Statistiche web
18 June 2009

Aprosys: il progetto che convergere le strategie di sicurezza stradale e sprona il legislatore europeo

Cinque anni fa è nato il progetto Aprosys con l’obiettivo di far convergere le strategie di sicurezza passiva che si stanno portando avanti a livello europeo. Coinvolge alcune decine di partner fra aziende, istituti di ricerca e università ed è rivolto a tutti gli utilizzatori delle strade urbane (pedoni, motociclisti, automobilisti, camionisti). Ha tante sottosezioni, fra cui quella dedicata agli “incidenti in moto”, che studia gli impatti dei motociclisti contro infrastrutture e l’idoneità del

Aprosys: il progetto che convergere le strategie di sicurezza stradale e sprona il legislatore europeo




Milano 18 giugno 2009
MISSIONE SICUREZZA Cinque anni fa è nato il progetto Aprosys con l’obiettivo di far convergere le strategie di sicurezza passiva che si stanno portando avanti a livello europeo. Coinvolge alcune decine di partner fra aziende, istituti di ricerca e università ed è rivolto a tutti gli utilizzatori delle strade urbane (pedoni, motociclisti, automobilisti, camionisti). Si articola in tante sottosezioni, fra cui quella dedicata agli “incidenti in moto”, che studia gli impatti dei motociclisti contro infrastrutture e l’idoneità dell’abbigliamento protettivo.

PER LA MOTO
Con questo gruppo di lavoro ha collaborato la FEMA (Federeazione Europea delle Associazioni di Motociclisti) che nella sua newsletter mensile riporta i risultati dello studio. Per esempio è scaturito che i motociclisti pur indossando il casco, riportano lesioni alla testa e per cui “è necessario svilupparne il livello protettivo”. In particolare i correnti standard non tengono conto di casi particolari, come gli effetti dell’accelerazione rotazionale.

SCOPI
Lo scopo del progetto è proporre degli emendamenti alla attuale normativa mettendo a confronto le condizioni di impatto tenute in considerazione da quest’ultima e quelle reali. Questo, in realtà, può valere per tutto l’abbigliamento protettivo che, secondo Aprosys, richiederebbe test aggiornati. Il progetto ha studiato, attraverso la simulazione gli angoli, le traiettorie, le distanze di scivolamento sulla strada negli incidenti in moto e di tutto questo verrà tenuto conto nella nuova proposta di emendamento.
© RIPRODUZIONE RISERVATA