Aprilia RS 660, una foto spia ce la mostra su strada (due versioni?)

Due collaudatori Aprilia sono stati pizzicati su strada durante gli ultimi test della RS 660. La foto ci mostra soluzioni finora inedite e le scelte adottate dalla Casa per il passeggero. Due versioni della nuova sportiva media in arrivo?

1/19

Aprilia RS 660 - foto di Fabio Dario 

1 di 2

Svelata ad Eicma 2019 la nuova Aprilia RS 660 sarebbe dovuta essere presentata all’evento Aprilia All Stars, in programma al Mugello ad inizio maggio ma saltato per via del Coronavirus. Così, per il debutto ufficiale della nuova sportiva media di Noale bisognerà attendere ancora un po’, ma nel frattempo… due collaudatori della Casa sono stati pizzicati su strada nella zona di Padova durante gli ultimi test.

Una foto apparsa su alcuni gruppi Facebook ci mostra due Aprilia RS 660 parcheggiate in strada. L’aspetto interessante di questa immagine è che ci mostra alcuni particolari inediti. Innanzitutto vediamo un faretto poliellissoidale posto al centro tra i due fari laterali; una soluzione inedita finora ma che non sappiamo se ritroveremo anche sul modello di serie oppure se adottata solo a scopi omologativi o di test. Sulla moto vista ad Eicma, infatti, anche il faro centrale era di tipo “classico”. L’altra differenza sono le frecce, integrate negli specchi sulla moto in primo piano, (presumiamo) in posizione classica nella moto sullo sfondo. Questo potrebbe stare a significare che oltre alle due versioni (full power e “depotenziata”) potrebbero arrivare anche due allestimenti, una “base” e una “Factory”. Da notare poi, che per la prima volta vediamo la RS 660 in configurazione biposto, con pedane e sella del passeggero. Quest’ultima ben imbottita, tra l’altro, ad evidenziare il carattere stradale della moto.

Oltre a questi aspetti, esteticamente la nuova sportiva media di Noale pizzicata in quest'ultima foto ricalca esattamente le moto vista al Salone di Milano, con forme dinamiche e moderne dalle superfici contenute che non nascondono il telaio e doppia carenatura con funzione di appendice aerodinamica integrata.

1/17

Aprilia RS 660 2020

Per quanto riguarda la tecnica vi avevamo già raccontato tutto in occasione della presentazione della moto, ma facciamo un piccolo ripasso. Il cuore dell’Aprilia RS 660 è un bicilindrico parallelo frontemarcia di 660 cc, derivato dalla bancata anteriore del V4 di 1.100 cc, in grado di erogare 100 CV di potenza. L’impianto di scarico è dotato di un singolo terminale con uscita sdoppiata asimmetrica posizionato sotto il motore. Aprilia RS 660 vanta telaio e forcellone in alluminio, con il telaio che sfrutta il motore come elemento portante. La ciclistica è completata da una forcella Kayaba regolabile con steli rovesciati di 41 mm e da un impianto frenante formato, all’avantreno, da una coppia di dischi in acciaio da 320 mm di diametro, da una coppia di pinze ad attacco radiale e da una pompa radiale al manubrio, tutti realizzati da Brembo. L’elettronica è mutuata da quella delle Aprilia V4, che comprende l’acceleratore elettronico Ride-by-Wire multimappa e il pacchetto completo di controlli elettronici APRC.

Per tutti i dettagli completi vi rimandiamo al nostro articolo di presentazione. Non ci resta che pazientare ancora un po’, invece, per vedere la versione definitiva dell’Aprilia RS 660 su strada… restate sintonizzati!

1/17

Aprilia RS 660 2020

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Ultimi articoli