppia riportata per la nuova M 1000 RR è di 113 Nm a 11.000 giri/min. È lo stesso dell'attuale S 1000 RR, ma differisce dai 114 Nm dell'S 1000 R. Ciò suggerisce che il motore di 999 cc della M 1000 R avrà la stessa messa a punto della S 1000 RR e non la messa a punto più stradale dell'attuale S 1000 R. Questo dato ci suggerisce inoltre che il modello M adotterà il sistema di fasatura variabile delle valvole ShiftCam di BMW.

Stando ai documenti di omologazione il rapporto di trasmissione finale della nuova S 1000 RR e l'interasse di 145,5 cm sono gli stessi della M 1000 RR, ottenuto grazie a una catena più lunga e sostituendo la corona da 45 denti dell'attuale S 1000 RR con una corona da 46 denti. Il rapporto di trasmissione finale della M 1000 R avrà una corona da 47 denti e ha un passo ancora più lungo, 147 cm, un aumento di 0,5 cm rispetto alla S 1000 R. Il documento di omologazione riporta anche la M 1000 R dotata di uno pneumatico posteriore 200/55 ZR 17, proprio come la M 1000 RR. La nuova S 1000 RR resta invece con il pneumatico da 190/55 ZR 17. Non è esplicitamente menzionato nella documentazione, ma possiamo aspettarci che l'M 1000 R utilizzerà cerchi in carbonio e gli stessi freni con marchio M dell'M 1000 RR.

I primi rumors circolanti dicono che la M 1000 R e la nuova S 1000 RR potrebbero essere svelate già nelle prossime settimane, magari già ad Intermot a Colonia (4-9 ottobre).

© RIPRODUZIONE RISERVATA