Addio Confederate Motorcycles, benvenuta Combat Motors

Il produttore di moto americano ha cambiato il suo nome da Confederate Motorcycles a Combat Motors. La nuova azienda continuerà a offrire assistenza alle “vecchie” moto nonostante il re-branding e offre il cambio logo ai clienti

1/8

L’azienda americana Confederate Motorcycles, fondata a Birmingham, Alabama, nel 1991, cambia il suo nome in Combat Motors. La decisione è stata motivata dalla Casa spiegando che il nuovo nome "esemplifica meglio lo spirito e i valori della nostra azienda, dei nostri partner di produzione e dei nostri clienti".

Nonostante il cambio nome, il marchio produrrà ancora la stessa gamma di moto, che comprende F-117 Combat Fighter, P-51 Combat Fighter, FA-13 Combat Bomber e Combat Wraith. Tutte le moto continueranno inoltre ad essere realizzate con lo stesso design che vede il telaio scolpito da un singolo blocco di alluminio aerospaziale al centro dell’attenzione.

Ernest Lee, CEO del marchio, ha dichiarato che prima di decidere di cambiare il nome si è consultato con i clienti e con tutti coloro erano coinvolti in azienda, e solo dopo essere giunti a una decisione comune si è optato per il re-branding. Queste le parole di Lee: “il marchio è più grande di chiunque di noi. Vive nei clienti che hanno posseduto le nostre moto e nelle persone che sono state coinvolte con l'azienda sin dalla sua fondazione nel 1991. Finché abbiamo moto sulla strada, il nostro il marchio vivrà attraverso i loro proprietari.

Combat Motors continuerà a offrire assistenza alle moto a marchio Confederate e offre il cambio di logo a qualsiasi cliente interessato.

1/7

Il nuovo logo Combat Motors 

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Ultimi articoli