di Andrea Rosotti - 02 giugno 2014

Honda Super Cub: le sue mitiche forme diventano un brevetto

La Casa di Tokyo è riuscita nell’intento di brevettare come marchio tridimensionale (Three-dimensional Trademark Registration) il Super Cub, un famoso modello venduto in tutto il mondo da oltre 50 anni. L’obiettivo: evitare copie fasulle, visto il suo successo (dal giugno 1958 ad oggi 87 milioni di esemplari prodotti!)

Honda super cub: le sue mitiche forme diventano un brevetto

Non è raro che alcuni modelli di auto e moto vengano copiati da nuove società nascenti nei Paesi in sviluppo, soprattutto doppioni di modelli economici e funzionali che hanno avuto successo in tutto il mondo. Basta pensare ai “tarocchi” Vespa e Honda PCX sequestrati dalla Finanza a Eicma, lo scorso novembre. D’altra parte, è difficile che venga concesso un brevetto sulle “forme” di una moto (Harley-Davidson ha però brevettato il tipico sound dei suoi motori). Honda, però, ci è riuscita: ora le linee del Super Cub sono un brevetto. Più precisamente, un “Three-dimensional Trademark Registration” (cliccate qui per le foto).

 

SUPER CUB, UNA STORIA CHE DURA DA 50 ANNI

L’Honda Super Cub è nato nel 1958, la produzione è partita il 17 giugno, per la precisione: si tratta di uno “scooter” (ma dotato di cambio a 3 o 4 marce) a ruote alte, con motore a 4 tempi e cilindro montato orizzontalmente sul telaio. Le cilindrate sono basse: da 50 a 110 cc. È diventato una delle moto più vendute nel mondo nonostante la semplicità delle forme e della tecnica (cliccate qui per un Cub special). Forse, però, è proprio quello il suo punto forte, unito all’economicità che ha favorito la diffusione nei paese più poveri. Queste caratteristiche, tuttavia, hanno ispirato molte altre Case motociclistiche (come è successo per il Pin che abbiamo provato o per la nigeriana M1). Da adesso in poi, grazie al brevetto, Honda potrà difendersi da tutti i tarocchi del Super Cub.

 

NUMERI INCREDIBILI

I dati sulla produzione (che avviene in 15 stabilimenti sparsi in 14 nazioni) sono impressionanti: stando ai dati che vanno fino a marzo 2014, Honda ha prodotto 87 milioni di Super Cub, venduti in oltre 160 Paesi nel mondo. I “compleanni milionari” finora festeggiati (in attesa del traguardo dei 100) sono:

  • 10 milioni di unità: Agosto 1974
  • 50 milioni di unità: Dicembre 2005
  • 60 milioni di unità: Aprile 2008
  • 85 milioni di unità: Settembre 2013

 

Nonostante le forme e il design del Super Cub, sin dalla sua nascita, siano rimaste pressoché invariate negli anni, ci sono stati diversi aggiornamenti dal punto di vista tecnico. Eccone alcuni:

  • 1958: Super Cub C100, con motore OHV (Over Head Valves, valvole in testa), 49 cc, raffreddato ad aria
  • 1964: C65 con motore OHC (Overhead Camshaft, almero a camme in testa)
  • 1966: C50 con motore OHC (Overhead Camshaft) da 49,5 cc
  • Settembre 2007: arriva l’iniezione elettronica PGM-FI che migliora i consumi e le emissioni
  • Marzo 2012: aggiornamento completo per il Super Cub 110 (parte la produzione in Cina)
  • Maggio 2012: aggiornamento completo per il Super Cub 50 (prodotto anche in Cina); il telaio subisce la prima modifica da quello originale del Super Cub 50
  • Novembre 2013: l’Honda Super Cub celebra il suo 55° compleanno con una versione speciale, il Little Cub 55th anniversary

© RIPRODUZIONE RISERVATA