Addio pista, Italia troppo cara

Un lettore, stanco di spendere troppo, ha deciso di non frequentare più i circuiti italiani e ci ha scritto per lamentarsi dei continui rincari. La risposta di Motociclismo

1/28

Comparativa Supersportive 2019 - Rijeka

1 di 2

Caro direttore, scrivo nel triste giorno in cui ho deciso di piantarla coi circuiti. Tutti parlano di dare spazio alla propria passione in sicurezza… Bello, a patto avere almeno 320-330 euro al giorno solo per la pista (Mugello, Imola, etc), a cui aggiungere 50-60 euro di assicurazione pioggia, poi gomme e attrezzatura varia. Morale, una giornata di pista costa tranquillamente tra i 400 e 500 euro, salvo imprevisti. Negli ultimi anni, inoltre, il prezzo delle piste è cresciuto di 30-40 euro ogni stagione. Mi sono stufato, poi vedi i prezzi delle piste all’estero e con quello che spendiamo in Italia per una giornata, in Spagna se ne fanno almeno due. E “sotto data” gli organizzatori con parecchi posti disponibili mettono on line offerte anche al 40% in meno! Mi interesserebbe conoscere il vostro punto di vista sull’argomento.

Stefano Donati – Bologna

Caro Stefano, è vero che in molti casi all’estero le piste costano meno perché, come per esempio in Spagna, interviene direttamente lo Stato. In Italia gli organizzatori devono fare i conti con costi di affitto pista molto spesso doppi rispetto ad altri paesi, anche se da noi si trovano comunque giornate a prezzi inferiori di quanto riporti. Dipende soprattutto dalle date: una domenica in piena stagione costa sicuramente di più di una domenica o un lunedì di aprile o agosto. Inoltre, gli organizzatori danno la possibilità di acquistare, per esempio nelle fiere invernali, voucher scontati da utilizzare poi in stagione, permettendo così di risparmiare non poco. Sotto data i prezzi sono superiori, ma se ci pensi questo vale anche per alberghi e voli aerei: sono le normali dinamiche di mercato. L’assicurazione pioggia è un servizio - opzionale - creato apposta per l’utente italiano, proprio alla luce dell’esborso superiore alla media che deve affrontare. Va detto tuttavia che, se si paragona, per esempio, il Mugello con il Paul Richard francese, i prezzi non sono poi molto distanti. Relativamente ai posti liberi scontati sotto data, ti diamo ragione. Il nostro consiglio è di affidarsi a un organizzatore serio, come per esempio Gully Racing.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Ultimi articoli