Valentino Rossi chiamato in tribunale

13 January 2018
di Giuseppe Cucco
Valentino Rossi chiamato in tribunale
Nessun accordo con i legali degli ex collaboratori. È stato chiesto che Rossi si presenti in aula

Tutto rimandato

Ieri, davanti al Giudice del Lavoro di Pesaro Maurizio Paganelli, si è tenuta la prima udienza in merito all'accusa sollevata da due ex collaboratori di Valentino Rossi, che accusano il Campione di non avergli pagato gli straordinari (cliccate qui per ripercorrere la vicenda).

L'udienza si è svolta a porte chiuse, a causa dell'interesse mediatico che si era creato sulla vicenda. I due coniugi moldavi Victor Untu e Jigan Zinaida, ex tuttofare della Villa di Rossi, assistiti dall'avvocato Mario Del Prete, hanno accettato la richiesta del Giudice di rilanciare una cifra più bassa di quanto richiesto inizialmente (114.000 euro) per poter chiudere il contenzioso. I coniugi hanno così chiesto circa la metà della cifra iniziale, ma l'Avvocato di Rossi, Virgilio Quagliato, ha però considerato la proposta fatta ancora molto lontano dalla volontà del suo cliente; al quale avrebbe comunque riportato la proposta, in modo da poter prendere una decisione.

L’avvocato degli ex collaboratori di Rossi ha chiesto inoltre che Valentino venga sentito in prima persona in merito alla questione e insieme a lui altre quattro persone che potrebbero essere informate sui fatti. La richiesta di poter ascoltare altri 4 testi è stata fatta anche dal legale di Rossi. In merito a ciò, il Giudice si è riservato una decisione,

La sentenza è prevista entro maggio 2020.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Sposta