Comparativa Maxinaked 2017, Day 2: un pregio e un difetto di ogni moto

14 ottobre 2017
a cura della redazione
  • Salva
  • Condividi
  • 1/14 Con un paesaggio così è impossibile non fermarsi a scattare qualche foto
    Aprilia Tuono V4 1100 RR, BMW S 1000 R, Ducati Monster 1200 S, Kawasaki Z1000 R, KTM 1290 SuperDuke R, Suzuki GSX-S1000, Triumph Street Triple RS, Yamaha MT-10 SP: sono le protagoniste della Comparativa Maxinaked 2017. Ecco le impressioni di guida al termine del Day 2

    8 maxinaked in sfida!

    Dopo le endurone, le maxi sportive, le naked “easy” e “medie”, le sport tourer e i maxiscooter, adesso è arrivato il momento delle maxinaked darsi battaglia in comparativa. Per questo, il Test Team di Motociclismo è impegnato in un tour in Francia, più precisamente nella regione della Provenza-Alpi-Costa Azzurra , per decidere qual è la miglior maxinaked del momento. A sfidarsi sono: Aprilia Tuono V4 1100 RR, BMW S 1000 R, Ducati Monster 1200 S, Kawasaki Z1000R, KTM 1290 SuperDuke R, Suzuki GSX-S1000, Triumph Street Triple RS e Yamaha MT-10 SP. Ma per conoscere meglio le protagoniste della prova vi rimandiamo all’articolo di presentazione della Comparativa; cliccate qui invece per le foto del secondo giorno di prova.

    Comparativa Maxinaked 2017, Day 2: un pregio e un difetto di ogni moto
    Il logo della Comparativa Maxinaked 2017

    Un pregio e un difetto di ogni moto

    Dopo il lungo trasferimento autostradale e il primo tratto tortuoso del day1, l'indigestione di curve del secondo giorno di comparativa ci ha permesso di capire meglio il carattere di ogni moto. Iniziamo con il dirvi che rimane la divisione tra le naked “supersportive”, con le quali ti diverti ma senza accorgertene sei a velocità folli, e le moto che ti fanno divertire anche a velocità ridotte, senza dover necessariamente andar fortissimo. Dopo 400 km di curve ci siamo chiariti le idee, ma per ora vi diciamo solo un pregio e un difetto di ogni moto (troverete le prova completa, compresi anche tutti i rilevamenti del nostro Centro Prove, su Motociclismo di novembre); andiamo in ordine alfabetico. Aprilia: ha un motore e un telaio eccezionali, ma è più scomoda di altre naked in sfida, soprattutto se la strada non è in condizioni perfette. BMW: come per la Tuono, anche sulla S 1000 R si sente la discendenza da una supersportiva, abbiamo quindi motore e telaio precisi e una spinta incredibile; non ci ha convinto però il freno anteriore, poco modulabile. Ducati: ha un ottimo equilibrio generale, ma non ci piace il fatto che, guidando con le punte dei piedi sulle pedane, i talloni vadano a urtare le pedane del passeggero. Kawasaki: ci piace il fatto che l’assenza di elettronica metta in risalto… il suo animo fun; difetto: vibrazioni diffuse su sella e pedane. KTM: ha un motore incredibile e una ciclistica a punto; bisogna però tener conto del fatto che abbia delle prestazioni non alla portata di tutti. Della Suzuki ci piace il suo equilibrio generale ed è anche piuttosto comoda; peccato per il marcato effetto on-off, fastidioso. Triumph: anche lei è molto precisa, ma ci saremmo aspettati un po’ più di maneggevolezza. Yamaha: motore bellissimo e una ciclistica precisa, nello stretto però non è proprio agilissima.

    Sempre connessi con il Test Team

    Per restare aggiornati in tempo reale su come procede la prova rimanete in contatto con noi attraverso la nostra pagina Facebook, dove ci saranno aggiornamenti “live” nel corso del test con foto e video.

    Comparativa Maxinaked 2017, Day 2: un pregio e un difetto di ogni moto
    La copertina della nostra pagina Facebook

    Comparativa Maxinaked 2017, Provenza - Alpi - Costa Azzurra

    Se volete approfondire tutto ciò che riguarda la nostra Comparativa Maxinaked 2017 potete cliccare i link di seguito:

    © RIPRODUZIONE RISERVATA
    Sposta