SPECIALE SALONE EICMA 2022
Tutte le novità Casa per Casa
27 March 2007

Abbigliamento: sceglierlo spendendo il giusto

Un casco o un giubbino sbagliato possono rovinare anche il bel viaggio in moto, ma soprattutto possono compromettere la vostra sicurezza. Per questo ogni capo deve essere scelto con grande attenzione, anche rinunciando, se occorre, ad un "taglio" o ad un colore più accattivanti.

Per non sbagliare



Un casco o un giubbino sbagliato possono rovinare anche il bel viaggio in moto, ma soprattutto possono compromettere la vostra sicurezza. Per questo ogni capo deve essere scelto con grande attenzione, anche rinunciando, se occorre, ad un "taglio" o ad un colore più accattivanti.

Su strada



SU STRADA


GIACCA
Alcuni modelli sono indicati per l’utilizzo a 360 gradi. Esistono però anche giacconi pesanti specifici per l’inverno e giubbini traforati ideali per le estati più afose. L’importante è trovare la giusta taglia, che non sventoli come una bandiera se eccessivamente larga, ma abbastanza ampia da poter indossare una felpa o un golfino sotto la giacca. Indispensabili le protezioni su spalle, gomiti e schiena.

PANTALONI
Meglio optare per quelli unibili alla giacca tramite cerniera: si evitano “spifferi” d’aria sulla schiena e aumenta la protezione. Importante la presenza di protezioni almeno su ginocchia e fianchi.

MALTEMPO
Le moderne membrane impermeabili e traspiranti mantengono quel che promettono: corpo asciutto durante gli acquazzoni e poco sudore anche d’estate. Qualora si viaggi per lungo tempo sotto la pioggia è meglio dotarsi di tuta antipioggia, perchè le giacche, seppur, impermeabili si impregnano negli strati più esterni, diventano pesanti e si asciugano più lentamente.

COSTI
Per una giacca in tessuto leggero o nylon si parte da circa 100 euro. La Cordura e il Gore-Tex fanno lievitare il prezzo ad almeno il doppio, mentre per la pelle si arriva a spendere 600 euro. I pantaloni si possono abbinare alla giacca e, rispetto a questa, costano meno: si spazia dai 75 ai 520 euro.  Pe il casco: prezzi a partire da 150 euro per un modello in materiale termoplastico. Totale minimo: 600 euro.

In pista


IN PISTA

SCELTA UINCA La tuta in un sol pezzo è d’obbligo: solida, protettiva ed essenziale. Alcuni negozi di abbigliamento specializzati hanno a disposizione dei clienti una machette, un manichino con sella, pedane e manubri per simulare la postura da pista, per aiutare i motociclisti nella scelta del capo adatto. La taglia deve essere perfetta, nè larga perchè dà fastidio nei frequenti spostamenti in sella, nè stretta perchè può provocare problemi alla circolazione sanguigna. La pelle dev'essere morbida e consistente, mentre le protezioni devono essere omologate e piazzate nelle apposite tasche interne.

COSTI Per una tuta in pelle, intera o divisibile,si può partire da un minimo di 550 euro, ma le più tecnologiche, leggere e con protezioni anche esterne (slider in titanio per scivolare sull’asfalto) arrivano a costare anche più di 1.700 euro. La realizzazione su misura, naturalmente, fa schizzare i prezzi. Qualora non fosse già integratro nella tuta è necessario  un paraschiena, il cui prezzo varia dai 40 ai 160 euro. Casco integrale guanti e stivali richiedono altri 400 euro. Totale minimo: 1000 euro.

In città


IN CITTA'

ELEGANZA E FUNZIONALITA'. L'abbigliamento per l'utilizzo della moto nel contesto urbano è meno costoso, ma è meglio non sottovalutare la possibilità di acquistare capi pensati per combinare la sicurezza e l'estetica, tanto da potercisi presentare in ufficio. Esistono scarpe, jeans e pantaloni dal taglio classico resistenti all'abrasione. Un casco jet è certamente più comodo e pratico in città, ma se proprio non riuscite a convincervi ad utilizzare un integrale, abbiate cura nella scelta del vostro modello aperto. Meglio se dotato di ampia visiera: ripara dall’aria e dagli insetti, pur non riducendo la visibilità.

COSTI Con 350 euro ci si può procurare casco jet con calotta in resina verniciata, giubbotto in Cordura 500 con membrana antivento, guanti leggeri in pelle e scarpe sportive. Totale minimo: 350 euro.

In fuoristrada


IN FUORISTRADA

TECNICA L’off-road, quello vero, impegnato e agonistico, richiede un abbigliamento dedicato: casco da cross con mascherina, completo maglia e pantaloni in poliestere, stivali alti e rigidi, guanti leggeri per la massima sensibilità e, naturalmente, protezioni adeguate. L’importante è che nulla ostacoli i movimenti: sì a tessuti elasticizzati; no invece a taglie esagerate: c'è il rischio che la maglia o il pantalone si impigliano in un ramo o in qualche appendice della moto. Gli stivali sono una parentesi affatto trascurabile: per il cross e l’enduro più impegnativo è d’obbligo scegliere un modello con protezioni plastiche e puntale metallico. Se invece il fuoristrada praticato è soft o di tipo escursionistico, possono bastare degli stivali “ibridi”: adatti anche al turismo. È però indispensabile che gli stivali siano impermeabili.

COSTI Per la maglia si spendono 30-50 euro, che salgono a 50-100 per i pantaloni. Un casco con calotta in Lexan o resina termoplastica può costare 150 euro, ma per un modello in fibre composite si superano i 400 euro. La mascherina costa 30-40 euro. Altri 40 sono necessari per i guanti; almeno il doppio per una pettorina. La spesa più grossa è determinata dagli stivali: almeno 200 euro per avere delle calzature comode e resistenti. Totale minimo: 550 euro.

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA