di Beppe Cucco - 24 gennaio 2019

Avvio durissimo per il nuovo esame della patente A

9 bocciati su 10 presso la Motorizzazione di Roma Laurentina. Secondo il direttore della struttura non è colpa solo dei nuovi esercizi d'esame, ma anche "dell'emozione per la novità"
1/9

Il 2 gennaio è entrata in vigore la nuova modalità di svolgimento degli esami per le patenti per moto e ciclomotori (A, A1, A2). Il nuovo esame prevede l'innalzamento della velocità minima alla quale deve essere effettuata la seconda delle prove di guida su "pista" (da 30 a 50 km/h) e un tempo limite entro il quale effettuare i due esercizi pratici. Secondo quanto riportato dal "Corriere della Sera", però, la prima sessione d'esame svolta con la nuova modalità è stata un vero e proprio disastro presso la Motorizzazione Civile di Roma Laurentina. Durante la prima giornata d'esame svolta con la nuova metodologia, infatti, sono stati bocciati ben 9 esaminandi su 10!

Le motivazioni sembrerebbero essere la difficoltà da parte dei ragazzi a comprendere i nuovi percorsi d'esame, anche per via delle tracce del vecchio esame ancora presenti sull'asfalto, e la severità degli istruttori, che non hanno mai permesso una seconda possibilità.

L'ingegner Paolo Amoroso, direttore della Motorizzazione Civile di Roma, era presente al debutto del nuovo esame e ai colleghi del Corriere ha dichiarato: "Questo nuovo sistema porta a un incremento della difficoltà della prova. È impegnativo, non ci sono dubbi. Ci vuole una grande preparazione tecnica". Riguardo all'alto numero di bocciati Amoroso ha dichiarato che non si aspettava un numero così alto e ritiene che "molto abbia giocato anche l’emozione per la novità".

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Ultime notizie news