Statistiche web
03 March 2009

Ancora pesante il calo delle vendite moto nel mese di febbraio, Guidalberto Guidi: “Ripresa dopo gli incentivi”

Nel mese di febbraio le vendite di moto e ciclomotori sono risultate in netto calo rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, con una perdita del 37,2 %. Il totale del venduto è stato di 23.402 veicoli, con 18.931 targati, di cui 11.357 scooter (-34,4%) e 7.574 moto (-36,8%). Moderato ottimismo da parte del presidente di Ancma, Guidalberto Guidi.

Ancora pesante il calo delle vendite moto nel mese di febbraio, guidalberto guidi: “ripresa dopo gli incentivi”



Milano 3 marzo 2009
– Nel mese di febbraio le vendite delle moto sono risultate in netto calo rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, con una perdita del 37,2 %. Il totale del venduto è stato di 23.402 vicoli, con 18.931 veicoli immatricolati, di cui 11.357 scooter (-34,4%) e 7.574 moto (-36,8%). Il bimestre gennaio-febbraio 2009 si è concluso con un totale di 44.017 veicoli (-37,3%) venduti senza differenze tra moto, scooter e cinquantini. Ma le previsioni per i prossimi mesi sono moderatamente ottimistiche, grazie anche al recente intervento dei contributi governativi. Ha commentato Guidalberto Guidi, presidente di Confindustria ANCMA: “Non si leggono ancora i benefici degli incentivi che, annunciati a fine gennaio, hanno di fatto bloccato le vendite fino a quando non sono entrati in vigore effettivamente a metà febbraio. Ora sembra che nell’ultima settimana di febbraio le vendite siano nettamente migliorate e ci si aspetta un mese di marzo più positivo. La reale tendenza del mercato si potrà vedere a primavera con l’avvicinarsi del picco di stagionalità. Tuttavia, pur auspicando un recupero grazie al sostegno della domanda, le previsioni legate alle intenzioni di acquisto mostrano un ridimensionamento del mercato intorno al 10-12% su base annua. Resta ancora molto da lavorare per offrire ai potenziali clienti condizioni favorevoli di credito al consumo e molto dipenderà dalle campagne promozionali e di comunicazione realizzate dalle Case”.

Le prime nove posizioni su dieci della classifica delle vendite di febbraio sono occupate da scooter, in questo segmento subisce le minori perdite la categoria dei 125 cc (-26,3%), per cui si registrano i maggiori volumi di vendita. Segue, in forte calo, la fascia 300-500 cc (-40,5%). Netta retromarcia per gli hyperscooter, oltre i 500 cc, che se fino a gennaio resistevano bene e piacevano ai consumatori, seppur appartenenti ad un mercato di nicchia, a febbraio sono risultati una tipologia in calo del 60%. ANCMA fa sapere che “sembra emergere anche nel nostro mercato il fenomeno della riduzione di cilindrata, come avviene per le auto, gli utenti si indirizzano sui veicoli con i più bassi costi di gestione”.

Il segmento moto è interessato da una perdita di circa un terzo del mercato in tutte le sue categorie. Le naked sono le meno influenzate dalla crisi (-26,4%) e anche fra le custom i danni sono stati limitati (-28,3%). Più accentuata la diminuzione delle enduro stradali (-40,9%) e delle sportive (-40,1%).

Le vendite di ciclomotori (50cc), in assenza di incentivi, continuano a diminuire con 4.471 pezzi (-39,6%) a febbraio e 8.689 vendite nel bimestre gennaio-febbraio (-41,6%).
© RIPRODUZIONE RISERVATA