03 February 2003

Aprilia Scarabeo 500

Turismo di "massa"

Dotazione


Grosso, lungo, pesante e veloce ma, soprattutto, comodissimo. Il più famoso degli scooter di Noale diventa 500 per portarvi dove non avreste mai pensato uno Scarabeo potesse arrivare.

Opulento. E’ probabilmente questo il migliore aggettivo per descrivere l’ultimo dei maxiscooter made in Noale. 223,6 kg, 1.605 mm di interasse, 2.310 mm di lunghezza e dotazioni da moto turistica: di serie, baule da 50 litri, due vani nel retroscudo con presa di corrente da 12 V, gancio portaborse, cavalletto centrale e laterale, immobilizer, terza luce di stop, comando frecce a rientro automatico e comando “hazard”, cupolino con parabrezza e paramani integrati, deflettori laterali per le gambe e strumentazione “automobilistica” con tachimetro, contagiri e contakm totale più due parziali, indicatore livello carburante, temperatura liquido raffreddamento, orologio con datario e computer di bordo.
Quest’ultimo (con comando sul blocchetto elettrico sinistro) fornisce informazioni su: consumo medio, velocità massima raggiunta e velocità media tenuta, temperatura esterna, voltmetro, countdown km al tagliando e… cronometro (forse in Aprilia pensano che qualcuno voglia andarci in pista…).
Lo Scarabeo fa della comodità il suo punto di forza ed alle abbondanti sovrastrutture unisce supporto lombare regolabile per il pilota e schienalino per il passeggero. Quest’ultimo trova una sistemazione regale, due ampi maniglioni a cui aggrapparsi e pedane (richiudibili) alla giusta altezza. La protettività aerodinamica è ottima. L’ampio scudo ed il cupolino coprono bene il pilota deviando il flusso d’aria sopra casco e spalle.
Gli inevitabili (per gli scooters) vortici dietro la schiena cominciano a farsi sentire oltre i 100 km/h ma fino a 130 km/h la stabilità è ottima; compare qualche ondeggiamento solo a velocità prossime alla massima (poco più di 155 km/h). Da segnalare la mancanza del freno di stazionamento, grave su uno scooter da oltre 220 kg.

La tecnica



Il telaio è in tubi di acciaio a traliccio con una struttura a doppia culla sovrapposta. Per garantire stabilità e tenuta di strada è presente anche l’ammortizzatore di sterzo. Lo Scarabeo 500 non ha un vano sottosella perché Aprilia ha preferito dotare il suo nuovo maxiscooter di una cassa filtro più ampia e di un capiente serbatoio della benzina (17 litri).
La forcella ha steli da 40 mm mentre i due ammortizzatori a gas della Sachs-Boge sono regolabili nel precarico molla. Le ruote sono entrambe da 16 pollici con gomme di larga sezione (110/80 ant. e 140/70 post.). L’impianto frenante, di tipo integrale, è composto da 3 dischi; sui due anteriori da 260 mm agiscono pinze flottanti a 2 pistoncini, sul posteriore da 220 mm una pinza a 2 pistoncini contrapposti.
Il motore è il Piaggio di 459 cc, raffreddato a liquido e con distribuzione a 4 valvole che la casa di Pontedera utilizza per X9 500 e Beverly 500 e Aprilia anche per l’Atlantic 500. Sullo Scarabeo è stata modificata la mappatura dell’iniezione elettronica, la cassa filtro e l’impianto di scarico, per conferirgli un’erogazione ancora più dolce e pastosa e per renderlo conforme ai limiti della normativa Euro2.

Su strada



Imponente da fermo, “amichevole” in movimento, ma il peso c’è e si sente, soprattutto nel traffico cittadino e nelle svolte strette, dove lo Scarabeo ha un comportamento sottosterzante. Baricentro e sella sono alti, l’interasse è lungo e così, anche per via dell’ammortizzatore di sterzo, non si possono pretendere miracoli in termini di  maneggevolezza.
Il motore è pronto nella risposta ed ha un reparto trasmissione a punto che ha manifestato solo qualche lievissimo strappo nelle partenze.
Se l’utilizzo principale che fate dello scooter è in città, ci sentiamo di consigliare la versione di cilindrata 125-200 cc, senz’altro più adatta al commuting urbano.
A sorprendere è la frenata, efficacissima a qualsiasi andatura e molto modulabile. L’azione integrale è affidata alla sola leva di sinistra (abitualmente quella del freno posteriore) che agisce su un disco anteriore e su quello posteriore. La leva di destra aziona invece entrambi i dischi anteriori ma non il posteriore. Ottimi gli spazi di arresto, a livello delle migliori moto da turismo.
Non brillano per funzionalità i cavalletti
, soprattutto per chi è alle prime armi; per quello centrale occorre un certo sforzo mentre quello laterale è stabile ma estrarlo rimanendo in sella comporta un movimento che va ben memorizzato prima di riuscire a farlo con naturalezza.
Buone le prestazioni ma non a livello del Piaggio Beverly 500 con lo stesso motore, rispetto al quale perde circa 1,5 CV ed accusa un peso maggiore di circa 25 kg. Non ne risente certo la guida che risulta piacevole, divertente e fluida.
La completa e leggibile strumentazione offre indicazioni che per quanto riguarda tachimetro e termometro temperatura ambientale sono piuttosto imprecise. Buoni i consumi, compresi tra i 18 ed i 20 km/l in tutte le situazioni.
L’attitudine al turismo dello Scarabeo 500 è sottolineata dall’enorme capacità di carico di cui è capace dotandolo delle borse laterali (32 litri l’una) e di quella da tunnel centrale (50 litri), per un totale di ben 164 litri!
Una nota sulla conformazione ed altezza della sella. Chi è alto meno di 175 cm potrebbe infatti riscontrare qualche difficoltà nel poggiare saldamente a terra entrambi i piedi.
Lo Scarabeo 500 costa 7.021 euro chiavi in mano, a metà strada tra i costosi maxiscooter giapponesi bicilindrici e l’economico concorrente diretto Piaggio Beverly 500.

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA