MV Agusta Brutale 800 RR: cresce la potenza, migliora il carattere!

17 March 2018
a cura della redazione
  • Salva
  • Condividi
  • 1/15 La nuova MV Agusta Brutale 800 RR in azione durante il press test nei dintorni di Schiranna (VA)
    La nuova MV Agusta Brutale 800 RR si presenta in versione Euro 4. Cresce la potenza di ben 25 CV, il cambio è stato rivisto e l'elettronica migliorata. Tutti questi aggiornamenti la rendono più gentile, ma…

    Il motore della nuova MV Agusta Brutale 800 RR è ora un Euro 4 e vede la potenza crescere da 115 a ben 140 CV, grazie ad un cospicuo intervento, tra cui nuovi alberi a camme e valvole completamente riprogettate. Il cambio è del tutto nuovo con innesti più precisi, veloci e fluidi, assecondati dal sistema di cambiata assistita MV EAS 2.0. La forcella resta una Marzocchi da 43 mm ma con steli, pompanti e foderi in alluminio e trattamento DLC, così come i piedini realizzati nella stessa lega e forgiati. Rinnovata profondamente anche la gestione elettronica, denominata MVICS, ora basata sulla piattaforma firmware 6, che prevede una migliore gestione del Ride by Wire oltre che di numerose funzionalità personalizzabili; sono 3 le mappe motore selezionabili, più una totalmente “customizzabile” con possibilità di agire su ben 5 parametri come il freno motore, il limitatore di giri o la coppia massima, mentre il Traction Control è regolabile su 8 posizioni. La nuova RR vede poi la presenza di un ammortizatore di sterzo, anch’esso regolabile, cerchi in alluminio dedicati, nuovo attacco della corona sul monobraccio e un nuovo monoammortizzatore, sempre Sachs come la versione Base ma con idraulica e pistone diversi.

    MV Agusta Brutale 800 RR: cresce la potenza, migliora il carattere!
    MV Agusta Brutale 800 RR

    Saltiamo in sella e partiamo dagli stabilimenti di Schiranna, proprio sulle rive del lago di Varese, per un lungo giro di prova; è immediato il feeling col nuovo cambio che permette di dimenticarsi della frizione e passare da una marcia all’altra con una notevole fluidità, velocità e precisione. La nuova Brutale è meno rumorosa di meccanica, per far sentire il suono decisamente gradevole dello scarico. Il motore, nella versione provata nella scorsa comparativa naked risultava “ruvido” e poco lineare soprattutto a bassi regimi per poi urlare agli alti; bene, ora si comporta da vero tre cilindri e permette di affrontare le rotatorie anche in quarta marcia senta battere ciglio. Dai 7 ai 12500 giri spinge forte senza buchi e incertezze. L’effetto on-off, dovuto ad una gestione del Ride By Wire non ottimale, ora è praticamente del tutto sparito. Resta scomoda la sella, davvero troppo dura, che filtra poco la rigidezza complessiva delle sospensioni cosi come settate dalla Casa; su fondi sconnessi le reazioni di forcella e mono sono troppo secche, meglio strade lisce oppure agire di fino sulle regolazioni.

    Complessivamente, malgrado tanta potenza in più, si è ingentilita rispetto alla versione base; a livello di ciclistica, benché si stia sempre seduti sulle piastre della forcella tanto è corta e piccola, si è rivelata un filo più docile. Non male per una moto che si chiama Brutale!

    MV Agusta Brutale 800 RR: cresce la potenza, migliora il carattere!
    MV Agusta Brutale 800 RR
    © RIPRODUZIONE RISERVATA
    Sposta