Akrapovič, un robot umanoide per testare gli scarichi

È un robot con caratteristiche di peso e altezza simili a quelle di un uomo, in grado di agire autonomamente su acceleratore, freni e frizione. Viene usato per i collaudi sulla lunga distanza. Un video ce lo mostra in azione
1/10 Il robot umanoide di Akrapovič che testa gli scarichi

I tester umani sono insostituibili!

Akrapovič ha costruito un robot umanoide per collaudare gli impianti di scarico sulla lunga distanza. Il nuovo dipendente dell'Azienda slovena è un automa dalle forme umane in grado di agire su acceleratore, freni e frizione senza l'intervento dell'uomo. Il banco prova sul quale l'androide lavora è dotato di un impianto di alimentazione automatico della moto; ciò significa che il robot-tester può andare avanti a collaudare gli scarichi pressoché all'infinito, senza doversi fermare per far rifornimento. L'impianto di collaudo permette inoltre di variare la temperatura esterna, la pressione, la velocità del vento… in modo da poter replicare il più fedelmente possibile le condizioni ambientali delle strade di tutti i giorni. Ovviamente, tutti i parametri della moto vengono costantemente monitorati. Nonostante il sistema sia completamente automatizzato Akrapovič ha fatto sapere di non voler abbandonare i tester umani, in quanto le impressioni riportate da un pilota in carne ed ossa sono al momento insostituibili.

Nel video presente qui sotto potete vedere il tester-robot Akrapovič in azione.

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA