Motociclisti d'agosto: moto super accessoriata e abbigliamento impeccabile

2 settembre 2017
di Giorgio Sala
  • Salva
  • Condividi
  • 1/10 Triumph Tiger Explorer durante il viaggio/prova 2016 delle maxi enduro in Albania
    Il nostro ultimo sondaggio evidenzia che il maggior numero di motociclisti che si mette in viaggio ad agosto lo fa con moto ultra accessoriata e abbigliamento tecnico all'ultimo grido. In calo quelli con moto da raid ma nemmeno un granello di polvere addosso… Pregi e difetti del centauro agostano

    Come vedete il motociclista agostano?

    Motociclisti d'agosto: moto super accessoriata e abbigliamento impeccabile

    Il mese di settembre è iniziato e le ferie per moltissimi ormai restano ormai solo un ricordo. Com’è andata la vacanza? Di certo avrete incrociato numerosi motociclisti sulle strade, all’imbarco del traghetto, nel parcheggio dell’hotel o al casello a pagare il biglietto dell’autostrada (a proposito, avete approfittato dello “sconto moto” sul pedaggio?). Ma che genere di motociclisti avete incontrato durante i vostri viaggi? Questo è ciò che vi abbiamo chiesto attraverso il nostro consueto sondaggio on line, ripetendo le domande che vi abbiamo fatto nello stesso periodo del 2015 e del 2016, così da poter verificare, secondo i voti dei 1.589 partecipanti, se e come stanno cambiando le abitudini del motociclista… d’agosto.

    Moto super accessoriata e abbigliamento tecnico

    Motociclisti d'agosto: moto super accessoriata e abbigliamento impeccabile

    Il primo sondaggio aveva evidenziato come sulle nostre strade nel mese di agosto erano in maggior numero i mototuristi con la moto ultra accessoriata e un impeccabile abbigliamento tecnico; lo scorso anno invece prevalevano i motociclisti con la moto da raid, ma l'abbigliamento lindo come quando si va in ufficio. La nostra terza consultazione in merito ha riportato le cose allo stato iniziale: quella dei turisti con moto ultra accessoriata e impeccabile abbigliamento tecnico torna ad essere la categoria più rappresentata, con quasi il 41% dei voti contro il 29% ottenuto dai “motociclisti da raid” che… non fanno i raid. Sarà perché è sempre più difficile farlo, grazie anche a divieti e scenari per nulla incoraggianti, ma di fuoristrada vero nel periodo delle vacanze se ne fa proprio poco… Riprendono terreno la categoria del motociclista casa-spiaggia in bermuda e infradito (dal 15 all’11 % negli anni scorsi, oggi al 13,5), e quella dello scooterista con casco jet e maxibauletto straripante di pinne e boccagli (dal 13 al 9% negli anni scorsi, oggi al 12,3). Continua inesorabile il calo degli “avventurieri” (3,1%) e degli “smanettoni solitari”(1,2%)

    Il viaggio in moto è passione

    Motociclisti d'agosto: moto super accessoriata e abbigliamento impeccabile

    Non cambiano però i motivi per cui si sceglie la moto per il proprio viaggio di agosto: in prima posizione si conferma il fatto che solo le due ruote sanno restituire tutti i sapori e i colori di un luogo (68%). L’idea insomma che la moto sia innanzitutto passione è la vera e più importante motivazione per cui la si usa. A lunghissima distanza c’è la possibilità che la moto dà di dribblare le code (22,3%), mentre continua a non essere stimolante in alcun modo (anzi, è in calo) l’idea che la moto in vacanza faccia spendere meno dell’auto (da 2 a 1,6%) o consenta di rimorchiare più facilmente qualche bella fanciulla (1%). Leggermente in controtendenza coloro che sostengono che anche in vacanza ci vuole una bella smanettata (dal 2 al 3,1%).

    Continuiamo a non rispettiamo le code, ma beviamo meno

    Motociclisti d'agosto: moto super accessoriata e abbigliamento impeccabile

    Ma qual è il difetto più comune dei motociclisti in ferie? Sempre al primo posto tra i difetti dei motociclisti in vacanza, il fatto di non rispettare le lunghe colonne che si creano ai caselli è in aumento rispetto allo scorso anno, passando dal 30 al 34,4%. Micro calo invece per un vizio molto pericoloso: quello di guidare troppo forte con la moto a pieno carico (da 26 a 25,8%). Sostanzialmente la situazione non cambia rispetto al 2016 per i parcheggiatori selvaggi, che passano dal 9 all’8,4%.
    Ci fa invece piacere constatare, pur nell’esiguità dei numeri, che i motociclisti che salgono in sella dopo qualche birra di troppo siano in calo: l’anno scorso erano l’8%, quest’anno la cifra si è dimezzata! Stabili intorno al 5% i motociclisti rumorosi, mentre il 22,3% dei votanti sostiene che i motociclisti agostani non abbiano particolari difetti (l’anno scorso erano il 20%).

    © RIPRODUZIONE RISERVATA
    Sposta