SPECIALE SALONE EICMA 2021
Tutte le novità Casa per Casa

Le moto portoghesi AJP arrivano in Italia

Media Auto S.r.l. commercializzerà nel nostro Paese le moto da enduro, cross e motard della Casa di Pias (frazione di Lousada, distretto di Oporto). La gamma spazia dai 125 cc ai 250 cc ed è prevista per il prossimo anno un motore da 650 cc. La storia del Marchio e i modelli disponibili

Le moto portoghesi ajp arrivano in italia

AJP è un’azienda portoghese produttrice di moto da enduro, cross e motard nata nel 1987. Nel corso della sua storia ha partecipato a numerose competizioni fuoristradistiche, ottenendo discreti risultati. Il momento di maggior successo nelle gare è alla fine degli anni ’90, quando la Casa conquista 5 titoli nazionali enduro consecutivi (1996-2000). Le moto AJP sono conosciute all’estero (soprattutto in Europa, ma anche in Brasile e Giappone) e commercializzate anche nel nostro Paese, grazie all'importatore Media Auto S.r.l di Rosà (VC). Nella gamma moto di AJP troviamo tre modelli (PR3, PR4 e PR5), con motori da 125 e 250 cc, ognuno disponibile in tre configurazioni (enduro, cross e motard). Per l’anno prossimo è previsto l’arrivo anche di una versione da 650 cc. Nella gallery trovate le foto delle moto del Marchio Portoghese.

 

Da officina di elaborazioni a produttori di moto

AJP Motos nasce nel 1987 a Penafiel, nel nord del Portogallo, da un’idea dei fratelli Antonio Pinto e Jorge Pinto (le iniziali dei loro nomi formano la sigla dell’Azienda), che decidono di trasformare la loro officina di preparazioni in un'azienda produttrice di motociclette. Il loro primo modello è la Ariana 125 (Ariana è anche il nome della figlia di Antonio, nata in quell’anno), una moto da enduro equipaggiata con un motore 2 tempi prodotta in soli 25 esemplari. Nel 1991 AJP lega una partnership con Petrogal (Galp Energia), le due aziende collaborano allo sviluppo della nuova Galp AJP 50. Da quello stesso anno la Casa inizia a partecipare ai campionati nazionali di enduro, il culmine del successo è tra gli anni 1996 e 2000, quando la Casa conquista 5 titoli portoghesi consecutivi. Nel 2001 viene alla luce la nuova AJP PR4 125, con motore a 4 tempi e il serbatoio del carburante posto sotto alla sella del pilota (caratteristica innovativa all’epoca, ancora presente nei modelli di oggi). Con la PR4 125 iniziano anche le esportazioni all’estero, soprattutto in Francia, Germania e Inghilterra.

 

Nel 2009 la enduro 200 cc 4t più leggera al mondo

Nel 2003 AJP si trasferisce nel nuovo stabilimento di Lousada (Portogallo) e l’anno successivo introduce sul mercato una nuova versione della PR4 con motore da 200 cc. Grazie a questo modello aumentano le esportazioni in Spagna, Polonia e Grecia. Nel 2007 AJP presenta la PR3 200 MX; il modello introduce un nuovo di telaio con doppi longheroni in alluminio, questo particolare semplifica la produzione e dona alla moto un look più moderno e aggressivo. Al modello MX segue la versione PRO, con un set di sospensioni evolute. La PR3 200 MX PRO, con un peso di 89 kg, conquista il titolo di moto da Enduro, con motore da 200 cc a 4 tempi, più leggera al Mondo. Nel 2009, AICEP Capital Global diventa partner dell’Azienda e fornisce alla società i mezzi necessari per lo sviluppo del suo piano di espansione. Alla fine dell’anno AJP presenta la PR5, con motore da 250 cc a iniezione elettronica e un peso contenuto sotto i 100 kg. Questo modello apre le porte alle esportazioni anche verso il Giappone e Brasile. AJP dichiara che ogni modello che esce dalle linee di produzione viene controllato a mano da Antonio Pinto stesso.

 

www.ajpmotos.pt

www.mediaauto.it

www.ajpmoto.it

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA