Aprilia RXV 4.5. Secondo atto

Aprilia non stravolge il suo bicilindrico. Per il 2007 guadagna un telaio più rigido e un motore più affidabile

Com'è




Aprilia non stravolge il suo bicilindrico. Per il 2007 guadagna un telaio più rigido e un motore più affidabile. La versione racing abbandona l’originale scarico sottosella in favore di un più classico monotubo, disponibile con sovrapprezzo.

A un anno di distanza, l'Aprilia smentisce chi si aspettava stravolgimenti per la sua bicilindrica RXV 4.5. Addirittura, ogni singola modifica è possibile trasferirla anche sulla versione 2006, quasi a dimostrare che le critiche iniziali erano solo frutto della gioventù del progetto. La versione 2007 è anche omologata per due e costa 9.300.



Un cannone per correre



Sulla versione da gara la Casa di Noale fa un passo indietro rispetto al rivoluzionario doppio terminale di scarico. Infatti, dopo averlo sperimentato in gara ha approntato un kit racing, destinato alle competizioni, che ricorre allo scarico singolo.

Invece la versione SXV da Supermotard non cambia.

Costa 998 euro in più con lo scarico Akrapovic con collettore acciaio e terminale in titanio
(che richiede una mappa della centralina dedicata) e 1.190 nella versione full titanio.



Sempre lei



Le quote del telaio con stampati laterali in alluminio non cambiano. Ma ora l'insieme è più rigido, compreso la parte anteriore coi tubi d'acciaio. Il motore ha il pistone dal nuovo profilo e nuova segmentatura. Si segnala anche la diversa lavorazione di alcuni ingranaggi del cambio e la campana della frizione irrobustita. Tangibili invece, in termini di prestazioni la nuova mappatura.

Gli interventi al motorino d’avviamento con nuovi ingranaggi con rapporto più lungo (oltre ad assicurare avviamenti più pronti), permette l’uso della batteria da 6Ah (prima 8,5Ah) più leggera di 0,5 kg.

La moto viene venduta con un kit racing
composto da fanale anteriore e mascherina, tabelle laterali portanumero, codino portatarga e fanale. Particolare che, unito alla nuova mappatura, concorre alla migliore erogazione. Il tutto abbassa il peso di 3 kg (0,5 il telaio, 0,6 la batteria e 1,9 kg il kit plastiche-fanali), che diventano 5 cambiando anche lo scarico, arrivando ai 118 kg.

Come va





RXV 450



La moto è molto cresciuta, maturata in quei frangenti che la rendevano impegnativa, soprattutto nel brutto. Erogazione, ciclistica, peso: è tutto meglio.
Il motore di un anno fa esplodeva appena toccavi il gas, con un effetto “on-off” poco piacevole... Adesso, l’erogazione è molto lineare e dolce, da subito.

Cambiamento sensibile anche per la ciclistica: le sospensioni scorrono bene come l’anno scorso, ma la forcella sembra avere una taratura più sostenuta, si chiude molto meno in discesa e in staccata, migliorando così la stabilità quando si va a caricare l’avantreno. Ora è molto più sincera anche ad alta velocità tra canali e buche.

Resta una certa sensibilità al sasso piantato, ma in discesa e in staccata è tutta un’altra musica.
Freni molto buoni,
come l’anno scorso, ma posizione in sella leggermente diversa: sembra abbia il manubrio più alto, invece è la sella diversamente profilata, che nella guida sembra più bassa.

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA